Visualizzazione post con etichetta alla faccia dello stato laico. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta alla faccia dello stato laico. Mostra tutti i post

02/05/17

capisco e sono d'accordo che la bestemmia non : sia una bella cosa , sia un qualcosa d'irrispettoso verso chi crede , e che sia ( SIC alla facia dello stato laico ) un reato e come tale vada punito ma «Con tutto quello che si sente in giro, vanno a multare me perché ho scritto due bestemmie ».

http://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca 29\4\2017

Bestemmia su Facebook: multato ragazzo di Crespano
Giovane di Crespano si sfoga sui social dopo un controllo dei carabinieri, i militari lo sanzionano per blasfemia: 103 euro di Fabio Poloni .





CRESPANO. Scrive un post carico di bestemmie su Facebook dopo aver subito un controllo stradale “invasivo” da parte dei carabinieri: multato, dovrà pagare 103 euro. Ebbene sì: la perquisizione e il controllo dell’auto hanno dato esito negativo, ma il giovane di Crespano è scivolato sulla blasfemia “postuma”. «Bestemmiava contro le divinità», si legge sul verbale redatto dalla stazione dei carabinieri di Crespano a carico di Nicolò de Paoli, 22 anni appena compiuti. Lui ora ci ride sopra - ma non troppo - e non ha alcuna intenzione, dice, di pagare quella multa.
Vicenda davvero insolita e senza precedenti. Bestemmiare è sì un reato, seppur depenalizzato, previsto dall’articolo 724 del codice penale che punisce «chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la divinità o i simboli o le persone venerati nella religione dello Stato» con «la sanzione amministrativa pecuniaria da cinquantuno euro a trecentonove euro».





Censure e filtri applicati dal social sono noti, ma non si era mai visto che i carabinieri si travestissero da Grande Fratello digitale e andassero a sbirciare su un profilo privato, pizzicando un bestemmiatore da tastiera. Bene, Nicolò è il primo. Ne avrebbe fatto volentieri a meno: «Con tutto quello che si sente in giro, vanno a multare me perché ho scritto due bestemmie», ci racconta Nicolò al telefono, dopo che il suo caso è stato portato alla luce da Andreas Ronco della pagina Facebook “Il Veneto imbruttito”. Nicolò è veneto e ora è anche molto imbruttito: «No, non pago», dice, «la multa è del 14 marzo e lascerò passare i sessanta giorni di tempo senza tirar fuori un centesimo». Hai provato a contestarla? «Sì, ho fatto notare che andare a sbirciare su un profilo Facebook per trovare una bestemmia non è proprio sua madre buona. Ma mi hanno detto che la legge è quella e non si scappa». Però non paghi. Resistenza passiva? «Sì. Se i carabinieri torneranno alla carica, chiederò cosa fare al mio avvocato».
Abbiamo risolto i problemi dell’economia nazionale, se multano tutti i veneti che bestemmiano. Nicolò, che oggi lavora nel settore dell’edilizia dopo un passato da cuoco, la butta sul classico ridere per non piangere. E racconta nel dettaglio com’è andata la faccenda. «Il 10 marzo scorso ero in auto con un mio amico, avevo preso della carne in macelleria da lui e poi gli ho dato un passaggio. Ci siamo fermati nel parcheggio di un locale, sono sbucati i carabinieri, mi hanno perquisito l’auto da cima a fondo. Cosa pensavano di trovare, dei kalashnikov Ak47? Tutto era in regola ma dopo quel trattamento, arrivato a casa, mi sono sfogato su Facebook: ho raccontato la scena e scritto qualche bestemmia. Qualche giorno dopo mi hanno convocato in stazione e mi hanno multato per le bestemmie scritte sul social network. Pazzesco».




Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget