Visualizzazione post con etichetta anomalie della giustizia italiana. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta anomalie della giustizia italiana. Mostra tutti i post

28/06/15

Arzachena, lo sfogo dell'imprenditore a cui hanno ucciso il figlio ... Arzachena, lo sfogo dell'imprenditore a cui hanno ucciso il figlio : << l'assassino del figlio è fuggito da anni ma Lo Stato si ricorda di me solo per le tasse >>


 Avviso  tutti   coloro  , social   compresi   che    i commenti  I post  razzisti ed  xenofobici saranno rimossi . Qui non è censura  ma d'evitare che   tale vicenda  già ( vedere l'articolo e la  video intervista  di cui  trovate  sotto l'url     non sono  riuscito  a  scaricarla   con downloadhelper  di mozzilla  firex  fox    e  il sito  non mette  a disposizione il codice  per   condividerla in altri siti  )  drammatica  venga  strumentalizzata   per  giustificare  teorie  razzistiche  alla Salvini  facendo   di tutta  un erba  un fascio  e ignorando che   i criminali  non hanno nazionalità   e che  in mezzo   fra gli immigrati   possono esserci delle brave  persone  di  un  caso di mala  burocrazia   e di una  giustizia   assurda   che usa  due pesi  e  due misure  . Scommettiamo  , lo so  che  scado nel  becero populismo  ,  ma  ci metterei la mano sul fuoco che se  fosse  stato  parente  di un potente    si  sarebbero mossi  e    tale ingiustizia   si sarebbe evitata  ? Forse   sono più importanti i  due  militari prigionieri in India    ?  
.

Questa  storia    che  m'accingo a riportare  è l'ennesimo  caso di mala  burocrazia   e di una  giustizia   assurda   che usa  due pesi  e  due misure  . Scommettiamo  , lo so  che  scado nel  becero populismo  ,  ma  ci metterei la mano sul fuoco che se  fosse  stato  parente  di un potente    si  sarebbero mossi  e    tale ingiustizia   si sarebbe evitata  ? Forse   sono più importanti i  due  militari prigionieri in India    ?


dall'unione  sarda    del  27\6\2015  12:26




il luogo dell omicidio
                                    Il luogo dell'omicidio

Paolo Meloni, un piccolo impresario di Arzachena, continua a chiedere giustizia per l'omicidio del figlio Pierpaolo, ucciso all'età di 17 anni, il 1 giugno del 2003.


Pier Paolo Meloni
                                                   Pier Paolo Meloni

Un giovane marocchino, Kamil Abderrahmann è stato condannato con sentenza passata in giudicato, a 12 anni di carcere per il delitto.
Ma Abderrahmann, rimesso in libertà qualche mese dopo l'omicidio (la Procura di Tempio non chiuse le indagini entro i termini e la custodia cautelare in carcere venne revocata) prima lasciò la Sardegna e poi, dopo avere ricevuto il decreto di espulsione, sparì nel nulla.
Paolo Meloni sostiene che la vicenda dell'omicidio è stato dimenticata, mentre lo Stato, dice Meloni, si ricorda di lui solo per la notifica delle cartelle esattoriali. come  dice il padre nella  video intervista di Andrea Busia  che trovate  qui 

03/06/12

rabbia e delusione del sistema giudiziario e investigativo delle forze dell'ordine italiane [ aggiornamento post cellulare rubato ]

fncl sia a me che butto butto chne butto le cose importanti e conservo le fesserie . Infatti avendo buttato via la scatola del mio c5-03 nokia e non avendo estrapolato d'essa nè dal cellulare ( sta scritto sull'etichetta dietro il cell o sul telefono digitando *#06# ) .  peccato era un regalo della laurea . Fncl anche   al sistema giudiziario ed investigativo italiano ( ovviamente senza generalizzare e condannare in toto perchè ci sono persone competenti ed in gamba ) . sono andato da caramba con i numeri in chiaro delle chiamate fatte con la mia scheda ( da coloro che mi hanno rubato il cellulare )stampati dal sito della wind e loro anzichè registrare prendere la denuncia e poi chiamare le persone sono solo 3 ( per giunta una è stata chiamata più volte nel carso di questi tre giorni e per ben quasi 3 mila secondi di conservazione ) mi dicono : senza il codice imei non possiamo fare niente . le ipotesi sono due o hanno le amni legate da questa burocrazia di .... oppure non hanno voglia d'indagare e sentire le persone interessate . 
Poi si scandalizzano per l'alto astensionismo elettorale o per i discorsi qualunquistici dei bar e non solo o se si vota Grillo e company . Scommetto che se fossi un potente o un alto papavero dai sepolcrio imbiancati , la denuncia sarebbe stata presa . Ma pazienza    sempre  allegri bisogna  stare perchè : 


mettiamoci l'anima  in pace ed  impariamo da questa  vicenda  ad mettere le cose   sempre in un posto le cose  , a lavorare   quando c'è da  lavorare  e non a coglionare , ad  essere meno distratto ( chiudere  , tasche di giubbotti e  di zaini  . 

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget