Visualizzazione post con etichetta antispecismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta antispecismo. Mostra tutti i post

01/01/15

La tartaruga è rovesciata: salvata dal compagno c'è più solidarietà tra gli animali che tra gli uomini .

  da  http://www.msn.com/it-it/video/notizie/

video


È uno straordinario esempio di solidarietà animale, quello ripreso nello zoo di Taipei. Un esemplare di tartaruga nota il compagno steso sul carapace e impossibilitato a muoversi. Allora prende a spingerlo facendo leva con la testa e col proprio guscio fino a capovolgerlo di nuovo nella giusta posizione. Questa scena, registrata da un papà in visita con la propria figlia, ha fato il giro del web, raccogliendo centinaia di migliaia di visualizzazioni(a cura di Matteo Marini)

31/03/14

Ada, una cornacchia ferita è diventata amica di un gatto . sepulvera ha fatto centro


gli manca  solo che  gli insegni a volare     e  la  simbiosi fa   vita  e letteratura  è completa

da  l'unione sarda  del  31\3\2014

                                                         La cornacchia


Da nemico ad amico. All'inizio era un pericolo ma nel giro di poco tempo il gatto è diventato amico della cornacchia ferita.

Quando si dice finire nel mirino. E' successo, stavolta nel senso letterale del termine, a una cornacchia ribattezzata "Ada". Ferita a un'ala e senza una zampetta, ora vive in un giardino in compagnia dei gatti. Uno in particolare, l'ha adottata tanto da diventare suo amico. Si sono guardati con sospetto per alcuni giorni, si sono avvicinati e allontanati di malo modo. Poi si sono arresi a una sorta di solidarietà reciproca e ora il gatto "veglia" sulla cornacchia e non la perde mai di vista. Lei gli saltella attorno, mangia dalla stessa ciotola e si riposa bilanciandosi sull'unica zampetta rimasta senza doversi più preoccupare di... guardarsi alle spalle.Lunedì 31 marzo 2014 09:26Apprendiamo da loro.
Quando si dice la solidarietà. Questi due animali così diversi tra loro sono riusciti a convivere dopo qualche giorno di reciproci sospetti. Ora sembra abbiano bisogno l'uno dell'altro; ciò è meraviglioso. Questo deve insegnare a noi uomini intelligenti che la solidarietà con persone diverse da noi, sia culturalmente che fisicamente, non deve spaventarci,perché ne guadagneremmo entrambi sotto tutti i punti di vista.

13/04/12

Le scimmie sanno leggere Distinguono le parola dai segni privi di sensola teoria di darwin è superata o va integrata ?


 leggendo    questa  news  che trovate  sotto presa dall'agenzia     Ansa  del  13 aprile, 11:41  e le discussioni  avute in merito  con il cofondatore Danilo Pilato  ( ora perso per  strada , SIC    ) del nostro ex  blog      mi porta  a chiedermi    la  teoria  di C.Darwin è ancora  valida  ?   l'antispecismo   non è  più un tabù  ?    La  risposta  è  SI  e No  . 
Si .perchè   questo studi  conferma  uno  dei canmoni  principali  del movimento  antispecista  <<  (..) e capacità di sentire (di provare sensazioni come piacere e dolore), di interagire con l'esterno, di manifestare una volontà, di intrattenere rapporti sociali, non siano prerogative della specie umana; (.... )  da  http://it.wikipedia.org/wiki/Antispecismo >>.
No perchè una rondine non fa primavera   andrebbe accentuata  e studiata meglio altrimenti si rischiano  figuracce  come quella  dei  Neurini  
Ma ecco la news .  mi farebbe  piacere approfondire  l'argomento  sono ben accette  o qui  nei commenti o all'email del blog  o perché  no anche  su  facebook le  vostre opinioni  ed  eventualmente  un dibattito in merito  



 Le scimmie sanno leggere Distinguono le parola dai segni privi di senso


Uno dei babbuini che hanno imparato a riconoscere le parole scritte (fonte: J. Fagot) 

                          
Anche i babbuini sanno 'leggere' riconoscendo parole di senso compiuto. A 40 anni dai primi esperimenti sulla capacità delle scimmie di riconoscere i segni del linguaggio umano, un nuovo studio pubblicato su Science conferma che alcune abilità alla base della lettura sono comuni a tutti i primati. Nell'arco di un mese e mezzo i babbuini hanno imparato a 'leggere' decine di parole umane, distinguendole da segni privi di significato. Lo studio, condotto dai ricercatori del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica (Cnrs) francese in collaborazione con l'Università di Marsiglia, dimostra che i babbuini (Papio papio) sono in grado di padroneggiare uno degli elementi fondamentali della lettura, anche se non si tratta di vere e proprie competenze linguistiche. Numerosi studi condotti in passato hanno evidenziato le capacità di apprendimento e di comunicazione linguistica delle scimmie mediante simboli o gesti, come quelli usati nella lingua dei segni. Negli anni '70, ad esempio, è stato celebre il caso dello scimpanze' Sarah, che riuscì a organizzare una serie di simboli secondo un ordine grammaticale preciso e a comunicare correttamente con una forma di scrittura basata sull'uso di simboli. Se ricerche come queste hanno permesso di verificare che le scimmie hanno competenze logiche e l'uso consapevole del linguaggio, il nuovo esperimento ha dimostrato che i primati hanno anche una capacità 'ortografica'. Le scimmie hanno infatti imparato a segnalare la differenza tra le sequenze di lettere stampate che componevano parole inglesi corrette, da altre sequenze senza senso. Poste davanti a uno schermo dove comparivano due diverse combinazioni di lettere erano chiamate a riconoscere la presenza di parole sensate. Il riconoscimento delle lettere e la loro posizione relativa viene generalmente considerato come il primo passo nel processo di lettura e necessita di alcune peculiari capacità di controllo nel movimento degli occhi e nell'elaborazione visiva. Si tratta quindi di un'abilità che non necessita di conoscenze linguistiche a priori. Lostudio dei ricercatori francesi ha inoltre identificato nell'area sinistra della corteccia occipito-temporale del cervello dei primati la sede dei meccanismi 'ortografici', una regione già identificata in precedenza nelle scimmie come la sede dell'elaborazione visiva.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget