Visualizzazione post con etichetta a chi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta a chi. Mostra tutti i post

07/06/08

a chi è che doveva chieder scusa de magistris





Luigi De Magistris CATANZARO - Da quando questa storia è iniziata, è stato tutto un susseguirsi di colpi di scena, veleni, attacchi su tutti i fronti, tentativi di ogni tipo finalizzati allo screditamento. L’ondata emotiva della gente che aveva bisogno di far sentire la sua vicinanza ad un magistrato che altro non faceva che il suo dovere nel pieno rispetto della Costituzione, poi un’avocazione su cui nessuno ancora si è voluto pronunciare sull’effettiva legittimità e di l’inizio del ‘calvario’ di un giovane magistrato come tanti, arrivato agli onori della cronaca con l’unica colpa di aver espletato il suo dovere come meglio non avrebbe potuto fare.

Attacchi, pesantissimi attacchi. Qualcuno lo ha etichettato come un ‘cattivo magistrato’ prima ancora che se ne vagliasse il caso nella stessa sede competente, qualcun altro lo ha accusato di voler fare l’eroe, altri ancora lo hanno additato come il magistrato amante i processi di Piazza… ‘non rispetta le regole!’ qualche suo superiore ha detto, e qualche membro della Procura del capoluogo calabrese si è sentito offeso da quel magistrato che stava gettando discredito sul Palazzo di Giustizia parlando di corruzione, collusioni e tentativi di fermare le inchieste.
Poi i procedimenti disciplinari, le innumerevoli accuse, molte delle quali cadute nel vuoto (a  proposito, che fine ha fatto l’addebito sulla violazione della legge Boato?), rivolte da chi pareva non dormire la notte per cercare quale nefandezza imputare al Pm.

Abbiamo assistito ad un vero e proprio processo in cui pareva di aver di fronte il peggiore dei criminali, colui che doveva essere punito subito, senza riserbo, colui che doveva essere messo a tacere in fretta perché pericoloso e rappresentante di minaccia incombente per il sistema.

Per lui si sono tirati fuori termini inusuali, paroloni da pulpito ed anche i pregi sono stati trasformati in difetti… mai infatti vedere il proprio lavoro come una missione, mai amarlo troppo, mai mettere troppo zelo in ciò che si fa!
Poi dopo il criminale è bene ‘coprire’ e colpire anche i suoi misfatti. Semplicemente cancellarli, smembrarli, ridurli in piccoli pezzettini facendo in modo che nessuno ne possa capire più la forma.
Ed ecco che l’inchiesta su cui il magistrato ha passato intere giornate e tante notti, viene smembrata e messa in discussione anche da chi, forse un po’ per ‘eccesso di protagonismo giudiziario’  giudica l’operato del Pm inopportuno, mentre i Tg nazionali si affrettano a dare  ampio  risalto alla notizia del Ministro, vittima del magistrato senza scrupoli in cerca di fama, che ‘non sarebbe neppure dovuto essere iscritto nel registro degli indagati’. Ed ecco che si scatena ancora la bufera, con la vittima che chiede i danni al suo ‘carnefice’ perché ha osato indagare su di lui, giornali che riportano titoloni a caratteri cubitali in sostegno del Ministro – vittima, sostenendo la tesi del risarcimento con domande inquietanti del tipo ‘E chiedere scusa?’.
No, non è un racconto inventato. Tutto ciò è successo davvero. E’ successo in un capoluogo di regione dimenticato da tutti, per tutto. In un capoluogo dove la gente ha dimostrato la capacità di non farsi prendere per il naso. Questo capoluogo si chiama Catanzaro e quel magistrato tanto demonizzato dai media nazionali si chiama Luigi De Magistris.
In questi mesi d’incontri e dibattiti, questo magistrato ci ha insegnato a sperare, a credere nella Giustizia perché ‘alla fine trionfa sempre’ ad avere fiducia e a non farci prendere dalla sindrome della sconfitta. Era difficile crederci. Era difficile trovare una reale speranza di riscossa in quelle parole, quando tutto intorno pareva crollare, quando tutto intorno si stava freneticamente adoperando per darci torto. Eppure in quelle parole riscontravamo la serenità di chi sa di essere nel giusto, di chi sente davvero che alla fine la Giustizia sarebbe trionfata.
Così è stato. Oggi i giornali hanno dato la notizia e la vicenda comincia finalmente a trovare ristoro. Dopo mesi di attacchi senza tregua che lasciavano alludere a  pensieri del tipo ‘Al rogo, al rogo!’, si scopre che il magistrato tanto screditato, svilito e demonizzato, trascinato dinanzi al Consiglio superiore della magistratura per gravi irregolarità nell’esercizio delle proprie funzioni giurisdizionali, ‘ ha agito in maniera assolutamente legittima e corretta’ , e che quello stesso magistrato accusato da tutti di aver gettato discredito sui suoi colleghi della Procura è stato prosciolto dai ‘reati di calunnia, abuso d’ufficio e rivelazione di segreto d’ufficio’, e che dagli atti della procura di Salerno , si evidenziano ‘continue ingerenze sull’attività inquirente’ e che ‘ il contesto giudiziario in cui si è trovato ad operare Luigi De Magistris, appare connotato da un’allarmante commistione di ruoli e fortemente condizionato dal perseguimento di interessi extragiurisdizionali, anche di illecita natura’. Stiamo parlando dello stesso magistrato visionario che denunciò a suo tempo disperatamente il tutto, addossandosi la colpa di aver risvegliato le coscienze dei cittadini.
Oggi tutto tace. Oggi chi nei mesi scorsi si è freneticamente adoperato per costruire l’immagine del magistrato visionario, che non rispetta le regole, malato di eccesso da  protagonismo, ha dato la notizia che quello stesso magistrato aveva semplicemente ragione. Oggi nessun giornalista SERIO del tubo catodico ha osato dar voce agli atti della Procura di Salerno.
Perché? Perché forse è difficile fare un passo indietro e rendere Giustizia (è proprio il caso di dirlo) a chi è stato condannato da tutti con un processo sommario che non ha precedenti. E’ ancora più difficile forse, mettere in evidenza l’errore grossolano compiuto dagli autorevoli membri del Csm che hanno ‘colpito’ la persona più sbagliata che potessero colpire all’interno della ‘Procura dei veleni’, dal Procuratore Generale della Cassazione, dai famosi ispettori dell’allora  Ministro della Giustizia e da tutti coloro che hanno imputato a Luigi De Magistris addebiti inconsistenti e da tutti quelli che hanno dato a questi addebiti ampia risonanza mediatica aggiungendo anche ‘del loro’. E’ forse tanto difficile ammettere che, adesso, a chiedere scusa, dovrebbero essere altri.
E queste scuse, adesso, noi le esigiamo. Sì le esigiamo anche noi, perché con Luigi De Magistris in questi mesi abbiamo sofferto e trepidato sentendoci lesi nei nostri diritti ed espropriati delle nostre libertà. E vogliamo le scuse da parte di tutti. Anche da chi si è fatto artefice di una campagna mediatica di screditamento e che adesso ha il cattivo (o forse buon?) gusto di tacere. Tace per vergogna,per imbarazzo o forse per fedeltà nei confronti del suo padrone.





Ed ora, aspettiamo fiduciosi la decisione definitiva della Suprema Corte di Cassazione, che speriamo, possa ristorare noi e lo stesso Luigi De Magistris dai danni subiti… perché tanto << bisogna sempre avere fede che alla fine, la Giustizia trionferà>>.

Rosaria Lucia Altilia
Ammazzateci Tutti Catanzaro


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget