Visualizzazione post con etichetta acattanoggio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta acattanoggio. Mostra tutti i post

05/08/17

razzismo o non razzismo ? i fatti di Padova e di CODIGORO

nel primo caso ho dei dubbi , pronto a rimettermi indiscussione Infatti Vedo ripetutamente delle rom con dei bambini piccolissimi a chiedere l'elemosina sotto il sole cocente. A loro i figli non vengono mai tolti e vedrete che anche per questa ragazza sarà così. ... purtroppo 😠. lo chè un luogo comune a limite del razzismo e dell'odio ma : 1) chiunque italiano , o straniero commette tali abberrazioni è un criminale . perchè anche se soffre la miseria  e  si  è costretti a mettere  da parte  la  propria  dignità  e  chiedere  l'elemosina  \ carità   a  barcamenarsi    fra   piccoli espedienti  o  lavoretti più  o meno  legali  questo si chiama sfruttamento ., 2) non ho mai letto o sentito , posso anche sbagliarmi , di genitori rom \ zingari a cui siano stati tolti i bambini . Ora se qualcuno\a di voi ha prove e notizie che smentiscono la mia fdfermazione me le porti grazie . N.B mi raccomando civiltà e buon senso nei commenti .



L'Unione Sarda.it  CRONACA » PROVINCIA DI PADOVA

Sotto il sole per ore mentre la mamma chiede l'elemosina, bimba va in choc termico

Oggi alle 16:26 - ultimo aggiornamento alle 16:57

                                                    Immagine simbolo



Quando i poliziotti della Volante si sono avvicinati, l'hanno trovata priva di sensi.
È successo a una bambina di due anni, a Padova, che la mamma aveva lasciato per ore nel passeggino sotto il sole.
Lei, una 24enne con problemi di tossicodipendenza, aveva portato la piccola con sé mentre chiedeva l'elemosina. Dopo ore nell'afa del primo pomeriggio, la bimba si è sentita male ed è svenuta. Fortunatamente gli agenti hanno visto il corpo quasi inerme e l'hanno soccorsa bagnandola con dell'acqua.
La bambina è ora ricoverata al pronto soccorso dell'ospedale pediatrico di Padova, mentre le forze dell'ordine stanno valutando se agire tramite la procura minorile.

(Redazione Online/D)


nel  secondo   secondo caso  penso  che    ciò sia   una     provocazione cretina . Infatti  va bene protestare  contro il prefetto    che  ti  scavalca      senza   lasciarti  decidere se sono troppi e  quanti  ne  puoi  accogliere  .   Cosi come  va bene anche che devi tenere conto delle lamentele dei tuoi cittadini . Ma se un privato vuole accoglirli  e e si mette d'accordo con il prefetto perchè .... lo punisci   anche   in maniera  illegale  o quasi   anzichè protestare con il prefetto .Ora vanno bene i controlli perchè magari c'è gente che d'essi ci lucra e li ospita in topaie o luoghi fatiscenti . Ma punirli aumentandolgli le tasse no . Questo si chiama razzismo o è discriminazione


«Più tasse a chi ospita i migranti»

Il sindaco del Pd Zanardi punta i piedi: manderemo controlli ai privati che si rendono disponibili




Tasse a chi ospita migranti, la sindaca di Codigoro: "Non è vendetta contro chi accoglie""La mia è stata una provocazione, ho semplicemente detto basta". Così la sindaca di Codigoro, Alice Zanardi, ha commentato la sua intenzione di alzare le tasse a chi ospita i profughi. "Ci sono delle quote stabilite", ha proseguito, "e noi le abbiamo superate". "Non so se sia fattibile dal punto di vista legale, ma è una valutazione che sto facendo. Non è una vendetta, ho solo colto il disagio dei miei cittadini. Non posso far finta di nulla"Intervista di Mario De Santis LEGGI L'ARTICOLO
CODIGORO. «Il Comune di Codigoro non solo non metterà un soldo per finanziare i progetti di integrazione, ma provvederà anche a inviare nelle abitazioni dei privati che ospitano i profughi l’Ausl, la polizia municipale e i tecnici del Comune per effettuare tutte le verifiche in materia di abitabilità, compreso il rispetto delle normative igienico sanitarie». A dirlo e a scriverlo è il sindaco del Pd Alice Zanardi che, alla notizia dell’arrivo nella cittadina di altre 40 persone richiedenti asilo, è andata direttamente dal prefetto Michele Tortora il quale ha semplicemente risposto: «è stato deciso così, c’è un’emergenza e non si fa altrimenti».

«Non posso tacere questa volta - va avanti la Zanardi - la legge parla di 2,5 migranti ogni mille abitanti, noi ne avevamo già ospitati 75 e adesso ne arrivano altri 40 perché uno dei nostri cittadini ha dato la disponibilità. Non è giusto, non è possibile che i sindaci non possano avere voce in capitolo perché poi le questioni di ordine pubblico le dobbiamo gestire noi».
Zanardi sindaco a CodigoroIl momento in cui si realizza che Alice "Sabina" Zanardi è sindaco di Codigoro superando Dolcetti di soli 15 voti


Ma non finisce qui. Sempre per chi mette a disposizione l’alloggio, «verrà allertata la guardia di finanza per i controlli fiscali relativi alla gestione degli immobili della parte ospitante», ma soprattutto, «stiamo valutando la possibilità di diversificare le tassazioni per i soggetti ospitanti». Insomma, lo Stato chiede ai privati collaborazione per cercare di gestire l’emergenza profughi, ma il sindaco del Pd interviene puntando i piedi e minacciando controlli e tasse più alte.

«Si tratta di una provocazione, è evidente - spiega la Zanardi -. Non so nemmeno se sia possibile aumentare le tasse, che tipo poi di tasse applicare e come. È un modo per attirare l’attenzione verso una problematica che riguarda tutti ed è inutile negarlo. Siamo noi poi che dobbiamo rispondere alla nostra gente e non possiamo essere tagliati fuori da decisioni del genere». Attualmente a Codigoro i migranti sono quindi 115 e sarebbero diversi i cittadini pronti a scendere in piazza ed organizzare una manifestazione di protesta. «Non ho fatto alcuna virata improvvisa - conclude la Zanardi -. Noi siamo stati i primi ad ospitare, a iniziare dalle ragazze mandate via da Gorino. Adesso, però, stiamo davvero esagerando».
Profughi, gli abitanti di Gorino: "No all'invasione, dovevano avvertirci prima""Non siamo razzisti, ma in questo paese non c'è nulla. Il primo ospedale è a 60 km: cosa vengono a fare i migranti qui?" Gli abitanti di Gorino e Goro, in provincia di Ferrara, rimangono in strada. Il prefetto aveva disposto di ospitare unidici donne e otto bambini nell'ostello di Gorino, ma nella notte gli abitanti hanno eretto blocchi stradali per bloccare il convoglio. I profughi sono stati destinati in altre strutture. "Nessuno ci ha avvertito - dicono i cittadini - lo avessimo saputo prima ne avremmo potuto parlare".dalla diretta Facebook Live sulla pagina Fb di Repubblicadi Rosario Di Raimondo



Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget