Visualizzazione post con etichetta Da Nuoro a Los Angeles. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Da Nuoro a Los Angeles. Mostra tutti i post

30/08/13

adesso anche per fare i parrucchieri \ barbieri bisogna emigrare ? Massimo Cossu,Nuorese di 33 anni: il padre lo voleva impiegato, lui dirige la Ferretti a Los Angeles

da  l'unione  sarda  online del 30\8\2013

Il nuorese che fa i capelli a Brad Pitt

NUORO Da Nuoro a Los Angeles, sulle ali sarde del sogno americano. Laurea in lingue e letterature straniere, anni di Suap (Comune di Nuoro, e non solo), vincitore di concorso in banca, insegnante. Attuale professione: parrucchiere di Brad Pitt, Melanie Griffith, Dakota Johnson, Reese Witherspoon, per citare giusto alcuni dei nomi dell'Olimpo del cinema internazionale che gli affidano la propria chioma.

Ha solo 33 anni, Massimo Cossu, nuorese fin nel midollo. Ma già una lunga sfilza di stellette che ne fanno un navigato self made man. Uno di quelli che ce l'ha fatta. E con le sole proprie forze: «Ci credo», dice lui, «gli Stati Uniti sono la patria della meritocrazia e se hai le skill, le competenze, allora puoi davvero sperare di arrivare. Chi vale, chi si dà da fare, da qualsiasi gradino della scala sociale provenga, sa che troverà chi lo valorizza».Il segreto? Caparbietà, coraggio, intraprendenza. E un pizzico di educata sfrontatezza. Marce in più che lo hanno condotto a Parma dritto dritto dal re dei coiffeur di lusso, Rossano Ferretti, 25 saloni nel mondo, italiano, ma dalla cifra manageriale americanissima. «L'ho contattato personalmente tre anni fa», racconta il giovane, «e sono andato a Parma a consegnargli il curriculum. Da quel momento è iniziata l'avventura. Ha creduto in me e mi ha affidato la responsabilità delle sedi statunitensi».Oggi Massimo Cossu è direttore niente meno che degli spazi Ferretti di Los Angeles, New York e Miami, e in procinto di seguire in prima persona le nuove aperture a Las Vegas, Chicago e San Paolo in Brasile. E pensare che quello della parrucchieria per lui è sempre stato, sì, passione, ma fino a poco tempo fa poco più che un hobby: «Nonostante il mio percorso, diciamo canonico, liceo, università, selezioni nelle pubbliche amministrazioni e in qualche istituto di credito, volto soprattutto a non deludere le aspettative dei miei», rimarca, «il mio desiderio fin da piccolo era però quello di fare il parrucchiere, tant'è che dopo la maturità mi sono concesso un anno sabbatico per l'apprendistato. Poi ho frequentato Lingue a Sassari, e ho iniziato a seguire la trafila regolamentare di un italiano medio. Intendo collaborazioni, contratti a progetto, supplenze. Tutte esperienze molto interessanti di cui ho fatto tesoro». Ma la malinconia di un'incompiuta esistenziale ha la forza della goccia che scava la roccia.A trent'anni la svolta, vacanza di due mesi a New York e l'illuminazione: «Ho ripreso le redini della mia antica aspirazione, ricordo ancora un giorno, ero appena tornato dall'America, ricevetti da una banca la telefonata in cui mi comunicavano che avevo vinto la selezione. Li ringraziai e dissi loro che rinunciavo, poiché non me la sentivo di passare una vita circondato da barriere di plexiglass. Davanti a me c'era mio padre, per poco non gli venne un infarto. Ora la mia famiglia è serena, perché mi vede felice e realizzato».A giorni il rientro nella sua bella casa di Beverly Hills: «Con nel cuore la mia isola, i suoi profumi e tutti i miei affetti», conclude mentre gli occhi brillano già di nostalgia.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget