Visualizzazione post con etichetta allo schifo non c'è limite. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta allo schifo non c'è limite. Mostra tutti i post

03/03/13

quando il negazionismo nega la verità e la realtà

 non sono ( e non  lo sarò mai  )   d'accordo   con  le lobby ed  in particolare  quelle  delle armi   ora  dopo questo articolo    di repubblica   del 28\2\2013. Esso  è stato    ritrovato  oggi  , mentre   prendevo dei giornali vecchi   per  accendere il  fuoco del camino . Ora  posso capire  l'opposizione alla  riforma  obama  sulle  armi  , ma  non la bassezza  ed  il modo presunto con cui viene applicata  .Infatti  ,  a me  che in parte  sono complottista  ed appassionato di misteri ed intrighi  ,  talke cosa mi sta  dando  a nausea  , perchè in questo cvaso il complottismo non c'è  e si presta  ad un uso strumentale  di  tale  triste  vicenda 
Prima dell'articolo  riportato sotto   trovate   qui  a  sinistra  un breve  sunto  della  vicenda  in questione

I negazionisti  della strage dei bimbi  l’ultima follia che indigna l’America  Newtown presa d’assalto. Il sospetto che dietro ci sia la lobby delle armi


DAL NOSTRO CORRISPONDENTE  FEDERICO RAMPINI

NEW YORK
È l’ultimo oltraggio inflitto a Newtwon. La cittadina del Connecticut martoriata  dalla strage di 20 bambini il 14 dicembre scorso, ora deve subire anche questo: l’invasione dei negazionisti.
Arrivano da tutta l’America.Sono seguaci dell’ultima teoria del complotto. Vogliono  raccogliere le prove: che la strage  non è mai avvenuta, è una montatura,una finzione. Orchestrata dai media di sinistra. Ordita forse da Barack Obama per ottenere limiti sulle armi. Sembra troppo crudele eppure è vero: i genitori dei bambini massacrati nella scuola elementare Sandy Hook sono assediati da questa folla di invasati. Li aspettano sotto casa per fargli domande, coglierli in fallo, scoprire versioni che non coincidono su quel che accadde il 14 dicembre. Il dilagare di questo macabro negazionismo lo hanno scoperto per primi,a loro spese, i redattori del  piccolo giornale locale The Newtown Bee. Ora la loro denuncia viene rilanciata a livello nazionale dal New Yorker.
Non è un fenomeno ristretto a pochi fanatici. Ha già avuto oltre dieci milioni di spettatori un mini documentario di 30 minuti che è il film-culto dei negazionisti.
S’intitola “Sandy Hook Shooting – Fully Exposed”, cioè tutta la verità su Sandy Hook messa a nudo. Il video riprende le cronache televisive andate in ora nelle prime ore dopo la strage dei bambini, per sottolineare con maniacale e paranoica pignoleria ogni discrepanza, rettifica,contraddizione: sulla cronologia della sparatoria, sul tipo di armi usate. Nel rivedere e commentare quelle immagini televisive, gli autori del documentario notano con sospetto che i genitori di tre bambini (“presunte” vittime)
non sembrano «abbastanza addolorati » davanti alle telecamere.
Sono dunque dei simulatori? Un altro cittadino di Newtown  intervistato dalle tv subito dopo la strage, Gene Rosen, secondo il documentario-denuncia sarebbe un «noto attore», specializzato nel recitare in «situazioni di  crisi». I reporter del Newtown Beesono tra i bersagli dell’invasione negazionista. «Quando le troupe televisive lasciarono Newtown –scrive Rachel Aviv sul New Yorker – e cioè poco dopo gli ultimi funerali dei bambini, una nuova categoria di investigatori prese il loro posto. Appartengono a The Sandy Hook Truther Movement ». La sigla di questo movimento ne evoca un’altra.


“Truther” cioè difensori della verità,così si definivano anche coloro che volevano dimostrare che Barack Obama non è nato alle Hawaii bensì in Kenya, dunque è un impostore, un alieno ineleggibile come presidente.Nel fuoco della campagna elettorale del 2012, fino al 30% degli elettori repubblicani si convinsero della teoria dei “truther”. A nulla servì che la Casa Bianca esibisse il certificato rilasciato dal
reparto maternità nell’ospedale delle Hawaii.Ora questo nuovo Truther Movement ha una certezza ben
più agghiacciante: il massacro di Newtown non è mai avvenuto,quel giorno andò in onda una gigantesca
messinscena, con la finalità di limitare il diritto costituzionale alle armi. L’invadenza dei negazionisti è ossessiva: il piccolo municipio di Newtown è assediato da domande di certificati di decesso, richieste sull’ubicazione specifica delle tombe dei bambini. Il sindaco sta cercando  di varare delle limitazioni sull’accesso pubblico all’anagrafe,perché non riesce a star dietro a tutte queste domande. La più tartassata è la fotografa del giornale Newtown Bee, Shannon Hicks. Fu lei a scattare la maggior parte dei servizi fotografici nella prima ora dopo la strage, quando non erano arrivati gli inviati della stampa nazionale né le troupe televisive da fuori. Una in particolare: la foto dei bambini evacuati dalle maestre, che si tengono per mano (a occhi chiusi per non vedere i cadaveri dei compagni) uscendo dalla scuola. Su
quella foto la Hicks ha ricevuto email e telefonate da tutta America,con domande insidiose per coglierla in fallo, smascherarla come un’impostora. Un negazionista è arrivato in macchina fin da Ottawa in Canada, e si è introdotto nella redazione del  Newtown Bee per chiedere dov’è  finito «il secondo sospetto interrogato dalla polizia, poi sparito».
Il direttore e il caporedattore del  Newtown Bee, sono tempestati  di domande sull’assassino Adam Lanza. Perché si sa così poco di lui? Perché la sua vita a Newtown sembra quasi non avere lasciato tracce ? Esisteva davvero, costui ?


18/08/12

Montana, l' ultima guerra... degli indiani Piedi Neri contro le major del petrolio


a gli altri capi tribù    ascoltate  la  voce  di ancora resiste parafrasi del ritonello di questa  canzone





proprio  leggo l'articolo  di    repubblica  del 17\08\2012  che  trovate  sotto  oltre  a questa  foto che avevo come sfondo   in un vecchio desktop


mi  è  ritornata  in mente  questa  canzone




Ma  ora basta  girare  la  frittata  ed  andiamo all'articolo


Il Glacier National Park, ai confini tra il Montana e il Canada, era la terra dei «Blackfoot», gli indiani Piedi Neri, una delle più famose tribù di native americans. Regione di montagne scoscese, dozzine di laghi, centinaia di animali diversi e mille piante, dove gli eredi di quelli che erano considerati «i più grandi cavallerizzi dell' intera prateria» vivono ancora oggi, sfruttando come possono una delle più belle riserve indiane d' America. Una natura spettacolare, meta degli amanti del trekking che prenotano con mesi di anticipo gli chalet del primo Novecento.
 Terra di grande bellezza e ricco sottosuolo in cui, a mille e passa metri di profondità, si nascondono vene di petrolio. I leader della tribù hanno deciso che è il momento di sfruttare quella ricchezza, dando il via libera alle prime trivellazioni. Una decisione sofferta che ha spaccato i «Piedi Neri» in due fazioni opposte: i pragmatici, che vedono nel nuovo business un modo per assicurare un futuro più decente alle proprie famiglie, gli idealisti, scandalizzati da quei macchinari prontia violare una terra sacra dove vivono gli spiriti di guerrieri indomabili. Una piccola guerra scoppiata lo scorso aprile, quando un gruppo di membri della tribù diedero vita a un evento chiamato «la nostra terra, il nostro futuro», in cui Jack Gladstone, il più famoso cantautore dei Blackfoot lanciò «Fossil Fuel Sinner» (combustibile peccatore), diventato ben presto l' inno della protesta. Diatriba che il New York Times ha rilanciato come news nazionale. Due punti di vista opposti, ognuno con le proprie ragioni. Un boom del petrolio sarebbe una manna finanziaria per una tribù che, come tutti gli indiani d' America, soffre una secolare povertà ed è sempre alla disperata ricerca di NATIVI A destra, un indiano dei Piedi Neri. A sinistra, trivellazioni in Montana nuovi lavori. Gli oppositori, oltre alla violazione della terra sacra, sostengono invece che le trivellazioni rischiano di rovinare l' habitat, con gravi conseguenze sul turismo locale (fonte di guadagni per i membri della tribù). La terra dei piedi neri un tempo era grande come l' intero Montana (l' equivalente della Germania) ed oggi è ridotta a 6mila chilometri quadrati. Ci vivono in 10mila, eredi di quelli che un tempo erano cacciatori, predatori e guerrieri. Chi si oppone alle trivellazioni sottolinea come i Blackfoot siano, tra gli indiani d' America, una delle tribù che meglio si è adattata ai moderni Stati Uniti e che può continuare a vivere tranquillamente senza petrolio. Chi le vuole rinfaccia agli idealisti mancanza di coraggio e di senso della realtà: «per noi il petrolio può essere quello che per altri indiani sono stati i casinò». Sulle case da gioco è in atto un' altra battaglia intertribale, centinaia di miglia più a sud, nelle colline della Sierra Nevada in California. Lì gli indiani Maidu hanno finalmente ottenuto dal governo federale la possibilità di aprire un casinò fuori dalla riserva, ma la potente United Auburn Indian Community, (diverse tribù, compresi altri Maidu), proprietaria del resort «Thunder Valley» - hotel da 300 stanze, anfiteatro e campo da golf, decine di tavoli e 2700 slot machine - e un guadagno annuale di 30mila dollari per ogni membro della comunità si sta opponendo con tutte le forze. E il governatore della California, per ora, ha congelato il progetto.


                         ALBERTO FLORES D' ARCAIS NEW YORK.


      per chi volesse   sotto  trova  degli      approfondimenti    sui tale popolazione 

I Piedi Neri

A cura di Sergio Mura
Tra i moltissimi libri che vi proponiamo qui su Farwest.it, questo è uno di quelli imperdibili. Il suo valore supera largamente il ristretto ambito – i Piedi Neri – a cui è dedicato. In esso, infatti, nel descrivere in maniera impagabile la vita e la storia dei Black Feet, l’autore finisce per regalarci dettagli che valgono per quasi tutti i popoli delle grandi pianure del Nord America e di cui, in Italiano, è difficile trovare notizie parimenti preziose.
Il libro, dicevo, è dedicato ai Piedi Neri, un’autentica potenza militare delle pianure del nord-ovest americano ai tempi storici del bisonte e della sua cultura. Questo libro si rivela una vera e propria miniera di informazioni sulle grandi battaglie tribali tra i Piedi Neri e i loro vicini-nemici, gli Shoshoni, i Flathead e i Kutenai.
Attraverso una grande ricchezza di dettagli ed una prosa semplice (un grande merito va riconosciuto ai traduttori) riusciamo a conoscere moltissimo dei Piegan, dei Blood e dei Siksika, ossia le componenti della nazione dei Piedi Neri. Leggi il resto



oppure  

11/07/12

ma che tv è questa ? dove la verità diventa bugia e la bugia verità . le dichiarazioni di schettino

Datemi pure  del  fascista , del moralista , del garantista   a senso unico  , ecc  ma  certe cose  non le  sopporto .  Perchè  come dice il pompiere  corriere della sera


Schettino in esclusiva a Mediaset: «Presi le giuste decisioni»

L'intervista al comandante della Costa su Canale 5 - Rcd




Il comandante Francesco Schettino parla per la prima volta dopo la tragedia. In esclusiva per il programma di Canale 5 "Quinta Colonna"' il comandante della Costa Concordia, naufragata al Giglio il 13 gennaio 2012, racconta quella notte. Nell'anticipazione del Tg5 Schettino si scusa per quanto accaduto ma rivendica le decisioni prese, compresa quella di non lanciare subito l'allarme. Ma il web insorge perché "non c'è rispetto per le vittime" e invita a non guardare la trasmissione.

Visto che ormai io media dettano legge  ,  il caso non è solo Schettino  o chi si vende  \ accetta  simili proposte   ma noi tutti ( sottoscritto  compreso che  a  volte  ci   casca , anche  se   non è mai arrivato  fino al punto o di riprendere   e mettere in rete  con il cellulare  o digitale  eventi drammatici i od andare  , vedere   mio post   d'archivio  sull'eccessiva  e vergognosa  morbosità  della povera  Sara Scazzi    dove  la gente  arrivo a farsi    e  a  fotografare i garage  e l'abitazione dell'evento  )   con il nostro   desiderio di morbosità  e di conoscere tutto  nei minimi dettagli ,  ci può stare   che ( anche   se   la  difesa   si fa  in tribunale )  ma   
 al limite  , ma  con  un  contraddittorio , ma    cazzo  solo  ed  esclusivamente      tramite  un monologo  dove  puoi raccontare  tutte le  balle  che  vuoi    senza  che  nessuno possa replicare   o fartelo notare.


Come riporto da questi di due articoli .Il primo ( http://it.notizie.yahoo.com/schettino-intervista-50-mila-euro.html ) contiene due stralci dell'intervista, che è andata in onda martedì sera:

 il primo sulle vittime, il secondo sull'abbandono della nave da parte di Schettino.

CAVO:
Ma lei si sente di dover chiedere scusa a qualcuno?

SCHETTINO:
Ma sicuramente io non posso essere felice per quello che è successo, il mio cordoglio, il mio affetto più sincero va alle persone che purtroppo non ci sono più.

Il danno economico sicuramente ci sta, i danni  sono per le perdite, per le persone che sono state colpite nei loro affetti e alla fine sicuramente per l’azienda e per il comandante della nave che poi è stato vittima di tutto questo sistema, questa cosa che è successa che è un sentimento indescrivibile, è ben minore dell’ affetto di una madre che perde una bimba sicuramente, è incommensurabile

Però la perdita della nave per un comandante è qualcosa…non esiste un metro di dolore.


CAVO:
Lei dice il mio cordoglio…il cordoglio non equivale alle scuse, le ho chiesto se lei pensa di dover chiedere scusa?

SCHETTINO:
Certamente, perché io non pensavo mai potesse accadere una cosa del genere, va al di là di ogni intenzione di voler fare qualcosa del genere.

Nell’incidente non solo viene identificata la nave, l’azienda, viene identificato il comandante e quindi è normale che io debba chiedere scusa, quindi è normale che io debba chiedere scusa, proprio come rappresentante di questo sistema a tutti.

CAVO:
Lei ha parlato di una madre e di una bimba, lei come ha preso la notizia della morte della piccola Daiana Arlotti?

SCHETTINO:
Preferirei evitare non vorrei parlarne…perché già mi fa star male

-----

CAVO:
Il  punto comandante è che ci sono dei suoi ufficiali che si sono buttati in acqua e altri che hanno provato a raccogliere quei passeggeri che erano in acqua tra la nave e lo scoglio, lei non ha avuto la tentazione di ributtarsi in acqua di dare una mano ai passeggeri?

SCHETTINO:
Quello che ho visto io è che c’erano già 5 o 6 che venivano verso lo scoglio, cioè non ho visto persone che stavano affogando in acqua onestamente.



CAVO:
Quando capisce comandante che ci sono delle vittime?

SCHETTINO:
Mi sembra,  il comandante della Capitaneria, De Falco, mi disse ci sono già delle vittime, ma non so se era un dato esatto se realmente ci fossero delle vittime, il primo che me l’ ha detto è stato lui.

Speravo sempre non fosse vero, poteva essere anche una persona che era svenuta, che poi si sarebbe ripresa.


CAVO:
Le viene chiesto ad un certo punto di risalire a bordo, lo fa De Falco in una telefonata molto famosa che ha fatto il giro del mondo perché lei non sale a bordo e cosa ha provato a risentire quella telefonata?


SCHETTINO:
Ascoltare quella telefonata non mi ha fatto nessun effetto perché io mi sono messo nei panni dell’ interlocutore, generalmente quando si gestiscono i soccorsi a distanza, bisogna avere l’attenzione della persona che in quel momento rappresenta i tuoi occhi e capire lo scenario in cui si sta svolgendo la circostanza.

Io da comandante non ho mai dato un ordine che non possa essere eseguito, cioè lui ha richiamato  un dovere senza capire che non poteva essere fatto .

Il discorso è che non aveva considerato che la nave sul lato dritto era affondata, dovevo fare 300m a nuoto, cioè buttarmi in acqua fare il giro della prora, vedere la biscaggina, col cellulare da preservare , perché nel frattempo dovevo parlare con l’unità di crisi, facevo una cosa molto più seria

il secondo  da  http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/   di  Mercoledì 11 Luglio 2012 - 16:46


Torna agli onori della cronaca il discusso e bersaglio di invettive, che hanno finito per coinvolgere anche "gli italiani" più in generale, Francesco Schettino, il comandante della nave Costa Concordia naufragata nei pressi dell’Isola del Giglio il 13 gennaio 2012. Nel disastro, roba da Guinness dei Primati trattandosi della nave con il maggior tonnellaggio mai naufragata, sono morte 30 persone e 2 risultano ancora i dispersi. Da poche settimane sono iniziati i lavori di rimozione del relitto, un'operazione che richiederà almeno altri 12 mesi e non è stata mai tentata prima.L’ex ufficiale, ritenuto da molti il responsabile del disastro, è appena tornato in libertà. Gli arresti domiciliari gli sono stati revocati e lui aveva immediatamente chiarito quale sarebbe stata la natura dei suoi futuri rapporti con i media, gli stessi che lo hanno etichettato come il principale colpevole della sciagura. Per Schettino l’obiettivo sarà quello del massimo ricavo economico possibile. D'altra parte i soldi potrebbero rivelarsi molto utili, soprattutto qualora dovesse essere riconosciuto responsabile i risarcimenti in sede civile potrebbero essere particolarmente esosi per lui e superare la copertura assicurativa garantita ai dipendenti della Costa Crociere.Anche la sua azienda potrebbe voltargli le spalle, ovviamente se venisse dimostrato che il suo comportamento ha violato le regole imposte dalla compagnia. Schettino, tramite i suoi avvocati, ha fatto sapere che l’esclusiva della sua intervista sarà a vantaggio dei vincitori di una vera e propria asta e il cachet di partenza è di 50 mila euro. Le parole del suo legale, Bruno Leporatti, sono chiare: "Inutile correre fino a Meta di Sorrento: Schettino non uscirà di casa e non parlerà. Chiunque andrà, rimarrà davanti alla porta". Ovviamente, precisa l’avvocato, il lauto pagamento sarà a garanzia del mantenimento di un’esclusiva, concessa solo a due gruppi editoriali, uno televisivo e uno per la carta stampata. L’idea è ottimizzare al massimo l’esclusività facendo uscire le due interviste in contemporanea. Nelle dichiarazioni l’ex capitano non solo si auto assolve, ma si dipinge come una sorta di eroe, un uomo con l’istinto del capitano che, protetto da una mano divina, ha potuto salvare molte vite. Parlando della della manovra che ha condotto al contatto con lo scoglio Schettino dice: "C'è chi, a verbale, ha dichiarato che l'impatto con la poppa è stato causato da una mia allucinazione, un'allucinazione che mi avrebbe fatto virare a destra provocando la scodata verso sinistra... Altro che allucinazione! Piuttosto è stato il mio fiuto, il mestiere, il saper riconoscere il mare a farmi fare quella sterzata repentina a dritta".


Nell'intervista esclusiva mandata in onda da Canale 5, il comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, ha detto «bugie imbarazzanti». Questo il giudizio del procuratore capo di Grosseto,Francesco Verusio, che in una dichiarazione riportata da La Stampa si è detto «sconcertato e imbarazzato» per la versione dell'incidente fornita in tv da Schettino, il comandante della Costa Concordia naufragata all'Isola del Giglio il 13 gennaio scorso con oltre 4mila persone a bordo. L'incidente costò la vita a 32 persone (due non sono mai state ritrovate).
Procuratore: tutto dimostra le sue reponsabilità. «Lui - ha dichiarato Verusio - conosce bene la verità, perché gli atti, depositati dal gip, sono anche nelle sue mani. Testimonianze, registrazione di ciò che avvenne in plancia: tutto dimostra quali sono le sue responsabilità. Ed è tutto a sua conoscenza. E poi, suvvia, all'indomani dell'arresto ammise "d'aver fatto una cazzata" e ora si dipinge come il comandante perfetto che non è pentito di nulla. Da non crederci!».
Erano scattate ieri le polemiche per la prima intervista tv concessa da Francesco Schettino, andata in onda in prima serata su Canale 5 a "Quinta Colonna". Una intervista che secondo alcune voci sarebbe stata pagata 50mila euro (57mila secondo la blogger Selvaggia Lucarelli). Su Twitter è partito anche un boicottaggio della trasmissione condotta da Salvo Sottile ed è stato lanciato l'hashtag "#iononguardoschettino", diventato subito popolarissimo. 


Sottile smentisce, Mediaset non commenta. Il giornalista su Twitter ha negato più volte di aver pagato Schettino, in risposta alle richieste di chiarmento, affermando: «Noi non paghiamo nessuno». Mediaset invece non commenta, ma ricorda che in pasato spesso e volentieri tutti hanno pagato per interviste in esclusiva quando c'erano in ballo grossi personaggi.
L'intervista. «Non avrei mai pensato potesse accadere una cosa del genere, va al di là di ogni intenzione provocare una cosa così perché alla fine, nell'incidente, non solo viene identificata la nave e un'azienda, viene identificato il comandante quindi è normale che io debba chiedere scusa a tutti come rappresentante di questo sistema», dice Schettino.
«Il mio cordoglio, il mio affetto più sincero va alle persone che purtroppo non ci sono più - continua Schettino -. Il danno economico sicuramente ci sta, i danni sono per le perdite, per le persone che sono state colpite nei loro affetti e alla fine sicuramente per l'azienda e per il comandante della nave, che poi è stato vittima di tutto questo sistema, questa cosa che è successa, che è un sentimento indescrivibile, è ben minore dell'affetto di una madre che perde una bimba. Sicuramente, è incommensurabile. Però la perdita della nave per un comandante è qualcosa per cui non esiste un metro di dolore». Quando gli viene chiesto della morte della piccola Daiana Arlotti, Schettino risponde che preferisce non parlarne: «Questa è una domanda che mi distrugge, è terribile».
Quanto alla scelta di non aver dato subito l'allarme generale Schettino afferma: «Non mi sono pentito di non aver dato subito l'allarme. Sarebbe stata quella un'imprudenza. Far fermare la nave per mettere a mare le scialuppe, per evitare danni alle scialuppe in un fondale di 100 metri dove la nave sarebbe poi purtroppo sicuramente affondata. Se siamo qui oggia discutere è proprio perché io ho fatto delle scelte da comandante».
«Questo è un incidente banale nel quale la fatalità ha trovato breccia proprio nell'interagire tra esseri umani. Si è creato credo, di base, un malinteso e proprio per questo c'è la rabbia. È come se tutte le teste, compresi gli strumenti, fossero andati in black-out», osserva poi Schettino, ricostruendo i frangenti del naufragio. «In quel momento lì io sono salito sul ponte - racconta Schettino - ho ordinato la navigazione manuale e non avevo io il comando, la direzione della navigazione era dell'ufficiale». Poi aggiunge «mi faccio la colpa di essere stato distratto e che quella distanza come di routine doveva essere riportata, perché chiunque osservi al radar una situazione di eccessiva vicinanza deve per forza farlo presente». «La mano divina - continua Schettino citando il proprio memoriale - è proprio per dire ci stava un'ostruzione, il fiuto, l'osservazione di vedere, l'essere attenti, mi ha fatto intuire un qualche cosa da compiere che era importante», tanto che «alla fine sono riuscito ad evitare l'impatto frontale».
La sera del naufragio Schettino cenò con la giovane moldava Domnica Cemortan, ma fra i due c'è solo amicizia, ha poi detto Schettino. «È normale che ci sia stato gossip - ha detto sottolineato -. È sicuramente una persona socievole, simpatica e un po' amica di tutti, non necessariamente doveva essere qualcosa di più».
Quando gli viene chiesto se al momento dell'inchino Domnica fosse in plancia, Schettino risponde che «stava aspettando fuori dove sta la tenda e aspettava la cabina libera, la chiave che gli avrebbe poi fornito», perché «lei era una mia amica e del capo commissario, una persona che voleva fare una crociera con le sue amiche a bordo, voleva comprare un biglietto in Russia, disse che nelle agenzie russe non era riuscita a trovare un posto sulla nave e quindi l'aiutammo a trovare regolarmente una cabina e un regolare biglietto di viaggio». Riguardo quella sera, Domnica «è stata a cena con me - racconta Schettino - è stata assieme anche al capo commissario perché alla fine ripeto ci sono delle persone con cui vale la pena farsi due risate, nient'altro».
Poi, parlando ancora dell'inchino, Schettino nega chE sia stato fatto per dimostrare le sue capacità a Domnica Cemortan: «C'è una differenza tra un inchino e un passaggio, quello doveva essere un passaggio ravvicinato all'isola, perché in caso di inchino noi, generalmente, si riduce la velocità, si va a distanza ravvicinata, si scelgono le carte giuste per fare l'inchino ad una certa distanza dalla terra: se fosse stato programmato un vero e proprio inchino, non sarebbe successo perfettamente niente».
Le polemiche. «È assurdo che per rilasciare l'intervista di questa sera, in onda su Canale 5 al programma Quinta Colonna, l'ex comandante della Costa Concordia - al quale sono stati revocati gli arresti domiciliari, ma gli è stato vietato di allontanarsi da Meta, provincia di Sorrento - riceverà 50.000 euro», dichiara, in una nota, Massimiliano Dona, Segretario generale dell'Unione Nazionale Consumatori (Unc), aggiungendo: «Soprattutto se paragonati ai soli 14.000 euro di risarcimento per i passeggeri che hanno rischiato la vita». «L'Unc lancia su Twitter l'hashtag #BoicottaQuintaColonna - conclude Dona - per dare voce ad una protesta importante: non può diventare una star, per giunta pagato più del risarcimento dei passeggeri, chi non solo ha contribuito al disastro della Costa Concordia, ma ha anche abbandonato la nave».
Il lavoro che non c'è più, spese legali da affrontare. Per la famiglia Schettino è un momento difficile anche dal punto di vista economico. Secondo quanto si apprende da ambienti vicini al comandante, questo aveva determinato il silenzio di Schettino fino a ora, dopo la revoca degli arresti domiciliari. Dietro la decisione di aspettare a parlare, dice l'agenzia Ansa, ci sarebbe infatti stata la scelta di optare per interviste in esclusiva e, dunque, a pagamento.

a  voi  ogni ulteriore  commento 

06/06/12

Non è uno scherzo! Parlamento elegge la moglie di Vespa Garante per la privacy

l'uinico mio commento  ----------------------  da vanti  a  'sta news   presa  dal consueto





Pdl, Udc e Pd votano compatti la nomina di Augusta Iannini, moglie del giornalista Rai Bruno Vespa, Garante per la privacy.

Ne esce fuori un conflitto di interesse grande quanto una casa tra marito giornalista e moglie che deve garantire la privacy dei cittadini, spesso messa sotto ai tacchi durante le sue puntate di Porta a Porta.
AI 107 PARLAMENTARI CHE AVETE VOTATO AUGUSTA IANNINI: VI DOVETE SOLO VERGOGNARE!!


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget