Visualizzazione post con etichetta anche nella morte c'è la vita. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta anche nella morte c'è la vita. Mostra tutti i post

15/06/15

Storia di Piero Pintus, delle sue nipoti e di un pupazzo chiamato Piero Miao

 

 da  www.unionesARDA.IT  DEL  15\6\2015



pieromiao
                                        IL Pupazzo  PieroMiao
Una storia che ha molto colpito i nostri lettori e che domenica, giorno di pubblicazione sul nostro giornale, ha fatto il giro dei social network. Una vicenda che vi riproponiamo con il piacere della condivisione di un buon esempio.Piazza Olanda. Qui Piero Pintus (classe 1938, impiegato delle Poste, tecnico del Coni) ha vissuto buona parte della sua vita dopo aver lasciato Nurallao. Qui a Genneruxi è stato consigliere di circoscrizione. È stato padre (quattro figlie e un figlio), marito e nonno di quattro nipoti, tutte femmine. Ecco, quest’ultima passeggiata (ci rivedremo a settembre) riguarda un nonno e le nipotine.Piero se n’è andato a maggio dello scorso anno. La chiesa non ha contenuto tutti quelli che hanno voluto dargli l’ultimo saluto. E quando siamo tornati a casa abbiamo portato un pezzo di lui nel cuore: ricordi cementificati nella vita insieme. Tutti tranne le due nipotine più piccole che avrebbero meritato un cammino più lungo con lui, ricordi più vividi, anni di giochi e risate. Ma così non è andata.Per colmare questo vuoto, la signora Maria Bonaria (complice nonna Angela) ha avuto un’idea strabiliante. Cosa ha fatto? Ha preso forbici, gomma piuma, macchina da cucire, perline e pizzi. Poi ha sfilato una camicia a quadri dall’armadio di Piero e... magia. Ecco qua due pupazzi soffici, due gatti nati dalla camicia di quel nonno volato via troppo presto. Il giorno della consegna, elettrizzate, le bambine hanno acciuffato i gatti. E quando è stato chiesto loro: «Allora, che nome gli diamo?». Una ha risposto: «Be’... Piero Miao!». E fu così che Piero Miao si mise a guardia dei loro lettini.

01/11/13

i morti non sono solo il 1-2 novembre \ anche la morte è vita







ti potrebe interessare anche 




in sottofondo  \  consigliati


Morire non è nulla; non vivere è spaventoso.(  V.Hugo  da  Les miserables  ) 

famosa   lapide  di un medico tempiese  
Lo so  che al  cimitero dovremmo andarci più spesso   del  periodo  fine ottobre  \ novembre in particolare il 1  e  il 2 novembre ma  fra  vari impegni  e motivi vari (  il mio  è psicologico , mi sciolgo in lacrime   sia per i parenti indiretti e diretti   che  ho  sepolti  nei vari cimiteri   galluresi e  non   sia per le persone   che  ho conosciuto durante  il mio arco di vita  fin qui  trascorso  )  .
 Ma    onde  a evitare , quello che ho visto stamattina  ( non l'ho fotografata  , rispetto a quest'altra  foto in alto a sinistra  )  

                           William-Adolphe Bouguereau (1825-1905) - The Day of the Dead (1859)  da                                      wikipedia.org



  perchè  c'era  troppa  gente   e perchè con la  fotografia risultavano  i nomi  di quelli  affianco e  sopra  e  poi   non so  usare    gli strumenti  per  modificare   le  foto ) una  toba  senza  fiori  , scolorit  di cui non ci sono neppure  i classici  fiori  finti ,  proprio come  il finale  di Les Miserables  di  V.Hugo 

                L'ERBA NASCONDE E LA PIOGGIA    CANCELLA
Nel cimitero del Père-Lachaise, in vicinanza della  fossa comune, lontano dal quartiere elegante di quella  città dei sepolcri, lontano da tutte quelle tombe stravaganti  che ostentano di fronte all'eternità le orribili mode  della morte, v'è, in un angolo deserto, lungo un vecchio muro, sotto un grande tasso lungo il quale s'arrampicano, in mezzo alla gramigna ed al muschio, i convolvoli,
una pietra. Quella pietra non è più delle altre esente dalla lebbra del tempo, dalla muffa, dal lichene e dallo sterco degli uccelli; l'acqua la fa divenire verde, l'aria l'annerisce.
Non è vicina a nessun sentiero e a nessuno vienein mente d'andare da quella parte, perché l'erba vi cresce folta e ci si bagna subito i piedi. Quando v'è un po' di sole, vengon le lucertole; intorno intorno, è tutto un fremere d'avena selvatica. In primavera, le capinere cantano sull'albero.
Quella pietra è completamente spoglia. Colui che  la tagliò pensò soltanto al puro necessario della tomba e  l'unica cura fu di far la pietra abbastanza stretta perché potesse coprire un uomo.
Non vi si legge nessun nome. Solo (sono passati molti anni da allora), una mano  vi scrisse colla matita codesti quattro versi, divenuti a poco a poco illeggibili sotto la pioggia e sotto la polvere e che, probabilmente, oggi sono scomparsi:

Ei dorme. Sebben strana fosse con lui la sorte,
Vivea. L'angel suo sparve, ed egli venne a morte.
Così, semplicemente, la vita sua finì,
Come la notte scende, quando tramonta il dì.



Infatti concordo con il commento  di




Finché sono vive nei ricordi, queste persone non saranno mai morte.
Buon Ognissanti, buon novembre, buon ponte. Un abbraccione! ^^

E  poi  perchè  ( nel prossimo post  metterò delle  foto   di alcune tombe di quello  cittadino  ) i  cimiteri    come dimostra questa  puntata  di questa trasmissione  essi oltre luogo di  culto   e  di cultura  


indicano  la  storia  di un popolo e  della  sua storia ed  il cimitero di  
  

Concludo   riportando oltre  i  soliti link  nel finale  parte  di un post    dal  

21/03/13

pietro mennea l'antilope italiana

Ci sono morti che pesano come montagne e morti che pesano come piume (cit. Mao)

poichè due parole sono poche è una tropppo. Ma spopratutto i fiimi d'inchiostro e di bit per ricordarti io ti ricordo cosi 
video


11/11/12

l'altro lato della vita . Amore e aborto . le storie di Valentina pitzalis e Gianna Jessen

Lo so che odio tali trasmissioni  , del genere  ma  non ho trovato   altri siti ( in italiano  del  secondo caso ) che raccontano tali vicende  .La  prima di cui avevo   ho  già parlato qui. ma concordo con le parole di  Giulioa Bongiorno ( vedere filamto )  e quindi parlo ancora di Lei  Video Pubblicato in data 25/mag/2012 da  http://www.youtube.com/user/rai/videos : << Ieri, dagli studi di Rai Uno de "La vita in diretta",
video
 la terrificante storia di Valentina Pitzalis ha raggiunto i milioni di telespettatori che seguono la trasmissione condotta da Mara Venier.La giovane di Carbonia è stata affiancata da Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, fondatrici di "Doppia difesa"la fondazione nata proprio per difendere le donne vittime di violenza. Tratto da "La vita in diretta" del 24 maggio 2012. >> .E la  utilizzo per  smontare il mito dell'amore  eterno  e  de del'amore rosa e  fiori  che ancora resiste nonostante  s'inizi a parlare in tv  d'argomenti  tabù  fino a qualche tempo  fa  d'amore  criminale  e  amore malato 
 La seconda storia è nata per  caso  . Avevo  su un calendarietto da  tavolo regalatami da un amico  ecumenico   dei lei  ecco  cosa  ho trovato in rete  in italiano  e in inglese   il primo video  è tratto da  dal canale   di  delay75

video


il secondo   dalla trasmisione italia sul Due del 6-2-2012

video
Oltre il link dela foto sotto  a destra   che in inglese  ho trovato   qualcosa in italiano  su Wikipedia,  alla voce Gianna Jessen 
da http://news.bbc.co.uk/2/hi/health/4500022.stm
Gianna Jessen è nata a Los Angeles nel 1977 in una clinica per aborti legata alla associazione Planned Parenthood. La clinica aveva consigliato alla madre di Gianna, giunta al sesto mese e mezzo di gravidanza, di abortire con aborto salino, una tecnica abortista usata prevalentemente dopo il primo trimestre. Essa consiste nell'iniettare nell'utero una soluzione salina che corrode il feto e porta alla sua morte, dovuta, tra l'altro, all'alterazione delle funzioni della placenta. In seguito, a causa delle contrazioni uterine, il feto viene espulso morto entro le seguenti 24 ore. Nel caso di Gianna, la tecnica non funzionò e la bambina nacque viva, dopo 18 ore. Gianna venne trasferita in ospedale e riuscì a sopravvivere, nonostante pesasse solo nove etti; tuttavia la carenza di ossigeno causata dall'aborto le ha procurato una paralisi cerebrale e muscolare. Nonostante la paralisi cerebrale Gianna Jessen imparò a camminare con tutore all'età di 3 anni.La bambina fu adottata a tre anni. A vent'anni, grazie alle cure mediche e alla fisioterapia, riuscì a ottenere la capacità di camminare senza tutore, seppure con notevoli difficoltà.Attività nei movimenti pro life Nonostante la grave paralisi cerebrale, Gianna è sempre stata molto attiva nei movimenti che si oppongono all'aborto e ha raccontato la sua storia al Congresso degli Stati Uniti d'America e alla Camera dei Comuni del Regno Unito [1].Il suo caso è divenuto noto quando, in occasione del novantesimo anniversario dalla fondazione dell'associazione abortista Planned Parenthood, celebrata dal Senato del Colorado, il senatore Ted Harvey invitò Gianna a raccontare la sua storia ai membri del Senato [2]. Inoltre, per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema dell'aborto, nel 2006 è riuscita a partecipare e a completare la maratona di Londra, nonostante la difficoltà a correre.Nel 1999 è uscita una sua biografia, curata dall'autrice statunitense Jessica Shaver.




Note
^ BBC NEWS | Health | 'I survived an abortion attempt'
^ Ted Harvey for US Congress - Gianna's Story
E smonto i mito dell'aborto come  metodo  anticoncezionale  e  riduzione delle nascite  insomma  qualcosa di positivo  , ma  a nche  una cosa  che fa  male   che uccide la vita 

12/06/12

Cagliari, custodi agguerriti in cimitero Gabbiani in picchiata contro i visitatori


Edizione di martedì 12 giugno 2012 - Cronaca di Cagliari (Pagina 33)

IL CASO. Una colonia di diverse decine di volatili ha nidificato alle spalle della cappella del camposanto

I guardiani del cimitero di Bonaria

Come in un film di Hitchcock: i gabbiani “attaccano” i visitatori

Quando qualcuno si avvicina iniziano ad alzarsi in cielo e si dispongono in formazione circolare. Venti, trenta gabbiani che vorticano sulla testa dei visitatori e, se ci sono dei piccoli nelle vicinanze, i genitori non esitano a scendere in picchiata, rasentando il suolo, per attaccare l'intruso. Chi visita il cimitero monumentale di Bonaria, dove diverse decine di gabbiani reali hanno colonizzato lo spazio alle spalle della cappella, rischia di vivere scene simili a quella del film Gli uccelli di Alfred Hitchcock.
GABBIANI IN VOLO SULLE CAPPELLE DEL CIMITERO MONUMENTALE - FOTO BELILLO
LA COLONIZZAZIONE Appena si varca il cancello all'incrocio tra viale Bonaria e viale Cimitero già si sentono in lontananza le tipiche “urla” degli uccelli marini. Quando si imboccano i viali che si inerpicano per la collina e si passeggia tra monumenti e statue, che fanno dello storico camposanto cittadino un vero e proprio museo a cielo aperto, ci si accorge della presenza degli uccelli per il guano che ricopre la ghiaia e i parapetti in pietra e per la sensazione di essere osservati. E infatti è così. Basta gettare uno sguardo intorno a sé per accorgersi che decine e decine di uccelli, adagiati sulle croci, sulle tombe e sulle statue controllano i movimenti dei visitatori. Sono come delle vedette, che segnalano al resto della colonia che vive tra le tombe alle spalle della cappella, l'avvicinarsi di un visitatore poco gradito.
L'ALLARME Perché quel territorio è cosa loro da almeno tre mesi. Da quando i gabbiani decisero che lì avrebbero deposto le uova e fatto nascere i loro pulcini. E nel momento in cui qualcuno si avvicina troppo ai piccoli - riconoscibili perché, a differenza degli adulti, hanno il piumaggio grigio e maculato - bisogna aspettarsi un attacco. Niente di pericoloso, sia chiaro, perché dopo la picchiata, quando arrivano a poche decine di centimetri dal “bersaglio”, i gabbiani con un colpo di coda riprendono quota senza colpire. Solo un modo per spaventare gli intrusi e invitarli ad abbandonare l'area.
L'AVVISTAMENTO «È due, tre mesi, che hanno nidificato», spiega Antonio Sanna, il custode del cimitero che ricorda come «vengono tutti gli anni». Ma quest'anno sono molti. Così, turisti e abituali visitatori del camposanto monumentale si sono accorti della loro presenza. Com'è successo a Michela Tiddia, studentessa di architettura che nei giorni scorsi era tra le tombe del cimitero per scattare alcune foto per un esame. «È un vero peccato non aver potuto osservare tranquillamente l'architettura cimiteriale - afferma la studentessa - la presenza dei volatili era fastidiosa e potenzialmente pericolosa».
La pensa diversamente un amico del guardiano, Roberto Fadda, operaio comunale che con un pulmino porta in giro i visitatori all'interno dei viali del cimitero. «Siamo noi che violentiamo la natura - afferma - è come se fosse tutto nostro e non lasciamo spazio alle altre specie, come i gabbiani, che sono costretti ad andare nelle discariche per cercarsi cibo».
L'HABITAT IDEALE In questo caso non si tratta di discariche, ma di un'area verde al centro della città seppure poco frequentata dall'uomo e vicina non solo al mare, ma anche ad altre fonti di approvvigionamento di cibo. È noto, infatti, che i gabbiani sono animali onnivori e che per cibarsi non disdegnano rovistare tra i cassonetti dell'immondizia, nelle ciotole che molte persone lasciano per i gatti randagi e dovunque possa esserci qualcosa di commestibile.
Forse proprio per questo, il cimitero è un posto ideale dove posare le uova e far crescere i pulcini in assoluta tranquillità.
Mario Gottardi

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget