Visualizzazione post con etichetta CCSVI. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CCSVI. Mostra tutti i post

31/01/16

Sclerosi: teoria Zamboni arriva su rivista specializzata Associazione CCSVI, 'una vittoria della libera ricerca medica'


Sclerosi: teoria Zamboni arriva su rivista specializzata
Associazione CCSVI, 'una vittoria della libera ricerca medica' Ansa  del 29 gennaio, 18:39

                                    Sclerosi: teoria Zamboni arriva su rivista specializzata


Per la prima volta una rivista specialistica sulla Sclerosi Multipla ha accettato un articolo sulla Ccsvi, l'Insufficienza venosa cronica cerebrospinale, che secondo il medico ferrarese Massimo Zamboni sarebbe correlata alla malattia. L'articolo, a firma dello stesso Zamboni e dell'anatomopatologo Massimo Pedriali, è stato pubblicato dal Journal of Multiple Sclerosis.
Gli autori passano in rassegna alcuni degli studi internazionali degli ultimi sei anni su questo tema, arrivando alla conclusione che "In questo momento limitazioni dell'imaging clinico della vena giugulare interna non permette di conoscere la reale prevalenza della Ccsvi nei pazienti con Sclerosi Multipla. Tuttavia gli aspetti patologici presentati rappresentano un interessante campo di ricerca".
Per l'Associazione CCSVI nella sclerosi multipla onlus, composta da malati e familiari di malati, questa "prima volta" della neurologia rispetto all'insufficienza venosa cronica cerebrospinale "rappresenta una vittoria della libera ricerca medica, dopo anni di irragionevole chiusura nei confronti di questa rivoluzionaria scoperta e concreta speranza per i 65 mila malati di sclerosi multipla solo in Italia".

15/08/13

Sclerosi multipla, studio canadese: "Nessuna terapia da metodo Zamboni" . studio fatto male o sabotaggio ?

ieri  notte   tornato dal concerto di  time  jazz  , mi sono messo  a  sminchionare  cazzeggiare  in rete   e  sul sito di repubblica  ho trovato    questo articolo


Sclerosi multipla, studio canadese: "Nessuna terapia da metodo Zamboni" Le conclusioni sembrano sfatare la dibattuta teoria dell'angiologo dell'università di Ferrara. Proprio in Canada le sue teorie portarono il governo a finanziare una sperimentazione


ROMA - Non c'è alcuna evidenza che un ridotto flusso di sangue nelle vene del collo, o una loro ostruzione, sia uno dei meccanismi coinvolti nella sclerosi multipla. Uno studio canadese, pubblicato online sulla rivista "Plos One", sembra sfatare la dibattuta teoria dell'angiologo dell'università di Ferrara, Paolo Zamboni, che ha suggerito un legame tra la malattia neurodegenerativa e la Ccsvi (insufficienza venosa cerebrospinale cronica), indicando dunque la possibile efficacia anti-sclerosi dell'applicazione di uno stent venoso per 'riaprire' il vaso bloccato. Lo studio, condotto da un gruppo della McMaster University, non ha rilevato evidenze di anomalie nelle vene giugulare interna, nelle vene vertebrali o nelle vene cerebrali profonde di 100 pazienti con sclerosi multipla, confrontati con 100 individui sani del gruppo di controllo. In sintesi, le conclusioni della ricerca smentiscono la possibilità che una terapia di 'liberazione' delle vene possa contrastare la sclerosi multipla. Proprio in Canada le teorie dell'angiologo italiano alimentarono forti pressioni che, nel 2011, portarono il governo del Paese a finanziare una sperimentazione clinica sulla cura Zamboni. Già l'anno scorso, però, dopo i risultati di uno studio nella provincia di Terranova e Labrador, il governo aveva annunciato che non si sarebbe fatto carico delle spese per il trattamento. "Questo è il primo studio canadese a fornire evidenze contrarie al coinvolgimento della Ccsvi nella sclerosi multipla", commenta il ricercatore principale del lavoro, Ian Rodger, professore emerito di medicina alla Michael G. DeGroote School of Medicine. Tutti i partecipanti allo studio sono stati sottoposti a indagini a ultrasuoni delle vene cerebrali profonde e delle vene del collo, come pure a risonanza magnetica per immagini delle vene del collo e del cervello. Ciascun partecipante ha ricevuto entrambe le analisi nello stesso giorno. Il team di ricerca comprendeva un radiologo e due tecnici che avevano seguito un periodo di training sulla tecnica Zamboni presso il Dipartimento di chirurgia vascolare dell'Università di Ferrara.
Pensavo , visto che  gli studi  Usa  e Americani  sono  più efficienti di noi  , Zamboni ha  fallito o    suo metodo   non è stato applicato correttamente  .
Ho  inviato   l'articolo  a  due miei amici  che lottano tutti i  giorni  contro  tale malattia   Ecco le loro risposte   che  hanno confermato   .
La prima viene da Stefania Ajò Melis Ma anche se fosse vero....come mai i MIEI MIGLIORAMENTI EVIDENTI?¿....QUINDI qualcuno NON VEDE LA VERITÀ. ..EVIDENTE.
qui  sotto la sua  drammatica  testimonianza





la  seconda  da  matteo pisanu che  ha riportato  questo areticolo   di  http://www.ctvnews.ca/



No evidence of vein blockages in MS patients, Canadian study says
Do opening blocked veins help with MS symptoms? Avis Favaro on the findings of a Canadian study into the liberation treatment.
Lead researcher Ian Rodger discusses the study on Chronic Cerebral Spinal Venous Insufficiency's impact onmultiple sclerosis.
Dr. Anthony Traboulsee discusses how ultrasound results could be unpredictable when looking at veins in the neck.

Andrea Janus, CTVNews.ca
Published Wednesday, August 14, 2013 4:54PM EDT
Last Updated Wednesday, August 14, 2013 7:40PM EDT

Canadian researchers say they have found no evidence that restricted blood flow in the veins of the head and neck is linked to the development of multiple sclerosis. The researchers say their findings debunk a controversial theory that suggests vein blockages are responsible for MS symptoms, but critics say the researchers used outmoded techniques to detect the condition.
In a study published online Wednesday in the journal PLOS ONE, researchers from McMaster University in Ontario say they failed to find any blockages in the internal jugular, vertebral or deep cerebral veins in 99 of 100 patients with MS, compared with 100 subjects with no history of the disease.
For the study, the researchers conducted ultrasounds and MRIs on the head and neck veins of all study subjects to look for evidence of chronic cerebrospinal venous insufficiency (CCSVI), essentially blockages in the head and neck veins that prevent blood from properly draining from the brain.It is Italian researcher Dr. Paolo Zamboni who first suggested that CCSVI is linked to MS, and he reported that patients’ symptoms were alleviated after undergoing angioplasty to clear the blockages, a treatment that has become known as the “liberation therapy.”The Ontario researchers say that this is the first Canadian study to find “compelling evidence” that CCSVI is not involved in MS.“There will be those who will still want to believe that CCSVI is a real phenomenon, but the reality is that most of the European studies are negative to the theory of CCSVI,” lead researcher Ian Rodger, professor emeritus in the Michael G. DeGroote School of Medicine at McMaster, told CTV News.“Our study bolsters that.”Rodger said doctors who are performing angioplasty on patients “have to be very confident that you are seeing blocked veins, and we, with our study, do not.”Rodger noted that the ultrasound technician involved in his study spent a week training with Zamboni in Italy.Critics of the study, however, say the tests for CCSVI were conducted in 2010, a year before the testing protocol was updated.Researchers who are also conducting studies on CCSVI and its role in MS say ultrasound is no longer the standard for testing, and the MRI scans were not conducted on the part of the neck most associated with blockages.“Any study that is solely based on these techniques will be of limited value to the MS community,” Dr. Anthony Traboulsee of the University of British Columbia told CTV News.Traboulsee has been part of a study, awaiting publication, on the prevalence of CCSVI using ultrasound, MRI and venogram, a scan conducted inside the veins using dye. His technicians found vein flow abnormalities in 60 per cent of those with MS, a very different result than the Hamilton study.Traboulsee and his team are now conducting a clinical trial to diagnose and treat patients in a study that will compare patients who receive angioplasty to open any blocked veins and those who receive a placebo treatment. It is a collaborative effort of the Canadian Institutes of Health Research, the MS Society of Canada and the provinces of B.C. and Quebec.The findings from the Ontario team will not halt his study, he said, which includes both ultrasound and venograms to test for blockages. Traboulsee reports that 60 per cent of MS patients in his study show evidence of CCSVI using ultrasound and venograms.Traboulsee said the Ontario study is “well-designed,” but is “so out of keeping with everybody else’s work, it tells me it’s not a problem with the researchers, it’s a problem with the ultrasound.”Traboulsee says venograms – angriograms conducted inside the veins – are the best way to detect blockages or other blood-flow problems.An Italian study also released Wednesday that was evaluating the feasibility and safety of the angioplasty procedure found blockages in 98 per cent of the 1,200 study subjects using ultrasound with venograms.The lead author of that study, Dr. Tommaso Lupattelli, said the Ontario study may have failed to find CCSVI in MS patients because the technicians only trained on the ultrasound technique for one week. His technicians trained for one year.“I can’t judge what my colleagues have done,” Lupattelli told CTV. “I can just say that if they can’t find CCSVI in patients with multiple sclerosis it’s probably due to the fact that they don’t have a very good learning curve.”Zamboni, who was not involved in either study, said Wednesday that the Ontario group, “did not follow the recommended protocol” for ultrasound.“In my opinion, there are several technical short-comings,” he said.Rodger defended his team’s work, saying that 2010 testing protocols are “fair and objective.”“We are very confident of the measurements we made,” he said. “I would be confident that what we have done is correct.”
High rates of MS in Canada
Multiple sclerosis is a neurological disease that can cause impaired vision, hearing and speech, extreme fatigue and paralysis. The MS Society of Canada says the disease is most often diagnosed between the ages of 15 and 40, and women are three times as likely to develop the disease as men.Canada has one of the highest MS rates in the world. There is no known cause of the disease.Four years ago, Zamboni proposed that CCSVI might play a role in the development of MS, and that symptoms could be alleviated by using balloon angioplasty to open up the neck veins.The angioplasty procedure is not offered in Canada. However, patients from Canada and around the world have flocked to clinics in countries such as India, Poland and Mexico that offer the treatment.Zamboni’s research sparked several studies around the world, and the results have been mixed.In March, a small clinical trial of 30 MS patients at the University of Buffalo found that while the angioplasty procedure is safe, it did not alleviate symptoms, halt disease progression or otherwise improve quality of life.MRI scans also showed an increase in brain lesions in patients who had the procedure.The researchers suggested, however, that a study that includes a much larger cohort of patients is required to definitely prove their findings. They also said that their findings did not prove that CCSVI does not play a role in MS.Also last year, an observational study of residents of Newfoundland and Labrador who travelled abroad for the procedure found it led to no measurable benefit.With a report from CTV’s medical specialist Avis Favaro and producer Elizabeth St. Philip

Read more: http://tinyurl.com/mck2go8

18/02/13

Gianna rinasce a nuova vita FONNI. La commovente testimonianza: «Ho ritrovato la fiducia nel futuro»

  da http://www.labarbagia.net/rubriche/rassegna-stampa-di-michele-arbau  che riporta  questo  articolo  dell'unione  sarda  del  17\2\2013 . Una  storia  di come  noi sardi  ,  regione d'italia   con il più altro  numero di malati  di Scla  non abbia un centro   che  sia iscritto  \ registrato  fra quelli che  sperimentano tale metodo ,  e per  curarsi  (  in quei casi  in cui il metodo  Zamboni   funziona  ed è fattibile  )  debba  andare  fuori   dalla propria  regione  . 

Mi sono sottoposta ad un intervento chirurgico, affidando le mie speranze a quella che ritengo sia la sola possibilità per migliorare la qualità di vita di chi è malato di sclerosi multipla, come me. Ho deciso di parlare pubblicamente della mia situazione e dell'intervento che ho subito». Gianna Allena, 35 anni ad aprile, è originaria di Nule e vive a Fonni da quando si è sposata. La scoperta della malattia nel 2007 non ha disarmato il suo coraggio e la determinazione con cui ha affrontato il percorso, credendo fortemente nel metodo studiato dal professor Paolo Zamboni, chirurgo vascolare dell'Università di Ferrara.
dal  profilo  di facebook della protagonista  
IL RICOVERO «Il primo ostacolo da superare, quando ti ritrovi nelle mie condizioni, è quello di non credere che possa esserci una via d'uscita. Io, al contrario, ho pensato che fosse importante scommettere nel futuro. Mi sono recata a Benevento, presso lo studio del professor Alessandro Rosa, per approfondire gli esami: l'ecocolordoppler ha rivelato un'ostruzione sia alla giugulare sinistra che a quella destra. Confortata dal sostegno morale di mio marito ho deciso di prendere in seria considerazione la possibilità dell'intervento. Sono stata operata il 22 settembre dello scorso anno». L'operazione che ha subito, come previsto dal metodo Zamboni, consiste in un angioplastica dilatativa.
LA GRINTA DI UN TEMPO «I benefici post-intervento sono immediati. Pensavo di non avere nessun problema alla vista e invece mi sono resa conto che, dopo l'operazione, i colori apparivano più vivi e le immagini ben definite. Ho sentito fin da subito le gambe e le braccia leggeri. È da mesi ormai che non provo nessun segno di stanchezza. Il mal di testa che prima mi opprimeva oggi è un brutto ricordo. Ho ritrovato finalmente la grinta di un tempo». La patologia delle giugulari malformate è riconosciuta come malattia dal settembre 2009, ma soltanto il 17 luglio del 2012 il Ministero della Salute ha deliberato in via definitiva l'avvio della sperimentazione in Italia. «La lista d'attesa è lunghissima - dice Gianna -. La Regione Emilia-Romagna ha finanziato lo studio della cura Zamboni. Purtroppo non tutti i pazienti riusciranno ad essere sottoposti all'intervento prima della fine della sperimentazione anche se pian piano qualcosa sembra cambiare».
LA SPERIMENTAZIONE Sono quattro i centri che hanno iniziato le sperimentazioni dello studio “Brave Dreams” (metodo Zamboni) e si prevede che a breve il numero degli Istituti autorizzati a entrare nella fase operativa salga a dieci, incluso il Policlinico Universitario di Monserrato. «Fino ad ora non sono mai riuscita a parlare con i medici del presidio sardo -spiega Gianna - ho provato a chiamare diverse volte ma senza successo. La nostra speranza rimane quella che il metodo Zamboni possa diventare presto la cura per i malati di sclerosi multipla».
Roberto Tangianu

12/11/12

quando l'ottimismo rovina tutto le dichiarazioni della Mantovani sulla ccsvi

Cara Nicoletta  
Nicoletta  mantovani  da www.repubblica .it
del 12\11\2012 
va bene che  sei vip  e hai  bisogno   di pubblicità   per  essere sempre  ala ribalta  e non essere dimenticata    in un mondo in cui l'informazione  è sempre  più veloce  , tanto  che  una news  data ora  fra  5\10 minuti   , se  non   si batte  il ferro  finché  è caldo, si   scompare  . Ma  ciò non dev'essere fatto  ,  credevo  lo sapessi visto  che hai lottato per  anni  a favore  del metodo Zamboni , creando  un forte rischio  di identificazione, nell'opinione pubblica, del problema Cssvi con la sclerosi multipla e di conseguenti facili entusiasmi su terapie "miracolose" hanno scatenato le polemiche che da sempre accompagnano il dibattito intorno al metodo sperimentato dal direttore del Centro malattie vascolari dell'università di Ferrara.
L'avere risolto  la  tua malattia  ( almeno  cosi  ti auguro  )  deve averti fatto  dimenticare   che   Lo stesso Paolo Zamboni, peraltro, anche in una recente intervista a repubblica, aveva messo in guardia rispetto alle speranze di soluzioni facili, ricordando che la Ccsvi è solo una delle possibili cause della sclerosi multipla, che non sempre è presente nei malati di sclerosi e che nella metà degli interventi mirati i casi di recidiva sfiorano comunque il 50%.
Quindi come  dice  la  repubblica online  d'oggi  :<< Davanti a un tema così delicato, la dichiarazione di Nicoletta Mantovani appare dunque un po' spiazzante persino rispetto alla prudenza dei medici che portano avanti il metodo di cura da lei seguito. >>
Ora   se   ci tieni alla  causa  e  non l'hai   opportunamente  calvalcata  ,  m'auguro  che  tenti di  gettare  acqua sul fuoco  a queste  tue dichiarazioni  . Altriementi  ha  ragione  stefania  calledda  ( http://www.stefaniacalledda.it/muliniavento ) quando  dice  


Vicenza - Ponte degli Angeli 11 Novembre 2012
Vicenza – Ponte degli Angeli 11 Novembre 2012

Giornata di M…: mi chiedo se sia peggio il Bacchiglione che esonda in più punti di Vicenza, con tanto di sirena in centro per l’evacuazione, lo stato di allarme cittadino, o la Mantovani che supera i limiti della decenza, vanificando un lavoro di anni per dare faticosamente un’informazione corretta, per costruire una certa credibilità, per riportare il dibattito a livello scientifico e non continuare a fare chiacchiere da bar sul tema della CCSVI. Il livello di conflittualità salirà, il lavoro dei ricercatori verrà turbato, il tutto a totale discapito dei pazienti.Mi sa che preferisco l’esondazione, ha fatto meno danni!


17/09/12

dopo la riabilitazione di Bella arriverà anche quella di Paolo Zamboni e il metodo della cura per la Csvi ?


mentre  ascolto    questa  canzone



 Mi è  venuto  in mente  il  titolo  dubbioso  e    ho scritto  ispirato questa mia riflessione  a   questa  news    riportata  sotto la  news di http://www.you-ng.it/cultura/scienze-e-curiosita/ 

Dott. Di BellaA 100 anni dalla nascita del "poeta della scienza" ecco che arriva una conferma da parte della medicina ufficiale. Il Professor Luigi di Bella originario di Linguaglossa in provincia di Catania era stato massacrato proprio prima di morire, gli vevano dato del ciarlatano al punto che il Professor di Bella se ne andò consapevole che il suo metodo  sarebbe stato attaccato da ogni fronte. Adesso però la comunità scientifica si mette in riga. L'università di Firenze e  Umberto Veronesi con L'Istituto Europeo di Oncologia (IEO) arrivano finalmente a dare dignità scientifica al metodo Di Bella. 
 
La terapia Di Bella si guadagna uno studio realizzato da parte dell'Università di Firenze dal nome: “Effetti combinati di melatonina, acido trans retinoico e somatostatina sulla proliferazione e la morte delle cellule di cancro al seno”. E' uno dei pochi studi autorevoli in campo medico e che finalmente consegnano la Terapia Di Bella al campo della scienza ufficiale. 
Lo studio condotto dall'Università di Firenze è stato poi pubblicato sulla rivista European Journal of Pharmacology ed ha ricevuto l'approvazione del IEO in seguito alla guarigione di cellule tumorali nel seno di una trentenne. Questa volta possiamo dirlo: il metodo Di Bella è efficace contro i tumori. Il tempo delle contestazioni è ormai lontano.

La chiusa di quest'articolo vale Per il metodo di Bella
Ma c'è un altro studioso e medico , Paolo Zamboni ( foto a destra ) , che viene trattato non proprio a merda in faccia visto che negli usa e Canada il suo metodo si sta studiando ed applicando  vedere cosa   la voce Paolo  Zamboni   su  wikipedia  ,in cui  trovate  lenco anche internazionale  delle  sue pubblicazioni   internazionali  ,  anche se deriso ed isolato ( fatte pochissime eccezioni infatti opera in cliniche private e non pubbliche) 

24/03/12

decessi a seguito di infusioni di Tysabri per la sclerosi multipla

 Ma  che  cazzo  a sperimentare  il metodo zamboni-salvi , certo  non va bene  per  tutti\e o  a volte  non riesce  al  primo tentativo ,  ma    è meglio questo  che  morire  per  effetti collaterali di  farmaci   che usi per  curarti   . come il caso  della  news   sotto riporta    ed  ignorata    forse  perchè non è una  notizia o perchè i casi sono pochi  oppure  perché la stampa  ufficiale  è soggetta  alle  lobby  delle case farmaceutiche  . Da  un mio contatto di fb  che soffre di sclerosi multipla   leggo questa  news  

decessi a seguito di infusioni di Tysabri per la sclerosi multipla
pubblicata da StefaniAjò Melis il giorno venerdì 23 marzo 2012 alle ore 0.14



TRADUZIONE CON GOOGLE
212 casi di PML e 46 decessi in pazienti con sclerosi multipla Tysabri a partire dal 1 Marzo, 2012
Biogen Idec hanno rilasciato gli ultimi dati per i casi di PML e di decessi a seguito di infusioni di Tysabri per la sclerosi multipla

Al 1 ° marzo 2012, ci sono stati 212 casi di PML, di cui 122 sono stati dello Spazio economico europeo (SEE), 80 negli Stati Uniti e 10 nel resto del mondo (ROW). 46 dei 212 pazienti con leucoencefalopatia multifocale progressiva sono morti.

In 54 pazienti trattati con Natalizumab SM che hanno sviluppato leucoencefalopatia multifocale progressiva e nei quali erano disponibili campioni di siero 6-187 mesi precedenti l'insorgenza della PML, tutti i 54 pazienti hanno anticorpi anti-JCV rilevato.

I campioni erano disponibili da 86 pazienti al momento della diagnosi PML e tutti 86 risultati positivi per anticorpi anti-JCV.

Inoltre, un campione, prelevato da un paziente al momento della diagnosi PML seguito un ciclo di plasmaferesi (PLEX) risultati negativi per anticorpi anti-JCV. Perché questo campione è stato raccolto immediatamente dopo PLEX e PLEX rimuove gli anticorpi dalla circolazione, le informazioni ottenute da questo campione non è affidabile.

Un paziente testato anti-JCV anticorpi positivi due mesi prima della diagnosi di PML. In precedenza, il paziente aveva provato anti-JCV negativi per gli anticorpi 15 mesi prima della diagnosi di PML, che indica che essi erano stati esposti al virus JC ad un certo punto tra le due prove.

Fonte: Biogen Idec (16/03/12)
ORIGINALE:212 PML cases and 46 deaths in Tysabri MS patients as of March 1st 2012
Biogen Idec have released the latest figures for PML cases and deaths following Tysabri infusions for Multiple Sclerosis
As of March 1, 2012, there have been 212 PML cases, of which 122 have been in the European Economic Area (EEA), 80 in the US and 10 in rest of world (ROW). 46 of the 212 patients with PML have died.
In 54 natalizumab-treated MS patients who developed PML and in whom serum samples were available 6-187 months prior to the onset of PML, all 54 patients had anti-JCV antibodies detected.
Samples were available from 86 patients at the time of PML diagnosis and all 86 tested positive for anti-JCV antibodies.
In addition, one sample, collected from a patient at the time of PML diagnosis following a cycle of plasma exchange (PLEX) tested negative for anti-JCV antibodies. Because this sample was collected immediately following PLEX, and PLEX removes antibodies from the circulation, the information obtained from this sample is unreliable.
One patient tested anti-JCV antibody positive two months before PML diagnosis. Previously, the patient had tested anti-JCV antibody negative 15 months prior to PML diagnosis, indicating that they had been exposed to the JC virus at some point between the two tests.
Source: Biogen Idec (16/03/12)

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget