Visualizzazione post con etichetta alitalia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta alitalia. Mostra tutti i post

28/09/08

IL GRANDE BLOB HA FATTO PLOFF



Miei cari amati amici blogger. Oggi propongo una sana riflessione. Dopo aver visto cosa accade ad una industria che tutti noi consideravamo nostra  e con vanto, capisco che il sistema del chissenefrega tanto non pago io, è andato in cantina travolgendoci , perchè saremo noi a pagare per questo.



Mi riferisco all'Alitalia di cui si è detto di tutto e di più. So bene quanto la mal gestione ha influito ad affossarla, e so anche quanto i sindacati hanno contribuito a sotterrarla definitivamente per accontentare i troppi "bambini viziati" convinti di vivere ed esistere in un mondo che non c'è e che non è mai esistito, ma che gli hanno fatto credere che esistesse.



Ma facciamo un passo indietro arrivando agli anni ottanta e quindi al fenomeno dello yuppismo sfrenato, che ci ha portati alla rovina. Ricordate il termine yuppi nato nella famigerata moda italiota di copiare tutto ciò che arrivava d'oltreoceano come una bibbia sacra. Dove l'io imperante è l'unico dogma da seguire sposando il detto "morte tua vita mia" (in vulgaris). L'arrampicatore sociale non ancora trentenne (senza distinzione di sessi) che appunto a trentanni dev'essere per forza arrivato ai vertici altrimenti è un fallito/a, e per arrivarci non vive, non dorme, non mangia, ma studia strategie per fregare il concorrente diretto soffiandogli il posto  o la promozione con un cinismo da fiction delle migliori. Lo yuppie non conosce pietà nè pietismo, ma solo una parola chiave, arrivare in vetta per gestiere il potere.



Tutto questo, ci ha portati oggi al fallimento di una delle industrie più prestigiose, da fiore all'occhiello per noi, (L'Alitalia). Dando alle ortiche il futuro del prossimo e di una nazione intera, in virtù del proprio tornaconto. Yuppismo puro in un paese come il nostro dove i vari governi che si sono susseguiti non hanno fatto assolutamente nulla per cambiare questa spirale da suicidio consapevole, sposando la teoria che è meglio un uovo oggi che una gallina domani, ma l'uovo oggi  legato al singolo individuo e non all'azienda, porta al tracollo.



Ora il mio prurigionoso panegirico dove vuole arrivare? ... Alla caduta di un sistema mondiale basato sul "faccio tutto mi" la caduta delle banche da una all'altra in america  e a breve ci sarà l'effetto domino, non ha fatto altro che dimostrare quanto l'economia "virtuale" sia ridicola, dannosa e inutile. E non lo dico per il crollo della grande banca americana e quindi dell'economia tutta, compresa la nostra, (siamo legati all'economia usa anche nell'espellere i rispettivi bisogni  nel senso dei rifiuti corporali, anche se siamo entrati nella famigerata Europa, non è cambiato nulla nel flusso dell'economia e se l'euro sale rispetto al dollaro per noi europei è una tragedia e non un bene, spiegateci allora a cosa è servito entrarci)



ma per l'assurdità di un sistema che non riuscivo a capire come quello dei soldi e dei flussi bancari virtuali. E adesso arrivo al punto non disgiunto dal caso Alitalia e similari. Quando voi depositate pochi cent in banca, vincolandoli, i vostri soldi sono reali, ma se il procacciatore finanziario della vostra banca (broker finanziario) decide d'investirli dove lui meglio crede senza dirvelo, diventa tutto virtuale. Faccio un'altro esempio. Voi depositate una somma da investiere e quella somma è reale, negli scambi interbancari dove la vostra somma viene gestita, diventa virtuale. Se voi decidete di sbloccarla per riprendervela vi viene detto di aspettare perchè non c'è, questo è il capitalismo virtuale, figlio del vecchio capitalismo. Ora non voglio menarla più di tanto in un discorso complesso che tutti conosciamo bene a nostre spese e dico subito dove voglio arrivare.



Il capitalismo dal vecchio al nuovo è crollato. Da un grande blob rigurgitato in america che  ha fatto plof f nel mondo facendo crollare tutte le borse.



Ora, una cosa che tanti dicevano da anni, restando  inascoltati, è diventata reale con lacrime e sangue di molti. E adesso che, è stato dimostrato quanto il denaro virtuale legato ad un sistema capitalistico non funzioni più, anzi si è annullato da solo, dove andremo? ... Cosa faremo? ... Ci rimboccheremo finalmente le maniche nel fare, per il bene e il meglio del nostro paese, in prospettiva a lunga gittata,  o si cercheranno altre strade sempre finte e fittizzie per rossicchiare il fondo del barile?...



Si capirà che per l'italia la vera industria da sviluppare (non a caso l'unica con il pil in crescita) è quella agricola o ancora continueranno a raccontarci che le industrie ecc (tutte in perdita) sono l'unica fonte di sviluppo? ... Si continueranno ad ignorare le risorse specifiche del nostro paese che vanta siti archelogici a sviluppo cultural turistico di portata enorme, che potrebbero da soli mantenere l'Italia tutta se solo si sviluppassero in special modo dal centro sud d'Italia, o si continuerà, come fatto in passato, a rovinarli per aprire fabbriche inquinanti e fumose poi destinate alla chiusura (vedi, una per tutte L'italsider di bagnoli) pe ri guadagni immediati di pochi singoli?



Potrei continuare per giorni, ma mi fermo qui. Non sono una economista nè altro del settore, solo una cittadina che osserva e pensa come credo voi. Convinta che il virtuale stia bene solo dentro un pc per scambi di ogni tipo e che nel reale per il bene di tutti si debba tornare a pensare nell'insieme di un popolo e non nel beneficio immediato di un singolo. Il capitalismo ha fatto bum e adesso?!!



Non so che cosa ho detto, ma l'ho detto.



Buon fine settimana a tutti voi, un grande bacio e un abbraccio al futuro.





Sempre vostra Rossella.



Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget