Visualizzazione post con etichetta Dylan Top. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Dylan Top. Mostra tutti i post

13/03/15

L'esordio dell'Indagatore da incubo! Dylan Top (Topolino #3094) SPOILER


Bum Willer e Pap Carson di Corrado Mastantuono (Topolino #2964)
Inizialmente  , viste  le trasposizioni   e   i riaddattamenti   (  a volte magistrali  come     di topolino   sui classici della letteratura  ,  temevo    che   succedesse   di rimanere delusi  .  Infatti  spesso  accade   che  : <<  Quando due miti si incontrano, è facile rimanere delusi. Il rischio della parodia gratuita, del team-up ingiustificato e della denaturazione dei personaggi è dietro l’angolo.>>




 Ma   <<  Fortunatamente  >>, sempre  secondo http://gliaudaci.blogspot.com/ uno dei  blog   più  informati  sul mondo   del  fumetto in questo articolo,  <<  non è stato così per Dylan Top, incrocio tra [non-stiamo-nemmeno-a-specificarvi-chi] e [ormai-avete-capito] pubblicato su Topolino #3094 (in edicola questa settimana). >>


Parte della buona riuscita dell'episodio ( presentato in fondo al settimanale  per invogliare    i lettori  a   prendere   la  seconda  puntata L'isola del tesoro  ) è da imputare agli autori coinvolti  che   sono il Gotha    del fumetto   italiano  degli ultimi  30  anni .
Oltre all’onnipresente
Roberto Recchioni come soggettista, gli altri due autori appartengono infatti a quel “gruppo misto” di fumettisti che hanno lavorato sia per la Disney sia per la Bonelli (gruppo comprendente, tra i tanti esempi illustri, Corrado Mastantuono, Fabio Celoni Bruno Enna). Ecco perché sia Tito Faraci (l’uomo che ha sceneggiato TUTTO), sia Paolo Mottura (autore di recente dei disegni di Eroe senza patria, Le storie #22, ma anche di un episodio del Dylan Dog Color Fest del 2012(  foto a destra  )  su testi di Barbara Baraldi) si sono sentiti doppiamente a casa! Poi, come fa notare Tito Faraci nelle note conclusive  scritte  su topolino  , le somiglianze tra l'inquilino di Craven Road e Topolino sono diverse: sono entrambi investigatori ed entrambi hanno un amico "bislacco" (Groucho/Pippo) e un amico poliziotto (Bloch/Basettoni) affiancato da  un ispettore  babbeo ( Jekins / Manetta )La sfida vera era rendere l'Indagatore dell'incubo accessibile anche a un pubblico più   giovane  (  leggi  8\15 anni  )  . Gli abissi, le malinconie, i mostri e gli elementi profondi dell'universo dylaniato ( ideati dal genio di Tiziano Sclavi) difficilmente si presterebbero a una trasposizione parodistica. Anche  se   coem ha dichiarato lo stesso Recchioni a  l'huffingpost.it   del   3\111\2015  

Cosa rappresenta “Dylan Top” per un lettore di “Dylan Dog”? Una parodia, un omaggio sentito o qualcosa di più?

Roberto Recchioni: Non direi che è una parodia, non nel senso stretto del termine. La storia non irride Dylan Dog ma, anzi, è estremamente rispettosa del personaggio e ne celebra gli aspetti più salienti. Mi sembra, insomma, più un omaggio e un atto d'amore e, del resto, da Tito Faraci non mi aspettavo di meno. Tito è bravissimo nel cogliere il cuore dei personaggi e lo ha dimostrato spesso, con alcune delle più belle storie dedicate a Topolino che io ricordi.
(...) qui  il resto dell'articolo 
  Visto  che  la   storia  si ispira dichiaratamente a L'alba dei morti viventi  cioè  Dylan Dog #1, ma non   si dovrebbe   nemmeno specificarlo !! e  chiarissimo  per tutti i lettori   di vecchia  data   ma anche  no  visto    che  è stata ristampata   migliaia  di volte     fra  cui l'ultima da  repubblica    in cui a farla da padrona sono gli zombi! Gli stratagemmi adoperati da Roberto Recchioni  sono   queli  : 1) di usare come nemici dei "topi invadenti", idea dalle ripercussioni molto attuali e umoristiche (ad esempio, non provengono dalla cittadina di Undead ma da Uninvited!)., 2)  IL  clarinetto diventa  una  cornamusa  ., 3 ) l'interminabile  (  salvo alcuni numeri )   modellino di  galeone   diventa   un puzzle   con il disegno  del battello a vapore   di SteamboatWille   il cartone animato del 1928    in cui esordi' topolino  .
Le due storie    sono  talemente , eccetto le  pochissime sottigliezze  sopra elencate  , uguali  che  sembra  confermare " la manfrina  "  pubblicitaria  \  promizionale  della  bonelli   , ne  ho parlato  in un post   precedente , per  rilanciare  il rinnovamento  \  la  nuova  gestione   di Dylan  da parte di Roberto  Recchioni  .   Ma  sarà il tempo  e  il reseconto delle  vendite , compresa  la variant speciale  della disney , del fumetto  Bonelliano   . Per il momento   tali ipotesi sembra essere smentita  da    quanto  ha dichirato    Tito  Faraci alla  stampa  del 8\3\2015
 (...)  qui  l'articolo  completo
Ma Dylan Top piacerà ai lettori di Topolino, che magari non conoscono Dylan Dog ?
«Intanto occorre sottolineare che, rispetto a quanto si crede, i lettori di Topolino sono soprattutto adulti, i bambini sono una minoranza. Abbiamo scritto una storia tipicamente di Topolino, non occorre essere lettori di Dylan Dog per capirla. Ci sono due livelli di lettura, una per chi conosce il fumetto della Bonelli, e una no. Ma il primo livello non intaccala comprensione del secondo. Poi, in questo numero ci saranno anche una mia intervista a Tiziano Sclavi e una mia introduzione a Dylan Dog, così se qualcuno vorrà, potrà iniziare a leggere anche il personaggio Bonelli».
 
Cosi   come   se  ci sarà un seguito di tali storie  


Crede che possa nascere una serialità con Dylan Top protagonista?  
«All’inizio non ci pensavo, dopo che abbiamo finito il lavoro, ho iniziato a credere che potrebbe essere possibile. Io sono entusiasta di Dylan Top, vedremo quale sarà la risposta dei lettori».


Ai posteri l'ardua sentenza 
. PerUno degli elementi salienti de L'alba dei topi invadenti è che... si tratta di una storia maledettamente divertente! Molto convincente l'ironia di Pippo/Groucho sui luoghi comuni delle storie di Dyd, sui meccanismi narrativi e sul modo di suonare del suo capo. Poi, le mille citazioni e occhiolini strizzati ai lettori attenti (quindi al sottoscritto saranno sfuggite miliardi di trovate!), come i vari riferimenti allo stesso Dyd #1, a partire dalla prima tavola in cui Mottura cita l'iconica copertina di Claudio Villa per arrivare persino all'utilizzo delle medesime inquadrature (pollice in alto per le scelte registiche di Faraci-Mottura, alcune davvero da scuola del fumetto!) [Altri riferimenti a Dyd #1 sono poi evidenziati anche nei redazioni conclusivi del settimanale: un plauso per le sempre dettagliate e piacevoli pagine di interviste, curiosità e articoli di contestualizzazione]Ma anche il mondo "da sogno" di pagina 144, che è talmente familiare da sembrare molto meno onirico del dovuto (leggere la storia per comprendere senza spoiler!). Senza contare l'egregia vignetta centrale di pag. 152 che cita Il quarto stato di Pellizza da Volpedo (già citata fumettisticamente dal maestro Ivo Milazzo per la copertina dell'indimenticabile Ken Parker #58, Sciopero )  o i due piccoli pseudo-Beatles che attraversano la strada sulle strisce nella prima vignetta di pag. 154.
Se non fosse una frase ai limiti del banale, si potrebbe affermare che l'unico vero difetto di questa storia è che finisce troppo presto. Come già per l'amata storia di Corrado Mastantuono su Topolino #2964 in cui Bum Bum Ghigno interpretava Tex,questa storia è la dimostrazione che a volte, quando gli universi immaginari si incontrano, possono esserci belle sorprese al quadrato !  Concludo su suggerrimento di del blog  Audaci non dimentichiamo le altre, validissime, storie presenti nel settimanale: dalla prima puntata de L'isola del tesoro (di Teresa Radice e Stefano Turconi) alle avventure di Paperino, Pico e Dinamite Bla , ecc . Ma

24/01/15

Un topo di nome Dylan! Il numero 3094 del settimanale "Topolino", in edicola dall'11 marzo, conterrà la storia "Dylan Top - L'alba dei topi invadenti", parodia a fumetti del primo storico albo di Dylan Dog

    per  un riepilogo  

Cercando anticipazioni   e conferme  all'ipostesi   fatta  nel post precedente (  vedere  l'ulr  sopra  )   in cui riportavo  un ipotesifatta   sulla bacheca  fb  ufficiale  di   Dylan Dog   (   oltre  quelle  che  ho chiesto  in privato  ad  amici e  conoscien ze  che  lavorano sia in bonelliche  in disney  )     ho trovato   sulla  pagina uficiale  din topolino con  la  dictura   Non chiedeteci di più perché è ancora presto! 
il comunicato   del sito uufficiale de  http://www.sergiobonelli.it/

21 gennaio 2015
Un topo di nome Dylan!

Un topo di nome Dylan!

Il numero 3094 del settimanale "Topolino", in edicola dall'11 marzo, conterrà la storia "Dylan Top - L'alba dei topi invadenti", parodia a fumetti del primo storico albo del nostro Indagatore dell'Incubo.

L'avventura, nata da un'idea di Roberto Recchioni e Tito Faraci, nella migliore tradizione delle parodie disneyane, proporrà una versione "topolinesca" di Dylan Dog e più che brividi di paura sarà pensata per scatenare qualche risata. In occasione del Salone del Fumetto di Cartoomics (che si terrà a Milano nel mese di marzo), Panini Comics/Disney proporrà anche una versione variant dell'albo, che presenterà un'esclusiva cover dedicata a Dylan Top. Qui di seguito, vi mostriamo due immagini (in versione non definitiva), firmate dal disegnatore Paolo Mottura.



Tale non solo mi mette  ansia  e  curiosità  nel vedere  un parodia  di uno dei  fumetti  insieme  a  topolino     che  hanno caratterizzato  ( la mia  vita  fin qui ) .  Attesa  che sarà ,  come  credo  premiata   viste le parodie  ironiche  , sagaci e pungenti  e  quasi  mai  banali   della  disny  alcune delle  quali   sono ormai diventate  dei classici   del  fiumetto  .Ed  è grazie a d esse  che hi   scoperto e riscoperto  capolavori dela letteratura  . Con la  curiosità di vedere  come  Verrà  fatta   la parodia   di  un genere  horror -  triller   come dylan dog  in topolino  settimanale  per ragazzi fra i  8-18  anche se  ha  , sottoscritto  compreso  punte   di lettori   più  grandi  . Speriamo sia  all'all'altezza  come quelle  di Moby dick e  di  Dracula  .

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget