Visualizzazione post con etichetta alluvione sardegna 18\11\2013. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta alluvione sardegna 18\11\2013. Mostra tutti i post

04/01/14

parla uno degli autori delle immagini sull'alluvione di Obia rimosse qualche giorno fa Gianluca Vassallo: «In quelle immagini il dramma di Olbia»

Come  ho accennato nel post  sul   il decennale   di queste pagine    eccovi un altra storia  di come   in italia  si punisce  e  reprime chi  fa del bene  e  e si lasciano indisturbati  i delinquenti  .


la vicenda

fonte la nuova sardegna edizione Olbia-Gallura del 4\1\2014


 
di Alessandro Pirina
OLBIA L’obiettivo era scoprire la reazione degli olbiesi di fronte allo sguardo dei loro concittadini colpiti dall’alluvione, ma quella curiosità rimarrà per sempre senza risposta. In pochissimi il 31 dicembre hanno avuto il tempo di farsi un’idea di quei 240 manifesti sparsi in tutta la città, perché a pochi minuti dalla loro affissione gli operai dell’Aspo avevano già rimosso tutto. Alle 8 del mattino dei 16 volti ritratti da Gianluca Vassallo (  foto sotto al centro )


non ne era più rimasto nemmeno uno. Tutto spazzato via con una tempestività senza precedenti. Tanto da far gridare allo scandalo tutta Italia. «L'obiettivo del progetto Exposed era, nel solco dell'arte contemporanea, portare delle domande alla città attraverso un'installazione –
 spiega Vassallo –. Ovvero generare una reazione qualunque, persino l'indifferenza, che fosse uno strumento di lettura della realtà a disposizione di chi, gli alluvionati, con questa realtà deve fare i conti per emergere dalla tragedia che li ha colpiti. L'obiettivo non era far parlare di me. Tanto che nel documento redatto il giorno prima dell'azione e diffuso sul web si parla di azione di un gruppo senza nome. Ho ritenuto, in accordo con gli altri, fosse intelligente espormi per assumermi la responsabilità legale della cosa vista la rapidità e la "violenza culturale" del gesto di strappare le facce degli alluvionati». Il clamore per la reazione dell’Aspo di fronte ai manifesti “abusivi” ha spinto il sindaco Gianni Giovannelli non solo a prendere le distanze, ma anche a proporre a Vassallo di riproporre la mostra a spese del Comune. L’artista napoletano d’origine, ma ormai sardo a tutti gli effetti, ha ringraziato il sindaco, ma si è detto indisponibile a fare il bis perché il suo obiettivo era un altro: provocare una reazione, che, in qualche modo, c’è stata. E così Olbia non potrà più ammirare quegli scatti in bianco e nero con le facce della tragedia. «Conosco il sindaco, la sua sensibilità e intelligenza, e gli ho espresso al
telefono l'apprezzamento per il gesto, semplice e non dovuto, di chiamarmi. Ribadisco la mia stima nei suoi riguardi, soprattutto perché ha colto il valore profondo dell'opera. Spero che dopo tutto il trambusto mediatico - che uccide l'opera e le sue intenzioni sociali, non la favorisce - si torni a ragionare di ciò che l'opera propone: il bisogno di uno sguardo su donne e uomini vivi, fatti di carne, che stanno cercando di risollevarsi. Donne e uomini che sono individui, portatori di tragedie singolari e non solo un gruppo sociale con problemi omogenei. Individui che hanno bisogno di ascolto e risposte soggettive». 
Ora   tale  situazione   ha  fatto  e  sta  facendo  discutere  se  Orunesu consigliere comunale di Sel caso difende «Exposed»: quelle foto erano opere d’arte »
Infatti    alla  nuova  sempre  dell'edizione gallura  del 3\1\2014  
OLBIA. Continua a far discutere in città il caso Exposed, cioè l’installazione artistica ideata da Gianluca Vassallo che il 31 dicembre ha provocato l’inattesa reazione degli operai dell’Aspo che hanno rimosso i manifesti artistici legati all’alluvione affissi in città. La vicenda adesso rischia di diventare un caso politico. Giovanni Antonio Orunesu, consigliere comunale di Sel ieri ha espresso la propria solidarietà al progetto di Vassallo e ha considerato positivamente la reazione del sindaco Gianni Giovannelli.
«Le foto in questione – ha spiegato Giovanni Antonio Orunesu – non ledevano in alcun modo il decoro della città, ma al contrario rappresentavano, attraverso i volti delle persone colpite dall’alluvione, la tragedia consumata in quei giorni». «Alle rigide leggi – ha aggiunto il consigliere comunale di maggioranza – avrebbero dovuto prevalere il buon senso e una corretta lettura dell'iniziativa, che si poneva come obbiettivo la testimonianza di quel che è successo, per non dimenticare». La rappresentazione artistica posta in essere – conclude Orunesu – non sarebbe dovuta essere rimossa, ma lasciata per onorare le persone colpite dall'alluvione del 18 novembre».

17/12/13

Olbia Giovane barista ricorda il ciclone: mi ha salvato la gatta

lo so  che sarete stufi di sentire  \  leggere storie  di animali  , specie cani e  gatti . Ma   questa  è la più toccante  che ho letto  . Ma soprattutto   smentisce il  classico luogo comune  che siano   solo  i cani  eroi .

  da la  nuova sardegna  edizione Olbia-Gallura  del  17\12\2013

13/12/13

Olbia . L’alluvione spegne le luminarie .ci voleva un disastro come 'alluvione per riscoprire il natale autentico ?


ome  da  titolo  e leggendo l'articolo sotto   preso dalla nuova sardegna del  12\12\2013  mi   chiedo  ci  voleva  un disastro come 'alluvione  per  riscoprire  il natale  autentico  ?  

OLBIA. Sarà un Natale con poche luci. Nessuna luminaria addobberà le strade di Olbia e
nessuna piccola o grande festa accoglierà il nuovo anno. Gianni Giovannelli ha annullato tutto in segno di lutto e di rispetto per la tragedia del 18 novembre. L’unico simbolo del Natale di Olbia sarà, quindi, l’albero di fronte al municipio.
«È stata una decisione che ha preso il sindaco – spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Davide Bacciu -. Giovannelli è stato tranchant, non ne ha voluto sapere di piazzare le luminarie in città in questo difficile momento e l’intera amministrazione si è subito trovata d’accordo con lui». Gli 85 mila euro sottratti alle luminarie saranno destinati al ripristino dei numerosi impianti di illuminazione pubblica danneggiati dall’ondata di acqua e fango. «La fornitura, il montaggio e lo smontaggio degli addobbi natalizi erano inseriti nel contratto di appalto per l'illuminazione con la Gemmo – aggiunge Bacciu -. Noi abbiamo deciso di rinunciarci, ma ovviamente il vincolo di destinazione non ci permette di utilizzarli per altro che non siano gli impianti di luce pubblica». Insieme alle luminarie il Comune ha deciso di rinunciare anche a qualsiasi tipo di festeggiamento. A partire dal concerto di Capodanno, per il quale, prima della tragedia di venti giorni fa, erano in corsa Elio e le Storie Tese e Roy Paci. Ovviamente la scelta del Comune di optare per Natale dal basso profilo non impedirà ai privati di mettere su piccoli eventi. Come quello organizzato in tutto il centro storico dai commercianti del Consorzio, che domenica dalle 17 alle 20 distribuiranno numerosi doni per bambini, arrivati appositamente dall’ospedale del giocattolo di Lugano, grazie all’intercessione dell’olbiese Gian Mario Azzena. (al.pi.)

  tale mia elucubrazione  ,  di solito mi dura  qualche ora  \  giorno  ,  è  andata via  subito   . Infatti  controllando il mio fondo cassa  per  natale  , soprattutto  in periodo di crisi ( vedere  vignetta  sopra  )   ,  mi sono accorto  in quanto ho seguito  ciò che predico a me stesso   d'anni  ed  in particolare  nella puntata  sui regali  della mia  guida natalizia   di quest'anno

   d'avere dei  soldi in più   e  con i regali già  fatti  , bene  anziché  sbaccasssarli spenderli  in cose  superflue comprerò  o  donerò  qualcosa   a qualche famiglia  Olbiese   degli alluvionati  . Lo so  che  non dovrei   dirlo e seguire   ciò  :


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "Guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli. 
Quando dunque fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. 
Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini, In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. 

E quando digiunate, non assumete aria malinconica come gli ipocriti, che si sfigurano la faccia per far vedere agli uomini che digiunano. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Tu invece, quando digiuni, profumati la testa e lavati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo tuo Padre che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà".  Dal Vangelo secondo Matteo 6,1-6.16-18   preso da  http://www.qumran2.net/parolenuove/ 

ma  non ci riesco  a  non esternare le mie emozioni



27/11/13

Olbia Dopo l'alluvione le donano un giubbotto Trova mille euro in tasca e li restituisce

unione sarda del 27\11\2013..












Una donna di Olbia ha trovato dentro un giaccone che le era stato donato dopo l'alluvione oltre mille euro e si è rivolta ai carabinieri per rintracciare il proprietario e restituirgli i soldi.
Protagonista una donna di Olbia che a causa dell'alluvione aveva perso tutto nella sua casa allagata. La donna, una casalinga di 55 anni, nel ritirare alcuni vestiti al Centro di smistamento della zona industriale, si è resa conto che all'interno del giubbotto, in una tasca interna, c'erano 1.180 euro in contanti. La donna, la cui casa è stata pesantemente danneggiata dall'alluvione della scorsa settimana, mostrando riconoscenza nei confronti di chi le aveva dato solidarietà, questa mattina si è rivolta ai carabinieri di Olbia per rintracciare il legittimo proprietario del giaccone. Ora i militari, utilizzando alcuni scontrini trovati nelle tasche, stanno cercando di risalire al proprietario.

21/11/13

Tragedia Sardegna. Inammissibile dichiarazione di Lara Comi, Pdl: “I sardi sono morti perchè ignoranti”

speravo di tornare  alla normalità   è di parlare  d'altro  , senza  per  questo dimenticare :  i morti   tempiesi  ( e non  )
  sia  che  li conoscessi  o  meno  ,il fango  nelle pareti di casa  di  mio  zio  e  il   garage  allagato  .Maa   certe  cose   mi fanno incazzare  ed arrabbiare  non bastavano  i post   imbelli    di certi , una minoranza  per  fortuna  , continentali



adesso ci si  mettono  anche  i nostri politicanti  .  Non ho parole  lascio  che a parlare  sia    questo articolo  di http://www.zappadu.com/


Tragedia Sardegna. Inammissibile dichiarazione di Lara Comi, Pdl: “I sardi sono morti perchè ignoranti”







 Incredibile commento della deputata europea del PDL Lara Comi (  foto  a destra  )   sulla tragedia che ha colpito la Sardegna.
Le sue parole sono state riportate su Facebook dalla giornalista Selvaggia Lucarelli. Ecco il messaggio: “Io di fronte a certe tragedie mi chiedo come certa gente non abbia il pudore di tacere. Lara Comi stamattina ad Agorà è stata capace di scagliarsi contro il condono edilizio come se il suo partito ne fosse stato sempre il più fermo oppositore e vabbè. Ma la parte migliore è arrivata quando è arrivata a sostenere che la gente in Sardegna è morta perchè c’è anche una diffusa ignoranza sulle norme di sicurezza basilari in caso di alluvioni. “Ma come si fa a rifugiarsi in uno scantinato, è l’abc!”.
“Qualcuno spieghi alla Comi che la gente è mediamente più sveglia di lei, per cui no, non s’è rifugiata in uno scantinato. L’ha capito che era pioggia e non un bombardamento aereo. Il problema è che la famiglia di Arzachena (madre, padre e due figli) è morta nello scantinato perchè lo scantinato era la sua casa. Il problema è che un’anziana è morta nello scantinato perchè è scivolata e ha battuto la testa. Altre due anziane erano invalide e sono morte come topi, con l’acqua che saliva. Gli altri sono morti chi nei campi, chi in macchina, chi in strada travolto dalla piena come il padre e il suo bimbo.Prima di andare in tv a sparare minchiate, abbiate almeno l’umanità e la decenza di andare a informarvi per capire cosa è successo, come è morta la gente, perchè. Sono sedici persone, sedici storie, sedici vite, non sedici sprovveduti che non avevano il manuale di sopravvivenza sul comodino. Un po’ di rispetto, cazzo”.

  Quindi


Gentile Signora Comi, la prego di scusarmi se mi permetto di scriverle questa lettera, io che sono sarda e dunque ignorante.Vorrei farle sapere alcune cose, se lei che ha studiato alla Bocconi e dunque è colta, avrà la condiscendenza di leggermi fino in fondo.Vorrei dirle che la famiglia di brasiliani perduta tutta intera, madre padre e due figli, non si erano rifugiati nello scantinato per resistere alla pioggia assassina: loro in quel mini appartamento ci abitavano, ci vivevano. Io non so dove lei viva, signora Comi, certo non in un seminterrato visto che sta al Parlamento Europeo e dunque non ha bisogno di adattare una cantina ad abitazione. Vorrei farle sapere anche che il poliziotto morto ammazzato da un ponte che è crollato proprio mentre lui era in servizio e apriva la strada ad un’ambulanza che soccorreva dei feriti, nemmeno lui era un ignorante e non si era rifugiato da nessuna parte: era proprio in servizio, mi creda. Ma il ponte ha ceduto, signora Comi, e quel ponte doveva essere proprio malconcio, come quello su cui sono morti altri due “ignoranti” nel loro fuoristrada; malconcio come tanti altri che da anni attendono di essere risanati dopo le alluvioni passate, e di cui la Regione si è già dimenticata. La “nostra” Regione, signora, quella amministrata da un suo compagno di partito che ha ritenuto poco importante stanziare fondi ai Comuni sardi per opere di mitigazione del rischio da dissesto idrogeologico (che per le persone ignoranti come noi sardi significa “prevenzione”).Vorrei farle sapere che mamma e bimba morte in auto mentre tornavano a casa non si erano rifugiate in alcuno scantinato, e neppure quel padre che ha tentato inutilmente di sottrarre almeno il figlio dalla furia del fango, prima di cedere alla violenza che glielo ha strappato dal suo disperato abbraccio. E potrei continuare, signora Comi, magari potremmo sperare che chi ancora non è tornato perché l’acqua lo ha sorpreso mentre cercava di riportare a casa il bestiame (ma lei cosa ne sa, mi perdoni, di campagna di mucche di fango, di puzza di letame?) che possa ancora essere vivo, che possa tornare…Ma non voglio tediarla, a quest’ora lei già si starà domandando cosa vuole questa ignorantissima sarda che non sa che bisogna chiamarla onorevole, e continua a rivolgersi a lei col “signora”.Ma sa, signora: ciò che ha detto l’altra sera in tv non è proprio per nulla onorevole, e volevo farglielo sapere.E a dirla tutta, non è nemmeno molto da signora, deputata europea Lara Comi.
 da  la  bacheca  di facebook  dell'olbiese  Silvia  cera


 una tragedia  per  buona  parte imprevedibile nella  quantità  d'acqua    vedere   questo video    girato all'inizio del temporale , ma  non nelle  conseguenze vedere  url  sotto






infatti è vergognoso    che  la  città d'Olbia   escluso il centro storico come  dice  la  stessa Silvia Cera in questa  intervista  a servizio pubblico  del  21\11\2013
—-

si  sia allagata  ed  sorto quel  disastro che noi tutti  sappiamo in 10 \15 minuti

Ora  vado a nanna notte


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget