Visualizzazione post con etichetta Annette Gabbedey. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Annette Gabbedey. Mostra tutti i post

23/01/14

anche la vita ai margini può essere stupenda la storia di Annette Gabbedey orafa senza dita

ti potrebbero interessare 


unione sarda  del 23\1\2014 
Leggo sulla pagina di facebook   dell'unione sarda  (  www.unionesarda.it  )  d'oggi  la storia  di Annette Gabbedey, una storia   particolare  .Infattti come potete vedere  anche dalla foto sopra  essa è  l'unica donna al mondo a essersi cimentata nell'arte dei preziosi nonostante il suo handicap.
dal suo sito   
Le sue mani sono senza dita. Una grave malformazione, quella di Annette Gabbedey, che non le ha impedito di realizzare il suo sogno: creare gioielli. Nel suo negozio di Frome, nel Somerset, l’orafa inglese, 48 anni, produce (come se fosse la cosa più naturale del mondo) braccialetti, anelli e orecchini, pur non potendosi aiutare con le dita. A lei, esperta nella lavorazione dell'opale e di altri metalli preziosi, il primato a livello mondiale per essere riuscita in un'impresa tutt'altro che facile: sperimentare l'arte orafa nonostante la disabilità.
Molti si chiedono, fra  cui  http://donna.fanpage.it/  come Annette riesca a portare avanti un’attività in cui l’uso delle mani è indispensabile, ma la donna afferma che riesce a compiere ogni movimento necessario in maniera del tutto naturale e senza sforzi, per lei non c’è nulla di strano nel creare gioielli senza dita. Prima di iniziare una lunga pratica con gli esperti gioiellieri dell’Hatton Garden di Londra, Annette ha studiato in un’importante scuola di orafi e seguito un corso all’Università. Dopo gli studi si è trasferita a Somerset ed è diventata una delle più esperte creatrici di gioielli della Gran Bretagna, si è specializzata nella lavorazione dell’opale ed oggi è proprietaria di una boutique in cui vende i suoi splendidi oggetti preziosi.

quindi in .... a chi dice   che chi ha un handicap   non possa ne fare niente  nè  fare una vita  normale 








Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget