Visualizzazione post con etichetta LIFESTYLE donna che allatta. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta LIFESTYLE donna che allatta. Mostra tutti i post

19/04/17

stranerzza ci s'indigna per una donna che allatta ma si volta lo sguardo per le cose serie


Questa foto ha scatenato una bufera su Instagram
La foto in cui allatta il suo Tagir ha prodotto indignazione tra i followers di Aliya Shagieva, figlia del presidente del Kirghizistan.


Fonte: Instagram


Uno scatto quasi innocuo, almeno per la nostra sensibilità, sta invece provocando delle reazioni assai più accese del previsto in Kirghizistan. A suscitare così tanto clamore è stata Aliya Shagieva, figlia del presidente che ha deciso di pubblicare sul suo profilo Instagram una immagine in cui allatta il suo bambino.
Il 75% della popolazione del Paese è musulmana: questo atteggiamento da diva, nella percezione dei followers è distante dalla cultura locale. In particolare, sono finite un paio di foto in cui la figlia “ribelle” del Presidente, Almazbek Atambayev, allatta a seno nudo il suo Tagir.
Qualche settimana fa, sempre sul suo profilo Instagram, Aliya, aveva già suscitato scandalo: la figlia del premier aveva attirato numerose critiche con una fotografia in cui posava in bikini con il pancione scoperto ben in vista.
Per nulla intimorita dalle accuse, la neomamma ha risposto a chi l’ha criticata che il seno della donna ha la funzione di allattare: “Da troppo tempo la gente ha dimenticato il vero scopo del seno femminile e lo ha trasformato in un oggetto che serve a soddisfare gli occhi degli uomini. La società ha fatto diventare il seno un oggetto sessuale“, ha scritto sul suo profilo, ora irraggiungibile.
Inoltre, ha annunciato che continuerà la sua coraggiosa battaglia per promuovere la parità di genere: “Le norme e le idee possono cambiare a seconda della cultura, del tempo e di tanti fattori – ha replicato la figlia di Atambayev, che governa in modo autoritario il Kirghizistan – Inizieremo a sentirci un po’ meglio se ci sbarazzeremo di luoghi comuni e stereotipi di genere”.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget