Visualizzazione post con etichetta BAR. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta BAR. Mostra tutti i post

29/01/16

TRENTO Trento, il bar lascia la porta aperta ai ladri: «Ma solo per il caffè». Al “Divinito” di piazza Silvio Pellico dopo un furto e diversi tentativi di intrusione, arrivano singolari cartellI

Una storia  curiosa    da http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/trento/cronaca  29\1\2016 



Trento, il bar lascia la porta aperta ai ladri: «Ma solo per il caffè»

Al “Divinito” di piazza Silvio Pellico dopo un furto e diversi tentativi di intrusione, arrivano singolari cartelli

29 gennaio 2016




TRENTO. Dopo un furto estivo portato a termine da una gang di ladri acrobati ed una serie di tentativi di effrazione sia col piede di porco che provando a rompere i vetri antisfondamento, al Divinito bar di piazza Silvio Pellico, angolo Galleria Itas, hanno deciso di fare un pubblico appello ai potenziali ladri. Per evitare ulteriori danni, sono stati appesi dei cartelli nei quali si comunica sia che la cassa è vuota, ma anche le slot machine e che entrambe sono collegate all'impianto d'allarme:
“La cassa dei soldi è vuota e non la lasciamo di certo piena per voi – si legge nell'ironico messaggio – quindi se volete entrare per rubare alcolici o a farvi un caffè fatelo pure: lasciamo la porta aperta... certi di una vostra collaborazione, ringraziamo.” Beh, a questo punto non si può che entrare per sentirsi confermare che è proprio così: «Per riparare la vetrata non basta l'incasso di una settimana», dicono.



Nel locale si scopre che la specialità della casa è la cucina thailandese e che il papà diRatana che gestisce il “Divinito” insieme alle figlie Zaira e Solinda Rizzi, era Puniab Sing Pataja, maharaja del Puniab, un principe Sihk indiano e suo padreBhupinder Singh, detto il Magnifico. Dietro al banco ci sono così le eredi del ceto nobile dell'India e Ratana è di mamma thailandese e papà indiano. A Trento è conosciuta per aver gestito i “2 Giganti” e dopo un passaggio a Riva del Garda è al secondo anno al Divinito. «Durante il giorno l'attività è seguita da Zaira e Solinda, a mezzogiorno con mio marito Paolo Rizzi cuciniamo».
La sorpresa è che il mercoledì è sempre proposto un piatto thailandese a rotazione ed il venerdì pesce. Tutti i giorni invece, è in menù il “Kawamukay”, un piatto a base di pollo sfilacciato e riso. Uno dei segreti è «cuocere sempre il riso col brodo e mai con l'acqua», dice Ratana. «Il sapore è del tutto diverso e ci sono persone che lo mangiano quasi tutti i giorni». Così, una pausa pranzo alternativa può essere fatta a base di cucina thailandese fresca, praticamente in centro a Trento.
Alla sera il Divinito chiude a mezzanotte, ma non si può mangiare: «Cambia la clientela: a mezzogiorno sono tutti pranzi di lavoro leggeri e veloci, la sera facciamo aperitivi, stuzzichini e musica», dice Paolo Rizzi. Che aggiunge: «Sa cosa mi lascia amareggiato? Che se facciamo una festa i vicini protestano e poi quando è suonato per venti minuti l'allarme, nessuno lo ha sentito».

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget