Visualizzazione post con etichetta «Sardigna terra de bombas e cannones» (Sardegna terra di bombe e cannoni). Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta «Sardigna terra de bombas e cannones» (Sardegna terra di bombe e cannoni). Mostra tutti i post

23/03/17

Forza italia giudica un convegno contro le basi americane in sardegna tenutom nelle scuole come Antimilitarismoe ci fa un inutile interrogazione di Forza Italia al Senato


l'antefatto

Olbia, lezione sui poligoni militari allo Scientifico
L’iniziativa voluta dal Collegio dei docenti nell’ambito del progetto scolastico “Sa die de sa Sardigna”
Antimilitarismo nelle scuole dell'isola, interrogazione di Forza Italia al Senato




Se invece  i censori , avessero  organizzato un controdibattito ne  avessero fatto   unoloro  o chiesto di partecipare magari avessero fatto   una più bella  figura  


 dalla nuova  sardegna del   23 marzo 2017

Il provvedimento si riferisce a un evento intitolato «Sardigna terra de bombas e cannones» (Sardegna terra di bombe e cannoni) che si è svolto nei giorni scorsi in un liceo scientifico di Olbia




SASSARI. I senatori di Forza Italia Bruno Alicata, Emilio Floris e Maurizio Gasparri hanno presentato un'interrogazione urgente ai ministri dell'Istruzione Valeria Fedeli e della Difesa Roberta Pinotti in merito ad un evento, intitolato «Sardigna terra de bombas e cannones» (Sardegna terra di bombe e cannoni) che si è svolto nei giorni scorsi nel liceo scientifico di Olbia «Lorenzo Massa» per censurare la presenza di basi e poligoni militari in Sardegna.
Un incontro che, moderato da Cristiano Sabino, esponente dell'indipendentismo sardo, è inserito in un progetto della scuola che prevede altri tre appuntamenti. I parlamentari chiedono innanzitutto «se non ritengano inconcepibile che all'interno di istituti statali vengano diffusi messaggi contro le istituzioni, con tesi sostenute da comitati spontanei, separatisti o antimilitaristi, peraltro senza alcun contraddittorio».
Inoltre, i senatori azzurri domandano alle responsabili dei dicasteri dell'Istruzione e della Difesa «se non ritengano opportuna la sospensione degli altri appuntamenti previsti e quali provvedimenti di propria competenza intendano adottare nei confronti degli organizzatori o di coloro che, comunque, hanno permesso questo tipo di manifestazione all'interno dell'istituto». 


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget