Visualizzazione post con etichetta altruismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta altruismo. Mostra tutti i post

05/04/16

A pochi metri dalla vetta si ferma per salvare se stessa e i compagni: la storia di Tamara fa il giro del mond

A pochi metri dalla vetta si ferma per salvare se stessa e i compagni: la storia di Tamara fa il giro del mondo

www.unionesarda.it  Oggi alle 15:07 - ultimo aggiornamento alle 18:09

tamara lunger
                                        Tamara Lunger
Toccare la vetta del Nanga Parbat, 8.126 metri nell'Himalaya, era il suo sogno. Ma, arrivata a un soffio dall'obiettivo, non ha esitato a rinunciarvi, mettendo da parte orgoglio e sana ambizione, per non mettere a rischio la sua vita e quella degli altri.
Fa scalpore e si prepara a diventare una storia simbolo del mondo dell'alpinismo italiano e mondiale quella che ha visto protagonista Tamara Lunger, 29enne altoatesina, reduce da una spedizione in Pakistan, sulla nona montagna più alta del mondo assieme a tre compagni, Simone Moro, Alex Txicon e Ali Sadpara.
Nella storia, delle 200 persone che hanno provato ad arrivare in cima, 60 non sono più tornate. Lei avrebbe voluto entrare nel novero delle prime. Quando invece ha compreso che rischiava di entrare nella liste delle seconde, trascinando con sé i suoi colleghi, ha detto: "Basta, mi fermo".
Per non essere un peso, per consentire a Moro e agli altri di proseguire senza preoccupazioni.
Simone Moro
Simone Moro
"Stava male, era stanchissima", racconta Moro, tornato da poco in Italia dopo l'impresa. "Siamo riusciti ad arrivare a meno di cento metri dalla vetta. Ma lei era allo stremo".
A quel punto, a -34 sotto zero e venti che soffiavano a 45 km orari, la decisione: "Ho capito - dice Tamara - che quel giorno, nelle mie condizioni, poteva costarmi la vita. Ero molto lenta, avrei rallentato tutti. Sarebbe stato un suicidio".
Così si è fermata. La vetta era lì, vicina. La vedeva. Poteva quasi toccarla. Ma ha chiuso gli occhi, ha respirato. Ed è tornata al campo base, mentre i suoi compagni, con le ultime forze, salivano verso l'ambita cima.
"Con il suo gesto ha salvato la sua e la nostra vita - spiega Moro - perché un soccorso a quelle altitudini, stravolti come eravamo, sarebbe stato impossibile.
Una decisione coraggiosa che in pochi al mondo avrebbero saputo prendere".
Una decisione che vale più della conquista di qualsiasi vetta.

16/01/16

a volte basta un poco per cambiarti la vita e farti desistere da un brutto gesto

  sia  che  sia  vecchia      , sia  che sia una trovata  pubblicitaria  o  inventata  questa  storia   mi ha commosso   e mi  da la  forza  d'andare  avanti . oltre  a farmi capire    che   basta  una piccola cosa  per  cambiarti o quanto meno    aiutarti  a resistere  a  gli urti dela vita  


Una Mamma Paga La Colazione A Un Senzatetto, E Lui Le Confessa Una Scioccante Verità
15 Gennaio  2016 


Casey è una mamma e studentessa che è divenuta l'inconsapevole protagonista di una storia esemplare e dal finale inaspettato.
Tutto è avvenuto in una mattina come tante, durante la quale la ragazza si era recata a fare colazione presso la catena Dunkin' Donuts.
Fuori dalla struttura aveva notato un senzatetto che vagava alla ricerca di qualche moneta da parte dei passanti, finché non lo aveva visto entrare, probabilmente per mangiare qualcosa. Fu in quel momento che la ragazza decise di intervenire, ed offrì all'uomo (che aveva davvero solo un paio di monete) una colazione completa con una bevanda calda.
Nel frattempo, si sedettero uno di fianco all'altra, e l'uomo, di nome Chris, iniziò a parlarle di sé.
via: Facebook / Casey Fischer


Le raccontò di come era finito in strada, del fatto che non avesse mai conosciuto suo padre e della perdita di sua madre a causa di un cancro. Le raccontò inoltre gli orrori della strada, e di come la droga avesse costituito una facile scappatoia che però lo aveva reso per molto tempo una persona orribile.
Chris non nascose inoltre il fatto che viveva ai margini della società, e che era passato moltissimo tempo dall'ultima volta che qualcuno si era seduto a parlare con lui.

immagine: Casey Fischer


Trascorsa oltre un'ora di conversazione, era arrivato per Casey il momento di andare via poiché i suoi impegni di mamma la chiamavano.
Prima di lasciarla andare, Chris le chiese di attendere un attimo. Prese un foglio, vi scrisse qualcosa sopra, lo porse alla ragazza e si allontanò.

immagine: Casey Fischer


Fu quando Casey aprì il foglio stropicciato che si rese conto di quanto un piccolo gesto di gentilezza e altruismo possa fare la differenza nella vita di un'altra persona.
"Oggi ero intenzionato ad uccidermi. Per merito tuo, non lo farò più. Grazie, sei una bella persona."

immagine: Casey Fischer


Il piccolo gesto di gentilezza di Casey aveva insegnato qualcosa ad entrambi: a lei aveva ricordato che non bisogna mai fermarsi alla prima impressione e che le persone sincere e genuine possono celarsi dietro le apparenze più ingannevoli; a lui aveva ricordato che nel mondo ci sono ancora amore, solidarietà e affetto che valgono la pena di essere vissuti.Ecco il post originale, che è stato e sarà ovviamente di ispirazione per migliaia di persone :-)


Ecco il post originale, che è stato e sarà ovviamente di ispirazione per migliaia di persone :-)




24/04/13

«Quella bambina è povera, le pago io la mensa»

video




Il bel gesto di una ragazza di Valledoria che studia all’università di Pavia. Il Comune di Vigevano aveva escluso la bimba dalla mensa scolastica e Gloria Spezziga, dopo aver letto la notizia sui giornali, ha versato i 90 euro necessari
Gloria Spezziga è una studentessa universitaria, originaria della Sardegna, che studia a Pavia. Quando è venuta a sapere che una bambina delle scuole elementari di Vigevano si è ammalata perché non le è consentito l'accesso alla mensa, ha voluto inviare un messaggio alla famiglia. "I soldi della mensa vorrei versarli io al comune di Vigevano. Rinuncio a una parte della paghetta che mi serve per mantenermi gli studi, per aiutare chi ha meno di me. Non è questo il Paese in cui voglio vivere"

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget