Visualizzazione post con etichetta è internet. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta è internet. Mostra tutti i post

22/08/12

la radio non è più libera ? Moderno, sociale e senza limiti così YouTube 'uccide' le radio star

 c'era  una volta



opure



  tutto    questo  viene messo indiscussione -  Infatti da  http://www.repubblica.it/


TENDENZE

Moderno, sociale e immensamente ricco
così YouTube ha 'ucciso' le radio star

Il sito di condivisione video è lo strumento più utilizzato al mondo per l'ascolto musicale, superando radio, download e cd. Un successo costruito grazie a una strategia ben costruita, puntando sulla legalità ma potendo contare su milioni di appassionati che gli danno linfa. Perché gli utenti non vogliono più solo le Top 40di ERNESTO ASSANTE

Moderno, sociale e immensamente ricco così YouTube ha 'ucciso' le radio star
 UN TEMPO la fonte primaria che i giovani usavano per ascoltare musica era la radio. Ora non è più così: a conquistare lo scettro è YouTube. Secondo un recente studio di Nielsen, è proprio il sito di condivisione di video la fonte primaria attraverso la quale il pubblico giovane ascolta musica, il 64% per cento degli intervistati la preferisce alla radio, ad iTunes ai cd. 
E' un cambiamento che è in atto da tempo: il tasso di crescita nell'uso di YouTube tra gli adulti negli ultimi anni è stato di circa il 25% ogni mese, e tra i giovani la percentuale è stata quasi il doppio. E che questa crescita abbia colpito in particolare la musica non deve meravigliare, se si pensa che YouTube offre oggi in ascolto quasi tutta la musica del mondo on demand e gratuitamente, un servizio pressoché imbattibile. 
A sorprendere è, semmai, che YouTube superi di gran lunga la radio: solo il 56% degli intervistati ha dichiarato di usare la radio come fonte primaria, il 53% ha detto di usare la musica acquistata da iTunes sui propri lettori multimediali, e il 50% di usare ancora i "vecchi" cd. 
YouTube ha conquistato la sua leadership con una strategia molto ben costruita, investendo molto nella legalità del suo servizio, nel pagamento delle royalties ad artisti e case discografiche e, soprattutto, nella costruzione di un contenuto imbattibile, un "jukebox" planetario dove c'è praticamente di tutto, non soltanto il pop di consumo dell'ultim'ora, ma musiche di ogni genere e stile, classica, jazz, avanguardia, folk, musiche di nicchia e di successo, anche non occidentali. 
Il tutto con la straordinaria collaborazione di milioni di persone che per passione, per divertimento, per motivi spesso insondabili, caricano nel sistema brani musicali di ieri e di oggi rendendoli disponibili a tutti. E YouTube ha anche cercato di chiudere accordi con le case discografiche, addirittura integrando in qualche modo il servizio di Vevo, costruito dalla Universal per fronteggiare lo strapotere di YouTube. 
L'azienda, controllata da Google, ha puntato tutto sulla musica, su ogni genere di musica (basti pensare al lavoro, eccellente, fatto con la YouTube Symphony Orchestra 2), dando spazio attraverso il contenuto generato dagli utenti ad ogni artista del mondo che voleva rendere disponibile la propria musica affianco a quella delle più grandi star del pianeta. 
E' diventata così, in pochi anni, la fonte primaria di consumo musicale per i giovani, perché offre un catalogo infinito, un'esperienza audivisuale, è gratuita, non avendo presentatori o testi è naturalmente planetaria, parla la stessa lingua in tutto il mondo e, cosa non secondaria, è un social network, funziona con le regole di partecipazione e ingaggio dei siti sociali, il suo contenuto viene facilmente dissemintato su Facebook e Twitter, ed è fruibile da ogni macchina, cellulare, computer, tablet, smartphone e molti televisori. 
Gli utenti, con il loro uso di YouTube, hanno contribuito in maniera importante nel determinare cosa esattamente vogliono da un servizio musicale dell'era digitale, costringendo l'industria discografica e gli operatori Internet a fare i conti con una realtà che oggi ha assunto dimensioni straordinariamente grandi. Perché, ed è bene sottolinearlo, se l'ascolto radiofonico è frammentato tra milioni di radio in tutto il pianeta, YouTube è un'unica destinazione, gestita da una sola azienda. E questo nella storia della comunicazione e dell'industria musicale, non era mai avvenuto prima. 
La radio è destinata quindi a soccombere? No, non proprio, anzi. Lo studio rivela che il 48% di chi consuma musica scopre nuovi artisti, nuovi brani, nuovi album attraverso la radio; solo il 10% lo fa attraverso amici e parenti e ancor meno, il 7%, lo fa usando YouTube. E questo è un altro elemento importante per comprendere come sta cambiando e come cambierà il mercato della musica in futuro e come il formato dominante della radio oggi, quello che propone i top 40, cioè i brani già arrivati ai vertici delle classifiche di vendita e null'altro, sia destinato a cambiare, a lasciare il passo a forme di intrattenimento musicale che consentano maggiore diffusione di musiche e artisti nuovi, selezionati, scelti dalle emittenti nel gran mare delle proposte che oggi la rete e YouTube in particolare offrono, mare nel quale è difficilissimo orientarsi anche per gli ascoltatori più appassionati ed esperti. 
C'è una forte richiesta da parte del pubblico, secondo lo studio di Nielsen, di un ruolo di scelta e selezione che se in passato era fatto soprattutto dalle case discografiche, oggi invece può essere svolto principalmente dalle radio, che dovendo per natura scegliere quale musica programmare, possono presentare e proporre ai loro ascoltatori la scrematura della immensa produzione odierna, che arriva attraverso i sistemi digitali sempre più spesso senza il filtro delle aziende che fino a qualche anno fa producevano musica.
Ma non bisogna cadere nell'errore di pensare che YouTube sia la nuova radio, o la nuova Mtv. Al contrario non è né l'uno né l'altro ed è per questo che ha successo, perché è uno strumento nuovo, digitale, in perfetta sintonia con le giovani generazioni, così come la radio fu nel cuore dei ragazzi degli anni 50, il 45 giri in quello dei ragazzi del decennio successivo e, via via, gli album in vinile, il walkman e il cd hanno segnato il consumo musicale delle generazioni successive.  

24/06/12

povera italia dai fascisti \ nazisti ai razzisti\xenofobi

vedendo   questo  cortometraggio d'Ettore  scola  




video


in cui  descrive  di come  l'Italia  sia passata  Dai nazisti ai razzisti. '"43/'97", un corto inedito di Ettore Scola regalato a l'Unità che fa da "testimonial" al festival itinerante "Libero cinema in libera terra". Pochi folgoranti minuti in cui l'autore di "Una giornata particolare" ci dice di come il cinema possa mettere in salvo da ogni razzismo, violenza e sopraffazione. Con citazioni da  vari  film ovvero  capolavori  italiani.
canticchio  chiedo scusa , a chi mi segue  fin dal mio esordio  in rete  nel  lontano  2004 ,   se mi ripeto  , ma  certe  cose la gente  ottusa non le capisce  e  (  ma  chi se ne frega io continuò ad andare avanti e a non curarmi di loro  )  mi giudica  comunista  ,  questa canzone più attuale  che mai  , perchè mi sembra  giusto ed  opportuno passare  dal piangere  e piangersi ( vedere  sotto   il video di Battiato povera patria  a cercare una  nuova patria   , vedere il video   della  Guzzanti da  0.55  in poi  ) senza  però scordarci il passato  ( vedere  il secondo video della guzzanti  ) 










e  mi  rattristo  di  come siamo caduti in basso  hanno ragione  sia  De gregori e  Battiato  con queste due  canzoni ormai entrate nel  nostro Dna   panorama  culturale musicale italiano 











 ma allora tutti sottovalutammo e consideravamo i primi rigurgiti come nostalgici del fascismo e del nazismo e credevamo fossero solo 4 gatti

sia  Guido Crainz (  foto  a  sinistra e qui la  sua  bibliografia )    l'autore  de Il paese mancato  Dal miracolo onomico agli anni ottanta (  copertina   sotto  a  destra  )  . Il libro  è la storia dell’Italia dagli anni Sessanta ai primi anni Ottanta, la storia – sapientemente descritta e raccontata – di un Paese che avrebbe potuto essere altro da quello che è diventato e che è tuttora, un Paese mancato appunto, e che in quel lasso di tempo ha attraversato una delle congiunture sociali e politiche più eccezionali e irrepetibili che possa venire a determinarsi nel percorso di vita di uno Stato e una nazione.  Sempre secondo la  sezione  recensioni  de  il sito http://www.brigaterosse.org   ( sito non più aggiornato  dal  2007 che  a  causa  della mentalità bacata  di  digos  e  polizia  postale  ,  ma  anche  della cultura  di  stato  vedere   il post  di Matteo tassinari     che racconta  come   uno spirito libero come de  andrè  venne  scambiato  come fiancheggiatore  delle  Br  , la stessa cosa  è successa  a  questo sito reo solo di pubblicare   come  documentazione storica i comunicati delle  Br  ) 

Tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta non c’è stato nessun aspetto del nostro vivere civile che non sia stato attraversato da sommovimenti profondi, capaci di alterare nelle fondamenta modi di viveri sedimentati e condivisi. Quello che in questa sede interessa, però, è un altro aspetto fondamentale del libro: la capacità, cioè, di descrivere e spiegare con assoluta efficacia le premesse di una stagione di rivolta, i motivi per cui “improvvisamente” una parte della società italiana decide di provare a cambiare la struttura profonda del paese, le regole del vivere comune, i codici di comportamento, i modi di pensare e concepire i rapporti sociali, sia del pubblico che del privato. Per fare questo, Il Paese mancato ci spiega l’Italia degli anni Sessanta al di là e oltre la facile formula del “miracolo economico” che pure si verificò davvero, ma che da solo non basta a descrivere una società complessa e contraddittoria e sull’orlo di una rivolta generazionale. L’Italia dell’esperimento riformista e della congiuntura, della crisi delle due Chiese, quella cattolica e quella comunista, delle tragedie di Avola e delle morti bianche. Fino allo scoppio del biennio ’68- ’69, l’autunno caldo, gli anni furibondi della strategia della tensione e dell’eversione.

È a questo punto, in questo momento, che Il paese mancato diventa un libro necessario, anche nell’ambito di

12/06/09

Inquietante...



Dicono che sogniamo, l'articolo di "Repubblica.it" è stato fatto sparire, ma qui siamo in Parlamento, o no?



Non mi fa impazzire Grillo, però parla dal Senato... acciderba...




20/04/09

Rai, se il buongiorno si vede dal mattino preparate i parapioggia adessoi censurano anche ui senatori a vita

 



Camilleri, l’italiana più importante del secolo ha compiuto un secolo di vita e fa paura al centro destra. Rita Levi Montalcini, scienziata e premio Nobel, rischiava di essere censurata da Mauro Masi, neo direttore generale Rai, che non la voleva da Fazio il 26 aprile: non può essere invitata perché “è una senatrice”. Il giornalista Loris Mazzetti ha avvertito l'associazione Articolo21 e lo stop è rientrato. Il cavallo che Caligola nominò senatore si chiamava “Incitatus”. E quanti sono gli “Incitatus” ai quali la Rai non fa mancare la biada di microfono e telecamera? Per un minimo di par condicio, fra cavalli e premi Nobel, almeno ogni cento “Incitatus”, Masi si conceda il lusso di invitare una Rita Levi Montalcini! Il buongiorno si vede dal mattino, e il mattino della nuova dirigenza Rai promette una giornata da cappotto e parapioggia. I primi atti sono stati censori e intimidatori: la richiesta di una puntata “riparatrice” a Santoro; l’espulsione di Vauro con un gelminiano 5 in condotta; la richiesta, rientrata, di non far partecipare a una puntata di Fazio il premio Nobel Rita Levi Montalcini, per i suoi cento anni. La scusa era che, essendo la Montalcini anche una senatrice, la sua presenza avrebbe alterato i delicati equilibri della par condicio che, però, non vengono alterati dall’ossessiva presenza di Berlusconi in ogni Tg pubblico e privato. «Lo riprendiamo in quanto presidente del consiglio» si difendono i direttori Tg. E che così si fa un’indiretta ma redditizia campagna elettorale. «A me la morte non fa paura», ha dichiarato la Montalcini. È vero: sono i vivi a fare paura, soprattutto se appartengono a quel grande allevamento di cavalli berlusconiano da dove vengono scelti, sì, gli «Incitatus» senatori, ma anche ministri, onorevoli, manager, direttori generali.

09/12/08

la destra non vuole che la gente ragioni i caso soru da fazio

da http://www.altravoce.net/
<<
 
L'effetto-Soru ha fatto scomodare Maurizio Gasparri, inviperito contro Fabio Fazio. Il capogruppo del Pdl al Senato, da sempre il più berlusconiano di Alleanza nazionale, ha addirittura invocato l'intervento nientemeno che di Rosario Villari. Quello scelto dalla destra nelle file del Pd per presiedere la commissione di vigilanza Rai: rimasto stoicamente al suo posto nonostante la successiva indicazione unanime per Sergio Zavoli. Villari è stato poi espulso dal Pd, dove era approdato dall'Udeur di Mastella: coerenza, innanzitutto. Indubbiamente una figura di altissimo profilo morale politico, la più adatta a sanzionare eventualmente Fazio per aver ospitato a “Che tempo che fa” Renato Soru. Deve aver lasciato davvero il segno, l'intervista di domenica, se oltre Gasparri anche il suo vice Francesco Casoli, è all'attacco del conduttore. Ma il fatto più sorprendente è che i due non contestano il contenuto dell'intervista. Non hanno censurato la trasmissione per una sola parola di Soru. Non potevano. Non è stato un comizio né una sparata politico-elettorale, non ci sono state parole forti e neanche polemiche verso Berlusconi, il centrodestra o gli avversari nel Pd. Ha proposto la sua idea della politica, le sue ragioni, solo pacatamente confermando la linea arcinota sulla situazione alla Regione e la decisione di continuare a fare politica in e per la Sardegna, escludendo un orizzonte nazionale. “Schivo e pensieroso”, lo ha definito il “Corriere della Sera”, che come altri quotidiani nazionali segue come mai è accaduto in passato il percorso di un presidente della Sardegna non più alieno ma certo anomalo nella politica nazionale. Non le parole ma solo la presenza di Soru da Fazio hanno scatenato le ire di Gasparri e Casoli. Forse neanche gli applausi scroscianti, l'ultimo particolarmente vibrante e prolungato, di un pubblico che non è una doppia claque di sinistra e destra come a “Ballarò” o unilaterale come da Santoro: meno schierato e impegnato politicamente ma non per questo meno sensibile a temi alti. Evidentemente è stato davvero notevole l'impatto del Soru più tranquillo e in palla, disteso, sorridente ma intenso visto finora in tv. Sicuramente ha dato grande fastidio che da una platea televisiva nazionale ad alto gradimento e di elevata audience arrivasse l'immagine e la sostanza che un altro politico non solo è possibile ma anche c'è: stride con i mestieranti vocianti, ottiene naturaliter un consenso complessivo ben superiore a quello in caduta libera del Pd. La reazione di Gasparri non è solo indirizzata alla Sardegna e alle probabili elezioni anticipate, in vista delle quali crea disagio e fastidio un sicuro candidato credibile e convincente come è apparso il presidente dimissionario. All'esponente della destra è riuscito sicuramente sgradito che in un momento di grande difficoltà di Veltroni e del Pd, il maggior partito di opposizione proponesse di sé l'immagine di una personalità ormai stabilmente all'attenzione di tutto il Paese, non solo della Sardegna. È ormai è chiaro e noto a tutti che Soru ha conquistato tanta parte degli italiani, sicuramente anche il rispetto dell'elettorato di destra, con la sua sobrietà, la diversità dell'approccio ma anche la semplicità e profondità efficaci e coinvolgenti delle sue affermazioni. È ugualmente noto che ai sardi in transito in tanti ambienti della penisola - specie tra personalità prestigiose, simpatizzanti e dirigenti di base del centrosinistra - accade sempre più spesso di sentirsi dire: “Beati voi che avete Soru”. Questo non è un dato encomiastico: è un dato e basta, segnale di una popolarità e di un gradimento estesi e consolidati, a ragione o torto, piaccia o non. Soru ha fatto breccia nel comun sentire nazionale. Come pesa e peserà in Sardegna, dove mai nessuno è stato profeta in patria se non per brevi stagioni? E soprattutto, quale impatto avrà fra gli avversari di Soru nel Pd, alcuni davvero lividi per l'attenzione e il rispetto che gli tributa la grande informazione, anche quella molto severa nei confronti del centrosinistra? Senza dimenticare le recenti parole nient'affatto ostili dello stesso Berlusconi alla presentazione del G8 di la Maddalena. Insomma, la domanda era e resta: conquistati tanti italiani, Soru conquisterà o riconquisterà i sardi e il consenso ottenuto nel 2004, confermato nei primi due anni, declinato nel 2007 e che pare essere fortemente risalito per le sue dimissioni contro gli avversari interni in sinergia col centrodestra? In questo periodo circolano e vengono diffusi abusivamente i sondaggi più stravaganti con una caratteristica: se ne parla e se ne scrive senza mai che qualcuno rispetti l'obbligo di indicare chi l'ha commissionato e la metodologia impiegata. Soru non ne ha ordinato alcuno, mentre è di questi giorni la notizia che sta provvedendo il Pd per volontà di Veltroni. Sondaggi più o meno fasulli e strumentali a parte, ora si tratta di capire se anche la performance da Fazio gioverà o nuocerà a Soru nella valutazione degli oppositori del Pd. Che ne disarmi l'ostilità, è quasi da escludere. Ci sono personaggi che vogliono la sua testa e basta: la sua popolarità nazionale crescente potrebbe rinfocolarne l'avversione rancorosa. Sembrano totalmente indifferenti al fatto che anche i sondaggi segnalano oggi e per giugno il Pd in grave caduta di consensi per le europee rispetto alle politiche di aprile. E che a oggi la Sardegna potrebbe essere un argine all'avanzata del centrodestra: sempre che il marasma nazionale del Pd non travolga tutto e tutti. Ma non è affatto probabile perché il Pdl, tutto ancora da costruire, resta fortemente diviso, senza un candidato credibile da opporre a Soru. E che tanti sardi non hanno dimenticato la tremenda esperienza del Polo alla Regione. Segnata - altro che questione morale - anche da una serie impressionante di illeciti sfociati in una stagione giudiziaria che ha visto e vede tanti suoi esponenti di primo piano (inclusi un presidente e tanti assessori regionali) alla sbarra, condannati o costretti al patteggiamento. Servirà tutto questo a raffreddare le tensioni? Non è affatto detto. Tra Cagliari e Roma si deve decidere se nominare un commissario autorevole che guidi il partito,specie se si andrà alle elezioni, anche nella formazione delle liste. Per superare la disamistade attorno alla segretaria Francesca Barracciu, di fatto non riconosciuta da una parte e impedita nello svolgimento di un mandato fragile, servirebbe un personaggio di grande autorevolezza fra i pochi rimasti nel Pd: del livello di Bersani o Letta, giusto per esemplificare. Quanto alle elezioni anticipate, con tutte le comprensibili riserve e dubbi, sembrano un esito inevitabile. Non si è trovato un accordo in oltre un anno, del tutto impensabile che ci si arrivi adesso, in una settimana. Il ricorso alle urne, paradossalmente, stringendo i tempi e riducendo i temi ai punti decisivi, potrebbe indurre o imporre una qualche intesa. Oppure lasciare le cose come stanno e che comunque marcirebbero e peggiorerebbero se si decidesse di tirare a campare. Infine tirando le cuoia a giugno, quando il voto europeo - col Pdl avanti di dieci punti, almeno a oggi - trainerebbe la destra anche alla Regione. Ci sono sempre stati dei passaggi cruciali in cui il ricorso alle urne è stata non un'avventura ma un liberazione da nodi che si possono recidere, mai sciogliere. Quello in atto sembra appunto uno di questi momenti senza vie d'uscita negoziabili. Si rischia una scissione nel Pd, viene detto. E dove, verso un ipotetico terzo polo? Con la legge elettorale in vigore, non c'è trippa per gatti terzi e quarti. Il vincitore relativo incamera i seggi del listino, il ruolo di opposizione va al secondo maggior schieramento, ad altri neanche le briciole. E comunque, la quadratura del cerchio non è ancora riuscita ad alcuno. Perciò, accada quel che può, succeda quel che deve.
>>




Sono stati cinque anni pieni di contraddizioni ma anche di forti conquiste. Soru non è un presidente perfetto, ma di sicuro il migliore degli ultimi decenni. Le sue idee daranno frutto in futuro,spero che in questi mesi i sardi riescano a chiarirsi le idee senza dare retta ai mass media isolani   soprattutto le tv   

06/11/08

Troll informatici

Non metterò mai abbastanza in guardia la gente su questo fenomeno:Non lasciamoci bloccare dai Troll!


I Troll informatici sono persone balorde che hanno come unico scopo di rompere le scatole altrui,alle volte rovinando tutto il loro lavoro,non dobbiamo lasciarci sopraffare da questi personaggi che vogliono ridurre tutto ad un lungo sproloqiuo senza senso.


Se venite "attaccati" da Troll l'unica mossa utile è ignorarli di modo che se ne vadano da soli.


Ulteriori dettagli su cosa sono e come evitarli li trovate a QUESTA PAGINA oppure QUI


 Do-not-feed-the-troll

05/06/08

Pace, non pacifismo

Amici lettori, ecco a voi alcuni appuntamenti di sicuro interesse. Il primo riguarda la Marcia per il Clima indetta a Milano il 7 giugno da numerose associazioni ambientaliste (e non solo). Anche gli umanisti vi parteciperanno. Ecco che quindi che Presenziare risulta sempre più irrinunciabilee necssario, soprattutto dopo l'annuncio del ritorno all'energia atomica da parte del ministro Scajola, che l'informazione di massa tende a presentare come inevitabile o, al limite, un male minore. "Non pronunciamo solo dei no, come ironizza qualcuno - sottolinea Alberto Pero (Umanisti per l'Ambiente) - ma anche Gianni Silvestrini, ex-consulente di Bersani, che è un ingegnere e non un hippy fuori tempo, ha dimostrato che quella dell'atomo è una scelta antieconomica e insicura. Del resto oggi, per ottenere informazioni dettagliate e oggettive, occorre rivolgersi al web". E al web ricorriamo per diffondere notizie che altrimenti non avrebbero il giusto rilievo. Lo ripetiamo ormai da molto tempo.
Mentre i Grandi del mondo si accapigliavano al vertice della Fao e vociavano contro le esecrande provocazioni di Ahmadinejad senza però riuscire a elaborare un'efficace strategia per contrastarlo, gli amici de Il Dialogo hanno concluso il terzo dialogo islamo-cristiano. Da diversi anni, anche in tal caso nel più totale disinteresse dei canali informativi, un nutrito numero di uomini e donne portano avanti un discorso alternativo allo scontro di civiltà. Un confronto serrato, avulso da melliflui sincretismi.
Ai leghisti che scalpitano per varare il reato d'immigrazione clandestina replica un infuocato Alex Zanotelli. Grazie al cielo abbiamo ancora lui.
Un tempo le donne esigevano non solo pane, ma anche rose. Oggi non abbiamo né l'uno né le altre; per questo si regredisce. E noi siamo e vogliamo essere persone di pace, non pacifisti. C'è bisogno d'un mondo più gentile, della forza della natura, dell'umana lentezza.


Daniela Tuscano




  fiori    di  Adriano Celentano - Giovanni "Neffa" Pellino


 








Svegliati nel sole che sta nascendo,
quanta strada ho fatto per arrivare in tempo,
ora lascia i sogni che abbiamo chiuso dentro
sussurrare ancora nel vento.
Tornano alla luce i miei occhi stanchi,
tutto il mio futuro è adesso che mi guardi,
prima c'era il vuoto di queste stanze così grandi
e i silenzi troppo ingombranti.
Per noi che abbiamo avuto tutto il mondo contro
e già sappiamo che si prova a stare in fondo,
per noi deve esserci un'uscita sull'esterno
e un giorno dopo quest'inverno.
Dimmi che è l'istante che hai atteso sempre
e ora che ci siamo non serve dirci niente.
Siamo stati soli anche quando c'era troppa gente
nella nebbia controcorrente.
Per noi che abbiamo avuto tutto il mondo contro
e già sappiamo che si prova a stare in fondo,
per noi deve esserci un'uscita sull'esterno
e un giorno dopo quest'inverno.
(Coro) Ora sentimi vicino a te, ora sentimi vicino a te...
E come i fiori aperti che credevamo persi (ora sentimi vicino a te) ritorneranno i giorni senza la pioggia su di noi (ora sentimi vicino a te) e come i giorni aperti..dodadodide... (ora sentimi vicino a te)


04/09/07

Basta lasciamo in pace le gemelle Cappa

Intervengo , andandocome mio solito contro  corrente   solo ora  sui fati di Garlasco  e  sulle  cugine  Cappa ( o Kappa  come vengono chiamate in rete ) , dopo un silenzio dettato  dall'evitare  nel  cadere  ( non basta  come  viene  fatto e  come  sarà fatto in autunno   con le trasmissioni  di Vespa e vita in  diretta ) e ma soprattutto per  evitare  come dice  questo lungimerante post  del nostro utente  alitodivento il chiachericcio e  i bla  bla  bla   inutili .
Come  dicevo  dal titolo  lasciamo in pace le  gemelle Cappa , prendiamo esempio  da coloro della community di NGI  hanno fatto questo ---  a metàstrada  fra l'ironia ed il cinismo   blog di fotomontaggi dedicato alle  gemelle  Cappa ---  che   ha  fatto auto critica  : << Direi che con quest'ultimo post di Sagaris si può chiudere in bellezza.Abbiamo riso, abbiamo scherzato, siamo addirittura finiti sui TG e sui giornali.
Penso sia il caso di fermarci qui per evitare di passare dalla parte del torto, dalla parte di quelli che approfittando dell'onda d'urto cercano un attimo di notorietà Nessuno voleva ciò. L'idea è nata come scherzo, come gioco e come attimo di risate, sicuramente non per cercare di dimostrare qualcosa a qualcunoDopo la belleza di 2,636 risposte, con fotomontaggi accettabili o non, con risate e partecipazione di una buona fetta di forum nonchè di persone che si sono iscritte solo per dire "la loro", il gioco qui finisce.
Questo thread andrà fra qualche giorno in "forum memorabilia" per un ricordo.Un bel gioco dura poco, se vogliamo evitare di scadere su cose ormai non più divertenti, chiudiamo qui il contest dei fotomontaggi. Se vogliamo discuterne ancora, c'è questo thread,ma non è per postare ancora fotomontaggi.
Grazie ancora a tutti, soprattutto per la comprensione.Grazie a tutti i mod/admin che si sono smazzati per pattugliare questo thread giorno e notte ed evitare uscite sgradevoli.E' incredibile il potere che ha "il popolo di internet".. e questa è solo una piccola dimostrazione, forse "un esperimento".Cerchiamo quindi di non esagerare per evitare che la "bomba mediatica" si rivolti su di noi in maniera poco gradevole. >>

Ora  Basta   le due ragazze hanno sbagliato ed  giustamente  come dice  sia   in risposta  ad un mio commento  sia  sulo  suo blog   Pino scaccia  : << N
essuno ce l'ha personalmente con le gemelline. Sono diventate protagoniste in negativo perche rappresentanotutto quello che di negativo offre ogtutto quello che di negativo offre oggi la società. gi la società.
Sciacallaggio ? Sono loro che hanno "sciacallato" se stesse. continua sul  suo sito personale  TorrediBabele >>.
In quanto   anche se  si  siano proprio comportante come ciniche ragazzine in cerca di fama , non meritano  la  la gogna mediatica e via web .
 
Come  sembrano   testimoniare  --- vero o falso,spontaneo  o opportunistico   che  sia  questo video di youtube  che  ha  dato origine ne  trovate  eco nei commenti  e  nell'articolo sotto riportato  -- la  indignata  ( stavolta  giustissima )  la  reazione di una delle cugine Cappa
<< Ma in fondo queste ragazze mi sembrano proprio l'immagine della ragazza media italiana, frutto della società che è stata in larga parte plasmata proprio da quel mondo dell'informazione che ora le critica e che ora (sempre con grande bigottismo) . >> -- Sempre  come  dice Sagaris qui sul  forum  della  comunity  http://gaming.ngi.it ---
<< Le gemelle K non mi sembrano per niente "eccezionali" nella loro "tristezza".. credo che in Italia ormai sia pieno di persone della loro levatura morale: corona, lele mora, la gregoracci ecc. del resto sono proprio i modelli di "successo" proposti dalla stessa tv che li porta alla ribalta in continuazione per poi criticarli in continuazione.
finchè non si arriva al punto in cui si arriva all "oltreuomo" corona che se ne frega di tutto perchè "ogni pubblicità è una buona pubblicità" (e se si ragiona dal punto di vista materialista non ha tutti i torti).
Hanno avuto la "sfortuna" di essere colte in flagrante nella loro cinica ed ipocrita ricerca di successo..
Comportamento che credo sia compiuto da migliaia di loro coetanee ogni giorno (ed in sostanza, se non ci ritroviamo sommersi da "fotomontaggi col cugino/zio/parente morto" è solo perchè fortunatamente gli omicidi non sono così frequenti e, di norma, una foto originale la si possiede!).>> . Basta  smettiamola  chi siamo noi per arrogarci il diritto di farlo ?-siamo sicuri che con il nostro fare non stiamo solo aumentando questo ciclo mediatico? (se sono arrivati allo stadio dell'oltre uomo gli stiamo addirittura facendo un favore!) non stiamo rafforzando questo mondo spazzatura ? (...) >>
Smenttiamola  non continuamo  infare dello sciacallaggio (  fig., sfruttamento scandalistico di notizie ... dal dizionario online demauropavia  ) come dimostra  la  durissima replica   ad una  utente  di youtube  di Sefania  Cappa   secondo  l'articolo riportato sotto  di http://web20.excite.it/news/

<<

Terreno dello scontro è YouTube, e in particolare il video intitolato "Conoscevo Paola e Stefania K".( lo trovate  sopra  )  Tra i commenti al filmato, ormai oltre 300, ci sono anche alcuni interventi in prima persona di Stefania Cappa, che risponde stizzita alle tante accuse rivoltale dagli altri utenti.
"Secondo me facciamo tutti meglio a finirla di dare spazio alle K a me non interessa la sua opinione, non vale proprio nulla...che vergogna..." dice l'utente persepolina, e la Cappa risponde così: "vergogna fai tu!".
A chi la accusa di voler stringere accordi con Corona, la gemella replica: "Con corona c vai tu io studio e tra 10 gg ho un'esame!".
La cugina di Chiara Poggi si è trovata a fronteggiare un enorme numero di messaggi privati arrivati, che hanno probabilmente fatto perdere la pazienza a Stefania: "Provate voi ad avere da un gg all'altro una parente assassinata e 1000000000000 giornalisti che vogliono sapere tutto di lei!oh ma non scherzate!mentre voi ridevate di noi,noi eravamo in caserma a rilasciare deposizioni,mentre voi ridevate di noi,non avevate capito niente!altrochè notorietà!noi rivogliamo nostra cugina!".
Dopo questo messaggio, evidentemente pressata anche dal pubblico di YouTube, Stefania ha cancellato il suo account dal sito. Una situazione degenerata anche per colpa di alcuni utenti fittizi creati negli ultimi giorni, che si spacciavano anch'essi per lei. Sull'attendibilità della vera Stefania, ci sono invece le prove che vi abbiamo fornito ieri.


>>





 

19/08/07

Senza titolo 1986

In mezzo a tutta questa confusione amorosa mi siono dimenticata di scrivere del fine settimana più bello di questi ultimi anni. Quello del 4 e 5 agosto che ho passato a Cornè - Brentonico, un paesino in provincia di Trento dove è nato e vissuto mio padre fino a trentadue anni. Ho rivisto la mia zia Agnese dopo dieci anni, le mie cugine Ornella e Ivana e il figlio di mio cugiono Dante Dossi attuale vice sindaco, militante in area centro sinistra, del comune di Brentonico. Questo riportato qui sotto è mio cugino mentre viene intervistato dalla Rai nel corso di una trasmissione sul turismo in Italia. (La foto accanto è un errore nel corso del copi e incolla, capita ndr).






















La mostra a Palazzo Baisi (foto Agh)   Marco Fontanari (foto Agh)  
   
Dante Dossi (foto Agh)









Con mia zia ho passeggiato da Cornè fino a Brentonico, si tratta di due paesini vicini. mentree passeggiavo con lei parlvavamo del più e del meno e mi piaceva tanto quando passavano le automobili e lei mi stringeva forte a sè come a proterggermi. E' stato bello anche quando ci siamo sedute su uno spigolo di pietra ed abbiamo ammirato quell'immenso spettacolo di natura allo stato puro segno dell'amore di Dio. Passeggiandio con zia Agnese ho anche avuto modo di vedere la casa ed il terreno che erano di proprietà sua e di mio padre. Terreno venduto perchè mio padre doveva fare fronte ad alcune spese dei parenti di mia madre giù a Caserta. Mi sono sentita per due giorni molto amata e coccolata. Questa immaggine riprodotta in basso è parte del paesaggio che ho ammirato agli inizi di agosto.



Romilda Marzari




12/07/07

Senza titolo 1935

Speriamo che la nascita di nuove forme sindacali  all'interno delle forze dell'ordine porti un vera democratizzazione  dele nostre  forze dell'ordine . Inffatti in questi giorni  sono sorti  : 1)  www.mgfo.altervista.org ; 2)  www.grnet.it il "nuovo blog per le Forze Armate e di Polizia" nato con l'obiettivo di far sentire lavoce della base e rappresentare al tempo stesso un nuovo mezzo di denuncia sulle tematiche relative al settore della Sicurezza e Difesa.Il periodico telematico, ieato da Francesco Palese in collaborazione con Giuseppe Paradiso, si avvale dei contributi di numerosi delegati del Cocer (Consiglio centrale di rappresentanza) di Esercito, Carabinieri, Marina,Aeronautica e Guardia di Finanza, dei sindacati della Polizia di Stato e soprattutto dei singoli operatori in divisa .
Speriamo inoltre ( voglio  provare ad  avere fiducia  dopo i fatti di Napoli  e il g8 di genova  e lere repressioni dele altre manifestazioni ) che realmente rispetto,non generalizzazione,legalità,e cambiamento di metalità ( l'obbedir tacendo ) ,e l'insegnamento di  quella che  un tempo  si  chiamava ( e  che anelle scuoole  e nelle istituzioni  non esiste più )  educazione civica  .
Visto che  come dimostra il  file qui sotto preso  da questo sito qui

 www.twango.com/m/140b2fa1ac

audio hosting by Twangouno stralcio  di quele  telefonate  fra  agenti  e 113  durante  il  g8   di genova  201  e di cui parla l'articolo sotto riportato  del network  tg24
del 6  lugliio 2007 (  www.skylife.it/html/skylife/tg24/ )


G8 Genova, 2001 – “Speriamo che muoiano tutti”. E ancora: “Uno a zero per noi”. Sono stralci di conversazioni telefoniche, queste. Comunicazioni tra gli agenti e il 113scuola Diaz di Genova durante il G8 2001. 26 registrazioni, che gli avvocati delle parti lese depositano oggi nell’ultima udienza, prima della pausa estiva, del processo per l’incursione nella scuola, che vede 29 imputati tra agenti e funzionari di polizia. Le accuse per loro sono di lesioni, falso e calunnia.
La notte del 21 luglio, notte dell’irruzione – Le 26 registrazioni contengono le conversazioni degli agenti di polizia. Sullo sfondo la manifestazione, gli scontri, la morte di Carlo Giuliani, l’irruzione nella scuola Diaz. C’è chi ironizza sulla morte del ragazzo, chi parla di “balordi” e “zecconi” (i manifestanti) che mettevano i cassonetti dei rifiuti in mezzo alla strada. C’è chi chiede se sia vero che “c’è una valanga di feriti” e chi risponde “sì no, guarda io non te lo so dire”. Si parla di manganellate e teste aperte. E c’è Spartaco Mortola, allora dirigente Digos di Genova che agli agenti nel suo ufficio raccomanda di portar via le molotov. Quelle molotov che l’accusa sostiene siano state introdotte dai poliziotti all’interno della scuola Diaz per giustificare l’irruzione. Molotov, custodite in Questura e poi sparite. (.... ) qui l'articolo integrale


26/05/07

Senza titolo 1855

  nei commenti ad  un post precedente trovo questo appello dai  cdv papaboysajo.splinder.com/ che qui  riporto   con  sotto  il video annesso  in quanto mi danno fastidio le censure da qualunque parti provengano 



ATTENZIONE ! APPELLO URGENTISSIMO !!! SIAMO RIUSCITI A SALVARE UNA COPIA DEL FILMATO "Sex Crimes and Vatican - NO CENSURA!"


Potete vedere il video integrale, prelevare il codice e inserirlo nelle Vostre pagine web. UNA REALE DITTATURA OCCULTA TENTA DI STRAPPARE, SCIPPARE LA NOSTRA LIBERTA'!! Diffondere questo comunicato. Inserite nuovamente il video!!! Cerchiamo di fare cerchio compatto e ribelliamoci! In soli 24 ore hanno oscurato i più importati siti che divulgavano il video incriminato. INONDATE I VOSTRI SITI WEB CON QUESTE IMMAGINI CHE NON DEVONO ESSERE CENSURATE!



P.s  se nel caso il video  non dovesse comparire  o  lo censurassero  anche dai  video sopra riportati  lo trovate qui con emule


13/04/07

Tg di regime



Il Tg1 ha mandato in onda durante l´edizione delle ore 20.00 - la più seguita - del 10 aprile, un filmato in cui si vede un gruppo di talebani uccidere Sayed Agha, l´autista del giornalista Mastrogiacomo. Il direttore del Tg1 Riotta ha giustificato la messa in onda del filmato con queste parole: " Vogliamo che l'opinione pubblica rifletta su come si viva nelle zone dell'Afghanistan che sono ancora in mano ai talebani e, soprattutto, sulle ragioni per cui le nostre truppe sono in quel teatro di guerra". Critichiamo senza mezzi termini la direzione del Tg1, non per il fatto di aver mandato in onda il video, ma per la motivazione che, secondo la dichiarazione di Riotta, starebbe dietro la decisione di mandarlo in onda. Il nostro dissenso si basa su diversi motivi.
1) Molti italiani conoscono la condizione in cui vive l´Afghanistan. Non c´era bisogno della messa in onda di quel video: il Tg1 non è l´unica fonte di informazione. Su giornali, riviste, settimanali e mensili, sono stati scritti fiumi di parole sull´Afghanistan. Ormai la rete internet è usata da un numero sempre crescente di persone proprio per ricevere informazioni - visto che quella televisiva è sempre meno libera - e dove circolano numerosi video che riguardano
proprio l´Afghanistan.
2) Il video trasmesso non rappresenta neanche lontanamente la vita "nelle zone dell'Afghanistan che sono ancora in mano ai talebani". Nel video si vedono solamente alcuni criminali, probabilmente talebani, che tagliano la gola a Sayed Agha. Su cosa dovrebbero riflettere gli italiani? Dando per scontato che i criminali fossero veramente talebani, si può al massimo constatare la loro assurda violenza. Ma da questa constatazione alla riflessione sulla vita in quelle zone dell´Afghanistan c´è un abisso notevole. Potremmo sospettare che c´è un tentativo di manipolazione dell´informazione? Sì, possiamo sospettarlo.
3) Ma l´ultima parte della dichiarazione di Riotta è quella che lascia più sgomenti, e cioè che questo video dovrebbe far riflettere gli italiani "sulle ragioni per cui le nostre truppe sono in quel teatro di guerra". Sono più di cinque anni che gli eserciti più armati e tecnologici del mondo stanno occupando l´Afghanistan, eppure oggi i talebani stanno recuperando sia sul piano dei territori che hanno sotto controllo, che sul piano del consenso popolare.
I mezzi più diffusi d´informazione, in compagnia di tutte le forze politiche oggi presenti in Parlamento e che hanno votato a favore del finanziamento della missione militare italiana in Afghanistan, non capiscono o fanno finta di non capire. L´Italia, purtroppo, è ancora succube di una politica americana che sta trascinando tutti i suoi alleati in un altro inferno, come quello irakeno. Un inferno perché proprio questo cieco affidarsi alla voce delle armi ha dato nuovo vigore alla violenza talebana, rinvigorita probabilmente dalla "fraterna" collaborazione di Al Qaeda.
No, quello del Tg1 delle ore 20.00 del 10 aprile 2007, non è stato per niente un bel servizio. Soprattutto non è stato al servizio della verità.
Roma11\4\0

Carlo Olivieri
Segreteria Programma e Documentazione del Partito Umanista

                                 

17/02/07

Senza titolo 1642

alla  faccia di  chi vuole combattere  internet  con la repressione  e la censura.IL video della prof  di Lecce  è ancora  disponibile in chiaro   ,  cioè  con i  visi  non coperti  e   dove adirittura  si  chiamano con  nome  . ecco  per dovere di cronaca  e non per  fare pubblicità alla cosa ,   il sito  www.metello.com  in cui si trova e   dove  sono presenti altri video di bulli  ,  che prontamente ho segnalato  ai gestori nell'apposito  form  presente   sotto ogni video , dove puoi commentare ,  o mandarlo via email , e  contattare  la redazione    per prooporne altri o  se  esso non è di tuo gradimento 

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget