Visualizzazione post con etichetta ahi ahi l'amore. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ahi ahi l'amore. Mostra tutti i post

23/10/16

Storie d'amore con i crampi di matteo tassinari

 in sottofondo la struggente your love  - Ennio Morricone e Dulce Pontes


E' nell'altra che ti     confondi,
in realtà, quanto     ti piace?
Shakespeare secondo Branagh

E poi l’amour     fou
Kenneth Branagh
Pene d’amore perdute. Languori. Svenevolezze e smancerie. Sorrisi sornioni e baci assassini, tremori, pallori, assolutori, ingenuità e perché dare gioia, è un mestiere duroSe non ricordi che l’amore t’abbia mai fatto commettere la più piccola follia, allora non hai amato nel tuo mondo senza malinconia dove gli usignoli ruttano. Incantesimi e parole vaghe, trecce sciolte dal balcone, avito e cartigli avidamente scartati da cioccolatini ben noti, i quali, dopo 95 anni d'onorato impegno letterario, abbandonano i versi di Dante e aprono a Kurt Cobain e Pieraccioni. Sempre in peggio, prima Facebook, ora Pieraccioni. Ora, chi ci dobbiamo aspettare, Luca Barbareschi? L'uomo che meglio di chiunque altro, sintetizza gli aspetti più deleteri e vili dei vizi peggiori degli italiani. Perché lo dico e come faccio a saperlo? Son giornalista da 34 anni.
Bisogna che una sensazione sia caduta ben bene in basso perché si degni di mutarsi in idea. Non azzardatevi a toccarli mai, non azzardatevi a giudicarli, tirate via le vostre mani sporche, non confondetevi coi loro sogni. Hanno aerei per volare, ma quegli aeroporti non ci sono più. Possiedono treni e una stazione lontana tra il cielo e terra, hanno le nostre fandonie nelle orecchie, conoscono le nostre facce. Madri pompate a tranquillanti, padri che vanno sul sicuro, i ragazzi nascondono lacrime sospese come gatte gelose dei figli hanno un bagaglio di speranze deluse. Un mondo storpiato dissestato, malridotto, squinternato, traballante, ingannato tradito, massacrato pur sapendo che hanno una rosa dentro che vien da chiedersi come abbia fatto nascere e crescere in una Gomorra di sifatta teatralità disorientata.
Peter Greenaway, regista 
Come quella giraffa che ha il cuore tanto lontano dai pensieri. Pensa che s'è innamorata ieri e ancora oggi non lo sa. Tra mezzora forse inizierà a sentire la farfalle nello stomaco. Ma sopra tutto, lo script luminoso del regista Peter Greenaway: “Nei miei film, parlo sempre di sesso e non di amore. Io sono un buon darwiniano e, dato il pensiero comune sull'evoluzionismo e sulle teorie comportamentali, dico che siamo come delle valigie che servono a continuare il passaggio di geni”. Ma non c'illudiamo. E' questo un triste mondo dove un uomo che legge ad alta voce versi o testi spirituali, in solitudine, passa per squilibrato. Una persona singolare, per parlare in politicamente corretto.
  S'era instaurato     un bel clima 
Ma la voglia, il desiderio, è ben diverso, simile alla passione "cristalla". Già a 5 anni, mi faceva paura la prigione, non conoscendo ancora gli uomini con i quali avrei convissuto. Mica per altro, o la pena da scontare, pur non essendo mai stato in prigione Ci sono stato di striscio parecchie volte, grattandomi pure il sedere, modo di dire quando la Questura ti porta in quelle loro stanze segrete e ti fanno domande, di gossip più che altro. S'era instaurato un bel clima fra di noi, dopo avermi preso le impronte digitali, foto segnaletiche, davanti, dietro, sinistra e destra e rossori sulla pelle stile decorazioni ornamentali, tutte spesate dal Questore o forse più a spese mie. 
Sangre        love,
loviente in cor
Vi sono più cose in cielo e terra, Orazio,
di quante se ne sogna la tua filosofia.
(William Shakespeare, 1600, "Amleto")

Amori da poco, vacui e scontati, superflui. Amori impellenti, che chiedono resa perché incompresa. Amori da ridere, altri da morire. Tragedie e commedie, mondanità, paranoie. Credo che la fine del XX secolo sia un momento di rinegoziazione sulla procreazione sulla nascita e sul sesso. La politica sessuale ci ha dato libertà più ampie. L'approccio alla sessualità e alla castità ha aperto molte possibilità. È la morte a rimanere non negoziabile. È l'ultima frontiera. Si potrebbe scrivere che la civiltà ci ha sottratti alle spade per farci meglio sentire la paura dei chirurghi. Pensate, quanta gran gente, i mediocri, quanto sono operosi, attenti e pacati. Non hanno scatti di pensieri, di affetti, di soluzioni, calme di vento, slanci d’infantilismo. Fanno quel che possono e sanno, magari quel che non sanno, ma con tanta buona volontà!
Paura del   tempo
Sarà stata la pazzia a indurre l’innamorato non corrisposto a parlare tutte le lingue per esprimere un concetto così universale, come quello dell’amore? Perché l’amore è quel miscuglio che tu sei da una parte e lei dall’altra, eppure gli sconosciuti s'accorgono che vi amate. Come aver preso insieme un trip e avere entrambi le stesse paranoie, è una responsabilità enormemente reciproca che non ammette tradimenti di nessuna ragione. E' una cosa molto seria. Che cazzo, mica pugnette! Una volta pensavo che i libri si facessero così: arriva un poeta, lievemente disserra la bocca e di colpo comincia a cantare il sempliciotto ispirato: di grazia, ma perchè! (Vladimir Vladimirovič Majakovskij).
Sergej Esenin, poeta
Non ho mai saputo interpretare il diktat di Majakovskij rispetto alla morte-omicidio-suicidio (altro aspetto ancora da chiarire)  del poeta russo Sergej Esenin: “Se ci fosse stato inchiostro all'Angleterre, non avrebbe avuto bisogno di tagliarsi le vene”. Non capisco se ci sia, nelle parole di Majakovskij, un velato senso d’ironia, quasi guappa nei confronti del povero e magnifico Esenin che difenderò fino a morir. Se lo merita, che ne pensate? Non ho forse ragione?
Ancora Shakespeare,  ancora Branagh 
che ha raschiato il  fondo del barile.
Tutto evanescente e  pomposo, troppo
Le frasi hanno un senso compiuto, ma le parole vengono dai posti più disparati. Ecco che ci troviamo il napoletano, l’inglese, lo spagnolo, il francese, il provenzale, perfino l’italiano antico e per finire qualche termine reinventato, strani miscugli dalla fonetica accattivante. Spesso l’amore trova difficoltà nella comunicabilità dei sentimenti che si provano. Due cuori e una capanna di Babele dove l'ordinario e l'esiguo spirito associati alla pigrizia, abbiano prodotto più intellettuali che la riflessione e le letture dotte e ignaro di ogni orifizio.
Se tutti coloro che abbiamo ucciso col pensiero scomparissero davvero, la terra non avrebbe più abitanti, non è una boutade e non lo vuole essere, è un dato di fatto. Con Sangre loviente in core (che ama in cuore). Se della Morte vara ne è l'ora, orsù, saluta la Signora col mantello nero, figlio mio. Fa male, ma è gentile, almeno è quel che ci si augura. La morte, caro, è un'usanza che tutti dobbiamo rispettare. Adeguiamoci mio figliuolo. 


Rubinetti    gocciolanti
scoregge    appassionate
Che dolci premesse,   amor mio
Amori  basta. Quelli dentro la confezione levigata e attenta all’air du temps. Negli intenti, una ricerca concentrata anzitutto sulla dichiarazione d’amore. Vale a dire su quella piccola catastrofe delle emozioni in cui, dei due soggetti coinvolti, uno assume il rischio e lo spavento e lancia una parola, un gesto, spesso uno sguardo alla Paolo Conte, verso l’altro. "Tutti quelli che nell'ora suprema vogliono circondarsi di amici lo fanno per paura e per incapacità di affrontare i loro ultimi istanti. Cercano di dimenticare, nel momento capitale, la propria morte". (script, Emil Cioran). Charles Bukowski, invece in "Taccuino di un vecchio sporcaccione, scriveva: "Rubinetti che gocciolano, scoregge di passione, pneumatici bucati. Sono tutte cose più tristi della morte".
Emil Cioran
Fuori di sé, a rischio di perdere sé stessi. Ebbe a scrivere il magnifico Emil Cioran, intellettuale rumeno del secolo scorso e tanto altro: "Lo scrivere, per poco che valga, mi ha aiutato a passare da un anno all'altro, perché le ossessioni espresse si attenuano e in parte vengono superate. Sono certo che se non fossi stato un imbrattacarte mi sarei ucciso da un pezzo. Scrivere è un enorme sollievo. E pubblicare anche".
Non più dentro la capsula protetta e ottusa dello spazio pubblico, d’improvviso dentro uno spazio privato che annulla le distanze e che spaura. Aulentina tu non vivi per moi.
In realtà, una riflessione che dell’amore finisce per attraversare tutto lo sconnesso frasario, le figure maggiori e quelle più frequentate dagli artisti coinvolti secondo un principio, come sempre, sincretico ed indifferente alla successione cronologica, che procede per sistematica contaminazione. Figure dell’amore. Danze di congiunzione, tensioni che reggono le sorti del mondo. O amore o morte, o insieme per sempre o per sempre disgiunti. Stilemi come quelli della corte amorosa, dall’immaginario cortese alla tenerezza colta da Ingres (1843), all’ardore di Boucher (1600) ai Cuori neri di Warhol (1981).
Majakovskij e l'amata Lily Brik 
Corpi d’amore e di sesso perché come scrive Arthur Rimbaud, è nell’altro che ci si confonde e ci si ritrova, attraverso lo scambio delle carni, degli umori come degli abbandoni. Baci. Quelli timidi e quelli voraci, Klimt e Schiele, Luis Bunuel e Man Ray. Sessi. Ricordi che non possono più riportare quello che è stato un solo bel tempo. 
Sono tutti i percorsi ed i luoghi della passione amorosa in una sorta di caravanserraglio che lascia, alla fine del viaggio, esausti e disarticolati. Un po’ smarriti. Non è facile parlare d’amore, come sanno tutti gli innamorati e non sanno invece chi festeggia san Valentino, povero cretino pure col codino. Il nostro è un periodo incapace di decidere tra leggerezza e pesantezza, tra sensazione e passione, tra fuga e vertigine. Tutto marcato da una vena neoromantica a forte investimento narrativo, spesso languida come una lingua di bue o inutile, inspiegabile come il successo della “Lettera d’amore” di Cathleen  Schine, una libreria tinta di rosa, sulla costa atlantica degli Stati Uniti. Come vorrei essere tagliente come un eccomi.
                            Il tuo dramma è il più
 importante della Storia
Avete mai provato la belluina ed eccitante appagamento dei sensi nel guardarvi in uno specchio dopo innumerevoli notti bianche riempite d'alcol? Avete mai subìto la tortura dell'insonnia, quando si avverte ogni istante della notte, quando esistete solo voi al mondo, e il vostro dramma diventa il più importante della storia, di una storia ormai svuotata di senso, e che neppure più esiste, giacché sentite levarsi in voi le fiamme più spaventose, e la vostra esistenza vi appare come unica e sola in un mondo nato soltanto per portare a termine la vostra agonia avete conosciuto questi innumerevoli momenti, infiniti come la sofferenza, per vedere poi riflessa, quando vi guardate allo specchio, l'immagine del grottesco?

 Non      sarebbe 
meglio       proferire?
Che succederebbe se lo sguardo umano esprimesse fedelmente le lacerazioni che s'accusa dentro, se svelasse il supplizio provato? Riusciremmo ancora a conversare? Non sarebbe meglio proferire, raccontare, sciogliere i diktat, strombazzare, esprimersi confidandosi nello sfogo borghese, per sbottonarsi ancora e ancora confidare, conferire, conversare nascondendoci il volto con le mani? La vita assumerebbe connotati orribili, impossibili se le nostre prerogative personali evidenziassero la potenza della dimensione spirituale. Alcuno ha più la forza, l'integrità morale di guardarsi allo specchio, perché un'immagine insieme grottesca e tragica mescolerebbe ai contorni della fisionomia macchie di sangue, piaghe sempre aperte e rivoli di lacrime irrefrenabili, intervallate dal malcostume come la corruzione, il senso carnale di chi puzza di sesso.
Stendhal o Barthes,
   Shakespeare       o Baudelaire?  
Una bella libraia, divorziata senza rimpianti e appassionata del suo mestiere. Un variegato ventaglio di clienti e commessi. Infine, una lettera d'amore che sbuca fra la posta e i libri. Un libro che è più palloso di quelli stucchevoli della triestina Susanna Tamaro. Perché metterne alla prova, scagliandola a tentoni, la capacità speculativa e l’eredità filosofica di Stendhal, Barthes, Shakespeare e Baudelaire? Tuttavia mi rimane ancora da capire perché il poeta Mannerini, grande amico di De André, riuscì a concepire i seguenti versi: "Un ferroviere era quel tale che per morire scelse per Natale.
Da una finestra, un oblò vetrato, entrò nella Storia del mondo che parla di fame, sete, morti, gioia e bellezze, non certo di gloria. Ma quando la sorte è puntigliosa, arriva la morte in forma curiosa che gli procura, umano aeroplano, un volo notturno da un quarto piano e lo riduce in quattro e quattr'otto in un mucchio di cenci, di ossa un fagotto. All'alba non muore soltanto la notte, muore anche l'uomo e il suo divenire e il sangue caldo che bagna il selciato, è un discorso appena iniziato.
Pasquale Panella, paroliere di Battisti dopo Mogol
Tiranna mia tu non vivi per me, ed io impazzisco per te. I fou de love (impazzisco d’amore) appriesse a te (per te). Loviente in core (che ama in cuore) rossiente por ti (ardente per te), vurria vurria (vorrei, vorrei), ma prima ‘e murì (ma prima di morire), vida d’erotica ambicion (vita di erotica ambizione). Grande Pasquale Panella, che ci ha reso il miglior Lucio Battisti della storia musicale, non quello con Mogol, perso fra le gote rosse e canti liberi, ma in chiave di volta con le mani a gesticolare nel ventoPenso che se non ci fosse stato Battisti non ci sarebbe stato Mogol, e viceversa. Personaggio che non ama di certo i riflettori, evita accuratamente tutti gli inviti calorosi e di alto "encomio" economico, di tante trasmissioni televisive che lo vorrebbero nel loro parquè d'ospiti da intervistare, ma lui è risponde picche a tutti. E' orfico, ermetico, nel suo caso dadaista, un Brian Eno più raffinato, meno commerciale, un autore che parla alle note del pentagramma.
Il     “dilemma atroce
gaberiano
Valenze dell’instabilità che governa il mondo secondo un ritmico principio di alternanza che assicura il divenire per paura di restare abbandonati. La storia, il racconto, sono fatti selvatici, non si possono condurre a proprio piacimento. Dimentichiamo allora per un momento l’amore degli enigmi e degli stereotipi. Una cravatta blu, con strisce bianche. L’onestà e la coerenza con sé stessi. La fedeltà verso i propri dubbi che, risolti, portano al senso della vita come nel caso di "Gildo". Chi è?
Il Signor G.. Una colonna della creatività narrativa teatrale. Giorgio Gaber, in molte sue canzoni eppure, come le cose più belle e semplici, non sempre era facile capirlo. Poco male per GG. Prima o poi sarebbe tutto arrivato, sapeva già che era necessario il passaggio di qualche anno prima che arrivasse il messaggio.  
Era   un grande davvero, solo che le parole sonostate  inflazionate e svuotate del loro significato
perdendo l'effetto   autentico ed originale
 Morir je         vurria 
Quello delle rime e delle metafore eleganti e anche quello dell’estasi dalle feroci malinconie. La logica di un percorso passionale di una coppia in pieno “dilemma gaberiano”, spaventata e disillusa, tensione dura e scintillante come una fune metallica tesa tra due solitudini. Tra due soggetti spaiati. La loro relazione, è la loro relatività e la passione come qualità dell’esistere che trasforma il percepire in sentire e perturba il fare di giorno in giorno morir je vurria (morire io vorrei).

28/03/16

morire per troppo amore degli animali Insegue il cane in tangenziale: uccisa. Lo strazio di parenti e amici M investita mentre cercava di recuperare l’animale sfuggito, che avrebbe regalato oggi alla figlia

l'unica  risposta  che mi  do  a questa  mia elucubrazione    : fanatismo o amore ? incoscienza . Infatti  essa  è   una  storia  d'amore  e d'incoscienza   e di troppo amore    verso gli aninmali . Le  foto  dell'evento ,che trovate  sotto ,sono troppo   sckoccanti ed  non aggiungono niente  se  non morbosità  inutile  . Quindi  preferisco non riportarli  (   chi  interessa le  trova qui )



da  http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/ del 27.3.2016
IMODENA.
 Il cagnolino scappa nel giardino dietro alla monumentale Villa Laura di via Barchetta e, risalite le frasche di un canale, si infila nella tangenziale che scorre proprio di fianco. soccorritori tentano un’iniezione di adrenalina sul posto ma poi decidono di portarla immediatamente al pronto soccorso di Baggiovara, più attrezzato. In ospedale Manuela è rimasta un’ora tra le cure disperate dei medici che le hanno praticato il massaggio cardiaco. Finché, alle 15.30, hanno dovuto constatare il decesso, certificato un’ora dopo. Manuela era morta in conseguenza di numerosi traumi, in particolare uno gravissimo alla testa.
Sul posto sono accordi subito parenti e amici, all'ospedale regnava la disperazione tra l'incredulità generale: "non può essere successo", si ripetevano. Ai genitori è toccato il riconoscimento.
Manuela lascia una figlia piccola con la quale abitava in via Verne, una strada di edifici nuovi non lontana dal giardino in cui ha fatto l’ultima passeggiata con l’amica e il nuovo amico a quattro zampe.
Il magistrato di turno, il pm Lucia De Santis, ha ordinato in serata il trasferimento della salma: le onoranze Gianni Gibellini hanno trasportato il corpo all’istituto di Medicina Legale dove resterà a disposizione per eventuali accertamenti autoptici.
Stando alle prime ricostruzioni della polizia stradale di Modena, intervenuta subito dopo l’incidente, la tragedia si è consumata verso le 14.20 di ieri in una giornata, la vigilia di Pasqua, che per Manuela doveva essere tutta di festa: la giovane infatti in mattinata si era recata al canile municipale per prendere un carico un randagio. Lo avrebbe regalato a sua figlia. Una vera sorpresa di Pasqua.
Nel primo pomeriggio, assieme all’amica, è andata a far sgambare il cane nel giardino dietro l’ingresso di Villa Laura, a fargli fare i primi giochi, le prime corse del cane nella sua nuova zona, lungo i campi. Ma il cane si è avventurato troppo tanto da finire con un balzo in tangenziale tra le auto che gli arrivavano incontro.

Celeste, la cagnolina scappata alla...
Celeste, la cagnolina scappata alla sua padrona in tangenziale è stata ritrovata
Manuela lo ha visto risalire in fretta le frasche del canalone separatorio dalla tangenziale e poi più niente. Temendo per la sua incolumità, lo ha inseguito insieme con l’amica. Quando ha scavalcato il guard rail, è arrivata una Megane, guidata da un 31enne modenese, che ha travolto Manuela sbalzandola di alcuni metri e lasciandola a terra tramortita. Anche se è riuscita a trovare le forze per dare tempestivamente l’allarme, l’amica è tuttora in stato di choc, così come il guidatore dell’auto.
Manuela, impiegata nel settore controllo qualità in una ditta in via De Nicola ai Torrazzi, lascia una bambina piccola. Sul luogo dell’incidente, per i rilievi previsti dalla legge, ha proceduto la polizia stradale di Modena.
Il cagnolino, una femmina di nome Celeste, è poi stato ritrovato. Subito è arrivato anche il cordoglio del Canile Intercomunale dove Manuela aveva adottato il cane poco prima.

06/02/16

ormai la realtà reale e quella virtuale sono tutt'uno .Premariacco ( Udine ) Tenta il suicidio per amore: i genitori lanciano la notizia su Facebook

ormai  la  vita reale e  quella telematica   vanno di pari passo nel bene e nel male . Non aggiungo  ulteriore  commenti



 se  non   quello che  ormai   è impossibile    ( in ....  a ----   che mi  aveva  rimosso   e poi bloccato su  fb   perchè  avevo semplicemente   risposto  con ironia   ad  un post  scemo   e la  sua  amica  l'aveva preso sul serio.e  quando  gli chiesi il perchè : <<  non devi confondere  vita reale da  vita  virtuale  >>    )  distinguere  le  due realtà perchè :


provate pure a credevi assolti
siete lo stesso coinvolti. (...)
Anche se avete chiuso
anche se allora vi siete assolti
siete lo stesso coinvolti. (...)
E se credete ora
per quanto voi vi crediate assolti
      siete  per sempre  coinvolti

  (  citazione poetico \ musicale  ) 
  ma ora  basta  con le  chiacchiere  a    voi  la  news  in questione    tratta  da ,sempre  grazie  alla pagina fb cronaca italiana   http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca del 6\2\2016









Tenta il suicidio per amore: i genitori lanciano la notizia su Facebook
Il dramma di Premariacco. «Volevamo che esplodesse il caso, che ne parlassero tutti. E sapete perché? Perché tragedie del genere non devono ripetersi». Ma lo psicologo è critico: un segno di solitudine


  06 febbraio 2016

Leggi anche
Delusione d’amore: beve acido, è gravissima
Premariacco: Stephanie Visintini, 19 anni di Orsaria, è in coma in terapia intensiva. Il padre Valter: la nostra famiglia è distrutta, non abbiamo più lacrime




PREMARIACCO. «Volevamo che esplodesse il caso. Che ne parlassero tutti, che la vicenda divenisse di dominio pubblico, collettivo. E sapete perché? Perché tragedie del genere non devono ripetersi. Non deve mai più accadere che una ragazza scelga di togliersi la vita per amore». Il padre di Stephanie, Valter Visintini, motiva così la decisione sua e della propria consorte di consegnare alla piazza virtuale di Facebook un lacerante dramma di famiglia.
«Stephanie Stephy Visintini, mia figlia è in terapia intensiva – così si legge su Facebook –. Vi prego di pregare per lei. Con ieri ho finito di vivere. Lei per amore di quel famoso ragazzo che io non ho mai amato, l’ha lasciata per l’ennesima volta. Lei ha bevuto acido muriatico. Voglio morire. Voglio morire». Un messaggio che ha innescato numerose reazioni.
E in seguito un secondo post della famiglia (che pubblichiamo qui a fianco) ha aggiornato la situazione clinica della ragazza, fornendo preoccupanti dettagli sulle condizioni di salute della ragazza.
I post sul profilo Facebook sono fioccati. Incredulità e sgomento hanno invaso la rete; la voce della disgrazia si è diffusa a macchia d'olio, diventando tristissimo argomento del giorno a Premariacco e nella frazione di Orsaria, dove la famiglia Visintini risiede, ma anche tra gli amici e i conoscenti di Stephanie.
«Era esattamente ciò che desideravamo avvenisse», ribadisce il titolare del panificio-pasticceria del paese.
«E badate – aggiunge il papà della giovane che ora sta lottando nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Udine – : la nostra è una provocazione. Basti dire che io il cellulare lo uso con il contagocce. Sono profondamente convinto che tanti mali della nostra società sgorghino dalle nuove tecnologie, dagli sms, dai social. Viviamo, ormai, immersi in un mondo non reale, parallelo, che falsa le percezioni e i sentimenti... Ho provato a dirlo a Stephany, più volte, ma lei il telefonino non lo mollava un attimo...».
Ma proprio l’utilizzo dei social network, davanti a una tragedia familiare, viene aspramente criticato dal presidente dell’Ordine degli psicologi, Roberto Calvani, che lancia l’allarme. «Facebook e twitter – dice l’esperto senza mezzi termini – vengono usati in maniera sempre più inappropriata anche dagli adulti».




Secondo Calvani è il «segno dei tempi, della mancanza di comunicazione tra genitori e figlio e tutto il mondo che li circonda». È come se il virtuale avesse soppiantato il reale.
«Si preferisce – spiega – affidare i propri sentimenti ai cellulari e al computer, piuttosto che cercare di lavare i panni sporchi in casa, come si diceva una volta. Mancano i rapporti umani. Le famiglie sono sempre più sole».
Quel messaggio di rabbia, quella provocazione viene vista da Calvani come una «mancanza di affetti veri». «Forse, anche chi ha mandato questo messaggio e ha affidato i propri sentimenti a un social network soffre di solitudine. Non ha veri amici con cui confrontarsi».

I social network vengono, quindi visti come uno degli strumenti più pericolosi in mano alle giovani generazioni. «Si sta troppo con il cellulare in mano. È il simbolo di una solitudine interiore. Chi non ha delle vere relazioni sta troppo tempo su Facebook. E dobbiamo cercare dei rimedi per sensibilizzare e superare questo problema». (l.a) (da.vi)

10/01/16

Dopo il matrimonio, di corsa in ospedale: la nonna pazza di gioia per la sorpresa

Peg McCormack, 91enne, non era potuta andare al matrimonio di suo nipote Brian perché era caduta e si era rotta una caviglia. Malgrado fosse costretta a restare immobile nel letto di un ospedale, la donna aveva indossato l'abito che aveva scelto per la cerimonia. Ma era totalmente ignara che i neosposi - che hanno scelto di celebrare le nozze nella stessa chiesa in cui si sono sposati i genitori e i nonni di Brian - sarebbero andati a trovarla subito dopo la funzione, facendole una sorpresa.


La reazione di gioia dell'anziana signora è stata catturata dall'obiettivo della fotografa Rachel Nolan, di Hello Gorgeous Photography. "Ho chiesto se avevano piacere ad avermi accanto in quel momento - ha spiegato Rachel -. Avevo capito che per loro era qualcosa di molto intimo e non volevo che la vivessero come un'invasione. Ma poi hanno deciso di lasciarmi entrare insieme a loro. L'hanno resa la nonna più felice del mondo. Come fotografa, questo è il motivo per cui vivo: catturare questi momenti. Meno di un mese dopo, la nonna è venuta a mancare. Quel giorno ho capito ancora di più quanto quel gesto fosse stato speciale"

a cura di Elonora Giovinazzo
 

la storia   racconta  a foto  la si trova  qui  http://www.repubblica.it/esteri del 9\1\2016


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget