Visualizzazione post con etichetta CAMPI PROFUGHI DI campi profughi di Sabra e Chatila. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CAMPI PROFUGHI DI campi profughi di Sabra e Chatila. Mostra tutti i post

04/10/12

VIENE RICORDATO DI PIU' L'11\9 \2001 CHE IL MASSACRO NEI campi profughi di Sabra e Chatila

    tradotto  tramite  goooglechrome   
Il massacro dimenticato
Trent'anni dopo 1.700 palestinesi sono stati uccisi in campi profughi di Sabra e Chatila, Robert Fisk rivisita i campi di sterminio
 
 
I ricordi restano, naturalmente. L'uomo che ha perso la sua famiglia in un massacro in precedenza, solo per guardare i giovani di Chatila in fila dopo le nuove uccisioni e in marcia verso la morte. Ma - come il fango accumulato sulla punta spazzatura in mezzo alle baracche di cemento - la puzza di ingiustizia pervade ancora i campi dove sono stati macellati 1.700 palestinesi, 30 anni fa, la prossima settimana. Nessuno è stato processato e condannato per una strage, che anche uno scrittore israeliano, al momento rispetto alla uccisione di jugoslavi di simpatizzanti nazisti nella seconda guerra mondiale. Sabra e Chatila sono un memoriale per i criminali che la responsabilità eluse, che ha ottenuto via con esso.
Khaled Abu Noor era un adolescente, un aspirante miliziano che aveva lasciato il campo per la montagna prima di Israele alleati falangisti entrato Sabra e Chatila. Forse questo gli danno un senso di colpa, che non era lì per combattere gli stupratori e gli assassini? "Quello che ci sentiamo tutti oggi è la depressione," ha detto. "Abbiamo chiesto giustizia, studi internazionali - ma non c'era niente Non una sola persona è stata ritenuta responsabile Nessuno è stato messo davanti alla giustizia e quindi abbiamo dovuto subire durante la guerra 1986 campi (per mano di libanesi sciiti) e così... gli israeliani potrebbero macellazione tanti palestinesi nella Striscia di Gaza 2008-9 guerra. Se ci fosse stato processi per quello che è successo 30 anni fa, le uccisioni di Gaza non sarebbe successo. "
Ha ragione, naturalmente. Mentre presidenti e primi ministri si sono allineati a Manhattan a piangere i morti del 2001 crimini internazionali contro l'umanità presso il World Trade Centre, non un solo leader occidentale ha avuto il coraggio di visitare la umida e sudicia Sabra e Chatila fosse comuni, ombreggiato da alcuni alberi trasandati e fotografie sbiadite dei morti. Né, sia detto - in 30 anni - ha un unico leader arabo preso la briga di visitare l'ultimo luogo di riposo di almeno 600 delle 1.700 vittime. Potentati arabi sanguinare nel loro cuore per i palestinesi, ma un biglietto aereo per Beirut potrebbe essere un po 'troppo in questi giorni - e che di loro vorrebbe offendere gli israeliani o gli americani?
Si tratta di una ironia - ma importante, comunque - che l'unica nazione a tenere un serio ufficiale sul massacro, anche se imperfetta, era Israele.L'esercito israeliano ha inviato gli assassini nei campi e poi visto - e non ha fatto niente - mentre l'atrocità ha avuto luogo. Un certo tenente israeliano Avi Grabowsky ha dato la prova più eloquente di questo. La Commissione Kahan ha l'allora ministro della difesa Ariel Sharon personalmente responsabile, dal momento che egli ha inviato ai spietati anti-palestinesi falangisti nei campi per "scovare i terroristi" - "terroristi" che si rivelò essere inesistente come armi irachene di distruzione di massa 21 anni dopo.
Sharon ha perso il lavoro, ma in seguito divenne primo ministro, fino a quando interrotta da un ictus che è sopravvissuto - ma che ha preso da lui anche il potere della parola. Elie Hobeika, il leader milizia cristiana libanese che ha condotto i suoi assassini nel campo - dopo che Sharon aveva detto la Falange che i palestinesi avevano appena assassinato il loro capo, Bashir Gemayel - è stato assassinato anni dopo, nella zona est di Beirut. I suoi nemici secondo i siriani lo ha ucciso, i suoi amici accusato gli israeliani, Hobeika, che era "andato di traverso" ai siriani, aveva appena annunciato di voler "dire tutto" su di Sabra e Chatila atrocità in un tribunale belga, che ha voluto provare Sharon.
Naturalmente, quelli di noi che sono entrati nei campi sul terzo e ultimo giorno della strage - 18 Settembre, 1982 - i nostri ricordi. Ricordo il vecchio in pigiama sdraiato sulla schiena sulla strada principale con il suo bastone da passeggio innocente accanto a lui, le due donne e un bambino girato accanto a un cavallo morto, la casa privata in cui riparo dagli assassini con il mio collega Loren Jenkins del Washington Post - solo per trovare una donna morta giovane sdraiato nel cortile accanto a noi.Alcune delle donne era stata violentata prima della loro uccisione. Gli eserciti di mosche, l'odore di decomposizione. Queste cose si ricorda.
Abu Maher è di 65 - come Khaled Abu Noor, la sua famiglia originaria abbandonato le loro case in Safad nell'attuale Israele - ed è rimasto in campo per tutto il massacro, in un primo momento increduli le donne ei bambini che lo sollecitavano a correre da casa sua. "Un vicino donna ha cominciato a urlare e ho guardato fuori e ho visto il suo ucciso e sua figlia ha cercato di scappare e il killer la inseguivano, dicendo:" Uccidi lei, ucciderla, non lasciarla andare! "Ha urlato a me e io non poteva fare niente. Ma lei fuggì. "
Ripetuti viaggi al campo, anno dopo anno, hanno costruito un racconto di dettaglio sorprendente. Le indagini di Karsten Tveit della radio norvegese e mi ha dimostrato che molti uomini, visto da Abu Maher essere sfilato via vivo dopo il massacro iniziale, sono stati successivamente consegnati dagli israeliani nuovo al assassini falangista - che li hanno tenuti prigionieri per giorni nella parte orientale di Beirut e poi , quando non poteva scambiare per gli ostaggi cristiani, fatti loro in fosse comuni.
E gli argomenti a favore della dimenticanza sono stati crudelmente distribuito. Perché ricordare a poche centinaia di palestinesi massacrati quando 25.000 sono stati uccisi in Siria in 19 mesi?
I sostenitori di Israele e critici del mondo musulmano mi hanno scritto negli ultimi due anni, abusando di me per fare riferimento più volte al massacro di Sabra e Chatila, come se la mia testimone oculare di questa atrocità ha - come un criminale di guerra - uno statuto di limitazioni. Alla luce di queste mie relazioni (rispetto al mio account di oppressione turca) un lettore mi ha scritto che "vorrei concludere che, in questo caso (Sabra e Chatila), si dispone di un anti-israeliana. Questo si basa esclusivamente sulla numero sproporzionato di riferimenti apportata a questa atrocità ... "
Ma si può fare di troppo? Dr Bayan al-Hout, vedova del ex ambasciatore dell'Olp a Beirut, ha scritto il racconto più autorevole e dettagliato di Sabra e Chatila crimini di guerra - perché è quello che erano - e conclude che negli anni che seguirono, la gente aveva paura di ricordare l'evento."Allora gruppi internazionali iniziato a parlare e chiedendo Dobbiamo ricordare che tutti noi siamo responsabili di quello che è successo e le vittime sono ancora segnato da questi eventi -.. Anche coloro che sono nati sarà segnato -. E hanno bisogno di amore" Nella conclusione del suo libro, il dottor al-Hout chiede un po 'di difficile - anzi, pericoloso - domande: "Se gli autori gli unici responsabili erano le persone che hanno commesso i crimini erano solo i criminali anche coloro che ha emesso gli ordini unico responsabile? , chi in verità è la responsabilità? "
In altre parole, non sono responsabili in Libano con il falangista libanese, Israele con l'esercito israeliano, l'Occidente con il suo alleato di Israele, gli arabi con il loro alleato degli Stati Uniti? Il dottor al-Hout si conclude la sua indagine con una citazione dal rabbino Abraham Heschel che infuriava contro la guerra del Vietnam. "In una società libera", ha detto il rabbino, "alcuni sono colpevoli, ma tutti sono responsabili".
Timeline: Sabra e Chatila
14 settembre 1982
Libano Christian Presidente eletto, Bashir Gemayel, viene assassinato da un militante filo-siriano, ma i suoi fedelissimi incolpare i palestinesi.
16 settembre 1982
Miliziani cristiani libanesi entrare nei campi di Sabra e Chatila per effettuare attacchi di vendetta sui rifugiati palestinesi, di occupare le forze israeliane a guardia dei campi e la cottura razzi per aiutare gli attacchi di notte.
18 settembre 1982
Dopo tre giorni di stupri, combattimenti ed esecuzioni brutali, milizie finalmente lasciare i campi con 1700 morti.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget