Visualizzazione post con etichetta è la vita e tu non puoi farci niente. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta è la vita e tu non puoi farci niente. Mostra tutti i post

25/04/12

la vita è un casino ma ... parte 2



"Oh me, oh vita! 
Domande come queste mi perseguitano, 
infiniti cortei d'infedeli, 
città gremite di stolti, 
che vi è di nuovo in tutto questo, 
oh me, oh vita! "
(Walt Whitman)



Oggi ,  proprio  mentre ascolto  la  colonna  sonora  del  bellissimo  film Into the Wild - Nelle terre selvagge (Into the Wild), regia di Sean Penn (2007) , mi  viene da   riprende  la  discussione  iniziata nel  mio post precedente  : la  vita  è un casino ma  alo stesso tempo vale la pena  d'essere vissuta . Ecco  che  definisco meglio  la mia concezione  su d'essa . La  vita  è  un grande mistero   o  dono divino  ( dipende  da  i punti di vista  )  per  cui  non esiste  una risposta   fissa  , definitiva  ed  immutabile  perché  ogni uno  di  noi  la  vede  in maniera  diversa e personale .Voglio  specificare la creazione di una  mia tag  :  è la vita  e tu non puoi farci niente La  vita  .  




Nel senso   )  che la  vita  è imprevedibile  e mutabile  e  che quindi   si  può , anzi si deve  per  ( a meno che  tu  vedere  l'atro  video sotto   scelga  diversamente  ) lottare  per -- ma  non è  il mio percorso  -- renderla straordinaria  oppure  --  è questo  fra  alti  e basi , battere  e levare  , cadere  e  rialzarsi  , fra il dolce  e l'amaro   il mio percorso -- vivere nel bene e nel male  la vita  nella  sua pienezza   non vivere come monumento \ omologato   cioè morto vivente  e  il sopravvivere  porto all'estremo e  alla passività   , reagire per  modificarla come suggerisce la  vignetta   riporta   a  destra  . a  voi decidere  quale  tipo   di vita  intraprendere    .L'importante  è  che  decidiate  liberamente   senza  farvi suggestionare   dal primo che  capita, sottoscritto compreso   che  ha  : << Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta, ed è per questo che sono diverso ( Robet Frost San Francisco, 26 marzo 1874 – Boston, 29 gennaio 1963) ed è tratta da :La Strada Non Presa>>, ma  che ragionate    con la vostra testa



  io nonostante  tutto  vado  avanti  , scalciando pietre e venendo scalciato  . Ma  come  dice la canzone sotto : 








Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget