Visualizzazione post con etichetta #jenniferwest. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta #jenniferwest. Mostra tutti i post

14/03/17

reportage fotografico posada - man nuoro ( mostra di Berenice Abbott )

  Ho colto e  elaborato l'idea il   suggerimento  del presidente   dell'associazione  culturale  \ fotografica  la sardegna  vista  da  vicino
(...)
Lancio una piccola idea per la "giornata fotografica" se può essere di vostro gradimento, raccontare una piccola storia da 3 a 5 immagini prodotte appunto nella giornata.
Raccontando  la  giornata  la  nostra  escursione    domenica    in 5  foto . Almeno ci provo è perchè   è stata   molto ricca  di  spunti   .

Posada









era  una bella  giornata   visto   che gente  prendeva il sole  oltre  che  a pescare   estare seduta  in spiaggia




Poi al museo man di  Nuoro
a vedere le mostre di:    Berenice Abot ( 1898-1991), una delle più originali e controverse protagoniste della storia fotografica del Novecento. la prima grande retrospettiva italiana dedicata a Berenice Abbott, che durerà fino al 21 maggio 2017, divisa in tre sezioni: ritratti, New York e fotografie scientifiche.( la parte  più bella, secondo me , della mostra   come potete  vedere  dalla mia

 questa mia  foto  a destra    ) .




video

 Jennifer West, Action Movies, Painted Films and History Collage, a cura di Lorenzo Giusti.  
Prima personale dell’artista americana in un museo italiano,la mostra si compone di un gruppo di 10 lavori realizzati a partire dal 2005 e di una nuova opera che costituisce un punto di svolta nella produzione dell’artista.  Film Title Poem (2016)è infatti l’ultimo e unico film sonoro realizzato da West. L’artista descrive il lavoro come un "un montaggio psichico della mia interiore storia del cinema”. L’opera si presenta come un collage di immagini, tratte da oltre 500 titolature di film, trasferite su una pellicola da 35mm. La materialità del film - in seguito trasferito su supporto digitale - è sottolineata dall’intervento diretto sulla pellicola attraverso motivi incisi, contorni, tracciati e forature. Sensuale, astratto e immaginifico allo stesso tempo, il lavoro indaga l’incidenza della fiction nella nostra memoria e il modo in cui la rivoluzione digitale ha cambiato l’esperienza della visione.  

Poi una birretta   ed  altre  consumazioni   prima di riprendere , stavolta  , il viaggio  di ritorno




Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget