Visualizzazione post con etichetta 4 novembre. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta 4 novembre. Mostra tutti i post

04/11/12

si al ricordo del 4 novembre no alla festa delel forze armate

ecco perchè  non mi piace  il 4 novembre   e preferisco il ricordo  alla celebrazione 


.  Perchè  succede sempre  cosi   gli alti papaveri   scaricano le  loro  resposabilità anche  gravi   su  i loro  subordinati  come del caso sotto riportato  

  dall'unione sarda  del 3\11\2012

 
































Paolo Gaspari ha ricostruito la verità grazie alle memorie di 16 mila prigionieri Le bugie di Caporetto.
Sconfitta,non vile disfatta «Cadorna scaricò le colpe sull’esercito travolto» Il toponimo Caporetto è entrato nella lingua italiana come sinonimo di disfatta, ritirata in massa. Come Waterloo per i francesi,per gli italiani la cittadina oggi slovena è diventata il simbolo della più tragica sconfitta della Prima Guerra mondiale che vide l’esercito austro-ungarico e tedesco sfondare le  linee alpine sull’Isonzo e riversarsi nella pianura veneta.L’Italia fu a un passo da perdere la guerra. Ma da quella battaglia durata due settimane scaturì la reazione che portò alla riscossa sul Piave e alla vittoria.
 Quella vittoria, che si celebra domani con la ricorrenza della fine della Grande Guerra,nasce dagli eventi di Caporetto.

video
 Scusate  l'interruzione ma  è più forte  di me ,   certi colegamenti mi  vengono all'improvviso  e  cerco di bloccarli  . Per una riflessione su tutte le guerre. Una intensa canzone del grande e indimenticabile Fabrizio de André con le straordinarie foto di Lisa Bernardini.

 Rprendiamo  con articolo 

La storia della ritirata è stata finalmente riscritta grazie alla scoperta di una mole enorme di documenti negli archivi militari, non perché tenuti segreti per nascondere la "vergogna"del nostro esercito,ma solo perché  volutamente ignorati dagli storici. Oggi è possibile sapere la verità e restituire l’onore a quelle migliaia di ufficiali, sottufficiali e truppa che combatterono eroicamente, molti morirono e in 300 mila furono fatti
prigionieri, per fermare l’enorme offensiva messa in atto dagli austroungarici. Su di loro fu fatta cadere la colpa della sconfitta: gli eroi si ritrovarono ad essere indicati come i codardi che fuggirono in massa apren-
do le porte dell’Italia all’invasore e la loro memoria è stata tramandata con l’ignominia della  disfatta.
NUOVA VERITÀ. La realtà della sconfitta è ben diversa da come è stata sinora raccontata. Fu determinata non dalla viltà dei soldati (se non in pochi casi),ma dall’impari entità delle forze in campo, da un esercito
stremato dalle 12 battaglie dell’Isonzo e da tre anni di trincea,dall’impossibilità in quelle condizioni di tenere un fronte lungo 20 chilometri davanti al massiccio sfondamento.Ma soprattutto fu causata dalle gravissime responsabilità strategiche del comandante in capo generale Luigi Cadorna e dei suoi diretti collaboratori, i quali immediatamente scaricarono i loro plateali errori sui reparti in  ritirata. Da qui nacque la leggenda nera di Caporetto,rafforzata dal fascismo per esaltare la riscossa del Piave e per altre  ragioni sostenuta
nel secondo dopoguerra.
da http://www.gasparieditore.it/
IL LIBRO. La nuova verità emerge grazie al poderoso studio dello storico friulano Paolo Gaspari. Un volu-
mone di 600 pagine edito dallo stesso studioso che a Udine guida una importante casa editrice specializzata nei libri sulla Prima  Guerra, apre la  strada a ricerche  inedite e a una  nuova interpretazione di quei  giorni. Certo, ci vorranno  anni prima che questa verità trovi spa zio nei manuali  scolastici e nelle  università dove è sempre lungo e  difficile cambiare  la tradizione degli studi, ma un solco è stato tracciato.
Paolo Gaspari,che vive a contatto con i luoghi e i ricordi della Grande guerra,insieme ad una pattuglia di esperti si occupa della storia  militare del ’15-’18. Tra i numerosi volumi sinora pubblicati anche tre di dieci dedicati interamente alla Brigata Sassari. 
«Seguendo il corso dei nostri studi, abbiamo messo assieme
le tessere di un complicato mosaico. Ed è venuta fuori un’im-
magine ben diversa di quella che abbiamo sempre visto su
Caporetto», spiega Gaspari.
IL BOLLETTINO. Tutto comincia con quel famigerato bollettino  del 27 ottobre 1917 firmato a  Roma dal generale Cadorna (che poi verrà sostituito con il
generale Armando Diaz): «Alcuni reparti del IV Corpo abbandonarono il 25 ottobre posizioni importantissime senza difenderle. Circa 10 reggimenti arresisi in massa senza combattere. Vedo delinearsi un disastro, contro il quale combatterò sino all’ultimo...la mancata resistenza di reparti della 2 Armata vilmente ritiratisi senza combattere e ignominiosamente arresisi al nemico… L’esercito cade non sotto i colpi del nemico esterno, ma sotto i colpi del nemico interno per combattere il quale ho inviato al governo quattro lettere che non hanno ricevuto risposta».Come si vede Cadorna scarica sul basso e anche sopra di lui.
I MEMORIALI. La verità esce  dallo studio di 16 mila memoriali scoperti negli archivi dell’Esercito che conservano le dichiarazioni raccolte a caldo dagli ufficiali catturati dai tedeschi e rientrati dalla prigionia. Si tratta delle testimonianze in diretta dei quattro quinti dei graduati che si ritrovarono coinvolti a Caporetto.«In questi memoriali gli ufficiali, dal generale al diciannovenne sottotenente,dovettero raccontare quanto era accaduto e quanto avevano visto dal 24 ottobre al giorno della cattura. Solo poche centinaia di giovani scrissero un paio di stringate paginette,la gran parte lasciò mezza dozzina di fogli protocollo e alcuni 40-50
fogli con gli schizzi delle posizioni,facendo i nomi dei sottufficiali e dei soldati coinvolti nella loro vicenda personale».
Inoltre Gaspari ha potuto esaminare 400 interrogatori fatti ai militari sopravvissuti.
Gli ci sono voluti tre anni per fotocopiare circa 7mila di questi memoriali, tutti quelli riguardanti i reparti della 2a Armata accusata di viltà da Cadorna. «Come si può immagi nare si tratta del più grande archivio italiano di diaristica: il fatto che sia legato alla storia militare è senz’altro una delle ragioni per cui la cultura italiana non l’aveva preso in considerazione.
Mi sono emozionato nel trovare testimonianze di fatti rimasti sconosciuti,di vere battaglie ignorate dalla storiografia italiana (Cividale, Udine,Codroipo, solo per citare le maggiori). La storia raccontata dagli ufficiali di prima linea mi ha consentito,attraverso lo studio incrociato delle testimonianze, di ricostruire quasi tutti i combattimenti  I vinti di Ca-poretto diventano di colpo coloro che ci svelano ciò che altri hanno mascherato o taciuto».
Cosa accadde, allora? In  estrema sintesi: è fuori di dubbio che la tattica, l’addestramento e l’armamento dei tedeschi a Caporetto erano superiori. Alcuni reparti "imperiali", meglio preparati e freschi,compirono autentiche imprese nell’occupare posizioni decisive.Il Bollettino di Cadorna parla di reparti in fuga, ma i reparti sono costituiti dai battaglioni di  poche centinaia di uomini e  non da migliaia di soldati delle divisioni.«Le cose andarono di-versamente», conclude Gaspari: «Attaccati e circondati da forze fresche e prepoderanti gli italiani combatterono sino a morire o ad essere catturati in 300 mila. 
Un numero enorme,di cui non si seppe nulla sino a guerra finita.Furono interrotte le comunicazioni e il comando di Cadorna incapace e disorganizzato,questo sì,per ordinare una reazione, scaricò le colpe della disfatta sui soldati».
                                                    Carlo Figari


01/11/12

4 novembre celebrare o ricordare ? no ala retorica delle armi si a ricordo degli italiani mandati a macello


che palle  'sto spot per il  4  novembre  festa delle forze  armate  almeno fosse originale  invece  è    è una esatta  copia   di quello del 2008 (  che trovate sotto   visto che non sono riuscito a trovare  quello di quest'anno  )


Lo so che  con questo  post   m'attirerò l'odio  d'alcuni di voi   e   forse  perderò compagni  di strada  , ma   solo  purtroppo consapevole   che  la  solitudine   


  è il  rezzo da  pagare per chi va  in direzione  ostinata  e contraria ed  ha il coraggio di dire    sempre  quello che  si  pensa e  se si vuole  essere  liberi completamente  come    Ma liberté  sempre  di Georges Moustaki   (   versione  originale  dello  stesso autore ,   la versione italiana curata da Bruno Lauzi, grande cantautore genovese  ) 
Ora  , come credo  penseranno alcuni\e  di voi   leggendo o solo il titolo o  le prime righe   del post , Io non odio  , chi  ha  fatto la  scelta d'appartenere alle forze armate e di partire  come volontario  in guerra  nelle  (  pseudo ) missioni di pace   , ma  odio  l'istituzione e l'ideologia
  da   Francesco Guccini Dio è Morto
[....]  Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede in ciò che spesso han mascherato con la fede, nei miti eterni della patria o dell' eroe perchè è venuto ormai il momento di negare tutto ciò che è falsità, le fedi fatte di abitudine e paura, una politica che è solo far carriera, il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto, l' ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto e un dio che è morto, nei campi di sterminio dio è morto, coi miti della razza dio è morto con gli odi di partito dio è morto...   [.... ]                          


che  trasmette  e i suoi rituali   celebratevi   e il ricordo  passivo \ fallace   e  momentaneo .
da  google alla  voce plutocratica  sicumera
Infatti  : <<  “ricordare non basta. Memoria è un ricordo "attivo" che vuole comprendere i meccanismi, le cause e dunque le ragioni che  determinarono una storia, e sa rileggerle nel presente per capirne le "mutazioni" e le mimetizzazioni nelle forme nuove in cui quella stessa violenza torna e tornerà ad esercitarsi. Forme diverse sempre più evolute e sofisticate. E' dunque solo la Memoria a dare senso al proprio impegno per costruire un futuro in cui si possa sperare che quella violenza non torni a mostrarsi, con volti diversi ma la con medesime atrocità, per il nostro passivo ed ignaro consenso.
Perdere "la Memoria storica" ci rende estranei a noi stessi, incapaci di riconoscere le nostre radici, di capire il nostro presente, di costruire un qualsiasi futuro.” (  da  www.ritatria.it ) >> . Solo  cosi il ricordo  non   diventa    ,  lo so che  dico  sempre  la stessa  cosa  (  vedere  foto    a sinistra  ) . Ecco quindi   odio (  anche  se  , chi  è senza peccato scagli al prima pietra   , non ne  sono immune  )   i ricordi  forzati  cioè le  celebrazioni  che  durano  solo  una  giornata o al massimo   2\3  giorni è  via  o si ricorda  solo a metà -- vedere   il mio post   dell' anno scorso  sul  10 febbraio ---    per poi ritornare in soffitta ed  essere rispolverato per  l'anno prossimo  ) .
da
http://www.primaguerramondiale.it/grande-guerra/battaglia-di-caporetto.htm
Ora    sono sicuro  che  :    chi di voi mi conosce  da quando  sono online   sia  molti miei concittadini  silenziosi  nei commenti sul blog  , ma  molti attivi  nel commentare i post  d'essi  che  metto  su  facebook    o  a voce  quando  m'incontrano   .m i diranno :  << ma  come  cosi offendi la memoria della  nostra  patria e di chi  è morto  per  essa o  va   a morire  per  essa   .
Ma   soprattutto  dei  tuoi  parenti   >>  Mio nonno   e  suo  fratello che  andarono  in in Etiopia    1 2  come  amministratore ilo  primo   e  come militare il secondo  ) o    il  fratello  di  tua nonna  in quella di   Grecia come medico militare .,  o   come  uno zio di   tua madre morto a  17 anni   saltando su una mina  in quella   di  caporetto (  foto  sopra  a destra ) e  sepolto  se  non ricordo male ---  da  quanto  mi raccontava  mia nonna  materna   morta 2  anni  fa  al  96  anni --- nel sacrario (  foto  sotto   al  centro )  Redipuglia  

da  http://www.cimeetrincee.it/sacrari.htm


Io essendo  una  generazione di mezzo  (  cioè del  1976  )  ho  : 1  ) solo sentito parlare  di tale  vicende  da  nonni   e prozii\e  e  loro amici ., 2)  andavo a  tali manifestazioni   retoriche   sia per  far felice mio nonno  paterno  ., sia perchè , anche  se  : <<  Un declino dell'interesse nei confronti della ricorrenza si è avuto, come si accennava prima, con la derubricazione del 4 novembre a "festa mobile" a partire dal 1977 >> (  dalla  voce wikipediana giornata dell'unità nazionale  e delle forze  armate  )  ci  obbligava  la  scuola    , ero fra il 1982\3-1986\7 alle  elementari . Poi   direttamente  attraverso letture  personali     o si suggerimenti (  di cui trovate  traccia   nell'archivio  2004-2010    cioè  gli i post   dell'ex  splinder  chi non avesse  voglia  o tempo di cercare  , mi scriva  all'email del blog    e risponderò fornendo tutte le  informazioni   )  sia  da mio padre  ,   sia   di amici pacifisti  e non violenti  , insomma anarchici  e del  cattolicesimo  radicale  o  catto comunisti  , sono passato alla  contestazione  (  da non confondere  con l'odio  per chi  celebra  o ricorda  )   di tale  festa   come  espresso in  queste  righe  .
 Quindi si al ricordo perchè si attivi  sempre  bistrasciato   maltrattato da  sinistra  a destra  e viceversa  l'articolo 11  della nostra costituzione

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.
   no  alle celebrazioni pompose  come   quelle  del  primo video  . Con tali soldi  che si risparmiano  con spot  simili   e le manifestazioni  militari come quelle del 2  giugno  e  del  4  novembre  (  che  si differenziano da una semplice   corona   ai vari sacrari e monumenti ai caduti  nei cimiteri  ) potrebbe risanare  l'ambiente  insalubre  ricco d'amianto e  d'uranio delle  ex basi militari   ereditate  dalla guerra  fredda  .
Con questo è tutto  buon ricordo a tutti\e

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget