Visualizzazione post con etichetta Clizia Welker. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Clizia Welker. Mostra tutti i post

15/04/15

La start-up di tre ragazze modenesi per adottare un amico a quattro zampe in tutta Italia

vi  potrebbe  interessare 
https://www.facebook.com/Bestiacce?fref=ts
 sulla  pagina    facebook del gruppo geolocal  ovvero le varie edizioni  di repubblica e  più precisamente  da    http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/  del 7\4\2015  leggo  questa  news   di  un metodo intelligente  di conciliare  adozione di un animale  con le  esigenze   dei richiedenti  . Un metodo   che potrebbe portare  a ridurre   gli abbandoni  , il randagismo  e il sovraffollamento  nei canili. Ora  all'articolo  riportato sotto  ,   Non pago  di tale  articolo le  ho contatte  (  vedere alla  fine dell'l'articolo  )   sulla  loro pagina facebook   e mi sono  tolto ulteriori  curiosità
 

“Bestiacce” trova il cane per te       
La start-up di tre ragazze modenesi per adottare un amico a quattro zampe in tutta Italia

                                     


MODENA. Nata da un'idea per contribuire al benessere dei nostri amici a quattro zampe, “Bestiacce” è diventata una start-up che sta continuando a crescere dando un servizio importante, quello di trovare “l'anima gemella” felina o canina a chi lo desideri.
È proprio questo lo slogan che le fondatrici Clizia Welker, Giulia Beltrami e Roberta Chelotti portano avanti ogni giorno nel loro progetto. Quello che le fondatrici vogliono promuovere è l'adozione sostenibile, controllata e trasparente e nel loro sito web è possibile trovare tutte le schede dei cani, che vengono selezionati da professionisti, la collocazione e soprattutto, attraverso un piccolo test sempre disponibile sul sito, è possibile anche trovare il cane ideale in base alle richieste ed esigenze della persona interessata. Bestiacce, presente sul territorio da oltre due anni, per adesso ha registrato sul sito oltre 400 cani e all'attivo 25 collaboratori e si sta espandendo in tutta Italia con svariate sedi,
anche se il fulcro rimane a Modena come spiega Giulia: «Il progetto è nato dalla passione per gli animali. Io ho svolto un dottorato presso l'università di Ferrara e una volta tornata a Modena ho deciso di dedicarmi allo studio degli animali in particolare al loro benessere attraverso programmi di partnership e così, insieme a Roberta, esperta di comunicazione e marketing che vive a Brescia e a Clizia, business designer, abbiamo deciso di dare vita a questo progetto».
Essendo una startup, il progetto nel 2013 è stato selezionato dall'acceleratore d'impresa privato b-ventures e attualmente si avvale della consulenza di Democenter, importante incubatore per imprese e startup modenesi. Inoltre, essendo molto attiva nel territorio modenese, Bestiacce collabora con il Centro soccorso animali e con il canile intercomunale di Modena anche se il loro scopo è riuscire ad avere collaborazioni sul loro sito con 20 canili circa, come spiega ancora Giulia: «E' essenziale riuscire a coinvolgere più realtà possibili per poter dare ai tanti cani che sono sempre alla
ricerca di una casa che li possa accogliere»
  video
 
Giulia continua spiegando come Bestiacce sia aperta a qualsiasi volontario che voglia partecipare e aggiunge: «Se qualcuno è appassionato di animali può contattarci e aiutarci a trovare casa a tanti piccoli amici». Gli obiettivi della startup, oltre all'adozione, sono anche svariati programmi di educazione che si svolgono sempre affiancati da professionisti che si occupano di stilare i profili dei cani e veterinari.
«Siamo sempre in contatto con educatori professionisti - racconta Giulia - che ci affiancano nelle nostre iniziative e anche con veterinari esperti sempre disponibili. Oltre ai cani, la startup sta cercando di coinvolgere anche progetti che riguardano i gatti. Siamo presenti in tante città perché lavoriamo molto attraverso il web ma a breve creeremo una vera e propria sede a Modena».
  Non pago  di tale  articolo le  ho contatte    sulla  loro pagina facebook   e mi sono  tolto ulteriori  curiosità

   il vostro metodo sta funzionando ?
solo i cani rinchiusi nei canili o anche gli altri randagi ? collaborate anche con guardie zoofile ?
accoglienza positiva o negativa del vostro progetto ?
come è nata la scelta del nome del vostro progetto ? vi conoscevatge già prima oppure una di voi ha deciso d'intrapendere il progetto e a cercato le altre ?

Ciao Giuseppe, grazie per averci scritto! rispondo alle tue domande:
1- Si il nostro metodo sta funzionando, abbiamo riscontri positivi di famiglie che hanno visto il proprio cane su Bestiacce e hanno intrapreso con successo il percorso di adozione in canile 2- I cani di Bestiacce abitano nei canili di tutta Italia che aderiscono al progetto. Questi cani sono profilati caratterialmente da educatori cinofili secondo un test da noi realizzato in collaborazione con l'Università di Parma 3- Non collaboriamo con guardie zoofile. Collaboriamo con canili pubblici e privati e con associazioni 4-Il nostro progetto è stato accolto molto positivamente da tutti, dai canili, dagli esperti del settore(educatori, veterinari ecc) e soprattutto dal pubblico che ci sta dimostrando interesse e appoggio 5-abbiamo chiamato il progetto Bestiacce perchè vogliamo dare a questa parola un significato affettuoso e sminuire i pregiudizi per cui i cani e i gatti ospiti di canili e gattili sono animali di serie B 6-Ci siamo conosciute grazie al progetto Bestiacce. Io (Roberta) avevo iniziato un progetto con altre persone. Clizia e Giulia ci hanno contattato chiedendoci una sinergia perchè avevano iniziato a realizzare la stessa idea. Gli altri hanno rinunciato e noi tre siamo rimaste: da qui sono nate le Bestiacce.

concludo  facendo  i migliori auguri   alle curatrici e  ideatrici di tali iniziative , sperando che non diventi  una cosa  commerciale  

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget